fbpx
RecensioniRecensioni TechTech

La recensione di Dreame T30, l’aspirapolvere senza fili che stavi cercando

La nostra prova di Dreame T30, l'aspirapolvere senza fili più potente di sempre

Dreame T30 è un aspirapolvere senza fili, uno dei tanti all’apparenza. In fondo ormai tendono tutti a somigliarsi molto: stesso design “a pistola”, medesimo uso della tecnologia ciclonica e una confenzione che racchiude più accessori così da donare al prodotto un po’ di versatilità perchè ormai, nel 2021, una spazzola sola non basta. Quindi perché questo prodotto dovrebbe essere l’aspirapolvere senza fili dei vostri sogni? Cosa lo rende più interessante di altri? Per scoprirlo l’abbiamo messo alla prova per ben 3 settimane. Vi raccontiamo tutto in questa recensione di Dreame T30.

La recensione di Dreame T30

Dreame probabilmente non è il primo brand che vi viene in mente quanto pensate agli aspirapolveri ed è normale. E’ sicuramente meno diffuso di altri marchi ma non per questo meno valido.
Facciamo però un passo indietro: chi è Dreame?
L’azienda nasce nel 2015 con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita degli utenti con elettrodomestici altamente tecnologici e dedicati alla pulizia degli ambienti. Nel 2017 Dreame si unisce alla Xiaomi Ecological Chain, ossia al programma con cui Xiaomi supporta altre aziende vendendo i loro prodotti nei Mi Store oppure applicando il marchio Mi per favorirne la diffusione.
In sostanza c’è un po’ di Xiaomi in Dreame.

Ora che sapete qualcosa in più dell’azienda che ha prodotto il T30, cerchiamo di capire com’è questo aspirapolvere senza fili, da poco sbarcato anche in Italia.

Un’eccellente qualità costruttiva

la composizione di Dreame T30

Lo confessiamo subito: Dreame T30 ci è caduto. Più di una volta. Questo, al netto del piccolo infarto iniziale, ci ha permesso di notare due aspetti fondamentali:

  1. L’aspirapolvere che viene dalla Cina è davvero molto resistente. Nessuna crepa, nessun graffio, nessuna smaccatura. Nonostante il corpo sia in policarbonato, il prodotto risulta molto solido, davvero ben costruito e progettato per resistere anche agli utenti un po’ maledestri.
  2. Manca una base di appoggio. O meglio, Dreame ha previsto un supporto a muro che, a nostro avviso, è poco pratico. Sono sempre meno le persone disposte a bucare il muro per posizionare l’aspirapolvere, vuoi perché sono in affito vuoi per la volontà di non vincolarsi ad un singolo prodotto o ad un singolo posto. Insomma, tra due anni potrei decidere di cambiare aspirapolvere o tra tre mesi di riarrangiare i mobili di casa. Forse una piantana sarebbe stata più comoda ma non avremmo disdegnato nemmeno un prodotto in grado di auto-reggersi.
Dreame T30 recensione asta in titania

Queste due osservazioni però sono arrivate dopo qualche giorno di utilizzo. All’inizio la prima cosa che noterete sono gli accessori inclusi nella confenzione, a partire dall‘asta in fibra di carbonio che cerca di compensare il peso del corpo centrale, che ammonta a 1,76 kg. Tanti? In realtà ci è sembrato in linea con quanto proposto dal resto del mercato.
La scatola include anche la spazzola 2 in 1, quella morbida, una mini-spazzola elettrica, una bocchetta per le fessure con LED incorporato e una multispazzola intelligente. In aggiunto troviamo uno snodo pieghevole per raggiungere gli altri più oscuri della vostra abitazione.

