fbpx
Razer Viper Mini recensione

Razer Viper Mini recensione: piccolo ma performante
L'azienda californiana ha realizzato un modello più compatto e leggero del suo ultimo mouse da gioco, ma varrà la pena acquistarlo?


Razer Viper Mini è esattamente quello che immaginate: una versione più compatta e leggera del fratello maggiore. Congedarlo così però sarebbe sbagliato perché sì, è più piccolo di Razer Viper, ma questa non è l’unica sostanziale differenza. Cerchiamo quindi di capire cosa è cambiato e se valga la pena optare per questo piccolo mouse.

Razer Viper Mini recensione: gemelli? Non proprio

A prima vista sembrano davvero identici: abbiamo le stesse linee, lo stesso logo, la stessa simmetria. Qualcosa però è cambiato. Prima di tutto il peso, che scende a 61 grammi e che gli permette di essere uno dei mouse più leggeri del mercato. Le dimensioni ovviamente risultano ridotte, ma perfette per chi ha mani più piccole.

Cambiano poi i tasti. Il fratello maggiore infatti aveva due tasti laterali da entrambi le parti mentre qui li ritroviamo solo sul lato sinistro. Questo non significa solo avere due pulsati personalizzabili in meno, ma anche penalizzare gli utenti mancini. Insomma, Razer Viper Mini è indubbiamente pensato per i destrorsi.
Abbastanza invariati invece gli altri tasti con i due principali che si affidano a switch ottici, rapidi e precisi in ogni situazione e garantiti per decine di milioni di click. Più di quanti ne farete nella vostra intera vita.
Diverso infine il pulsante dedicato ai DPI che qui sono “solo” 8.500 contro i 16.000 del fratello maggiore. Razer Viper infatti aveva un piccolo tasto situato sulla parte inferiore per evitare pressioni accidentali mentre qui lo troviamo sulla superficie superiore, proprio sotto la rotellina di scorrimento. Un problema? In realtà no. Non ci è mai capitato di premerlo per sbaglio. Quello che però ci è mancato è un LED che segnali visivamente il cambio di DPI ma non è una grossa mancanza visto che il software – Razer Synapse – mostrerà una comoda notifica sul vostro schermo per segnalarvi l’attuale valore DPI.

Razer Viper Mini recensione confronto
A sinistra Viper Mini, a destra Razer Viper

La superficie laterale poi non è gommata come quella del Viper classico ma poco male: il grip rimane ottimo e la presa risulterà