Particolare attenzione la merita il corpo centrale. Prima di tutto abbiamo un display che svolge tre funzioni distinte:

  1. vi permette di sapere quale modalità avete selezionato tra le 4 disponibili: Auto, Eco, Media e Turbo;
  2. mostra un grafico, in tempo reale, dello sporco rilevato, con tanto di LED ring che cambia colore (da verde ad arancione) per darvi un ulteriore feedback visivo;
  3. vi comunica quando il filtro ha bisogno di essere pulito o sostituito.
Dreame T30 recensione display

Abbiamo anche il tasto che consente di cambiare modalità e quello che invece attiva il blocco che permette di aspirare senza tenere premuto il grilletto. Terminano la panoramica il tasto per il rilascio dello sporco – rapido e indolore – e quello per rimuovere la batteria, che può essere sostituita qualora decideste di acquistarne una seconda.

Come si comporta Dreame T30?

Sono diversi gli aspetti di Dreame T30 che ci hanno conquistati. Prima di tutto può contare sul nuovo motore Dreame Space 5.0 brushless da 550w e 150.000 giri al minuto. I numeri potranno non dirvi molto ma il risultato sì: aspira tutto. Una volta messo in modalità Turbo riuscirà a sollevare anche elementi più pesanti, seppur a discapito della batteria. In modalità Media infatti potrete usarlo per circa mezzora ma alla massima potenza l’autonomia scende addirittura sotto i 10 minuti. Sia chiaro, difficilmente lo utilizzerete in modalità Turbo per più di qualche secondo, il che significa che la batteria dovrebbe coprire un’intera sessione di pulizia senza difficoltà.
Una volta terminata l’energia ci vorranno 3 ore per caricare completamente la batteria da 2.900 mAh.

Durata e potenza, come accennato poco sopra, dipendono dalla modalità. Quella che abbiamo apprezzato maggiormente è quella automatica, con il Dreame T30 che, abbinato alla spazzola grande, riconosce le diverse superfici e si adatta di conseguenza. Abbiamo poi un altro sensore che si trova all’interno dell’aspirapolvere e che misura ogni mezzo secondo il livello di sporco. Quest’ultimo funziona indipendentemente dall’accessorio collegato e consente all’aspirapolvere di variare la sua potenza per garantire sempre il miglior risultato possibile.

Potete optare anche per le altre 3 modalità disponibili. Eco è perfetta per coloro che passano l’aspirapolvere quotidianamente, mentre quella Media si adatta un po’ a qualsiasi situazione. Turbo invece è più adatta alle situazioni di emergenza, dove avete bisogno di tutta la potenza che questo T30 può sfoderare.

Dreame T30 spazzola

Anche gli accessori ci hanno convinti pienamente, soprattutto la multispazzola intelligente che si presenta con un rullo insolito. Il design infatti è a V, il tubo non è completamente ricoperto dalle setole e quest’ultime rimangono sollevate rispetto alla parte centrale. Tutto questo fa sì che difficilmente qualcosa rimanga impigliato nelle setole o arrotolato intorno al tubo. Certo, occasionalmente succede, soprattutto con i capelli ma basta un attimo per rimuoverli.

Promosso infine anche il sistema di filtraggio composto da un pre-filtro, che trattiene lo sporco e si auto-pulisce, e da un fultro HEPA E12, lavabile e pensato per trattenere.

Dreame T30 recensione: vale la pena acquistarlo?

Dreame T30 è sicuramente uno degli aspirapolvere senza filo più interessanti del mercato. Potente, intelligente, ben costruito, facile da maneggiare e davvero poco rumoroso rispetto alla media. Difficile trovargli qualche difetto, se non forse l’assenza di una piantana e la conseguenze necessità di installare il supporto a muro.
Il prezzo poi è davvero concorrenziale: lo trovate su Aliexpress a circa 330 €. A fine luglio invece sbarcherà anche su Amazon con consegna diretta dall’Europa in 7 giorni.

PRO

  • Ottima qualità costruttiva
  • Potenza da vendere
  • Display chiaro e comodo
  • Sensore per lo sporco
  • Rumorosità sotto la media
  • Tanti accessori

CONTRO

  • Solo supporto a muro

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button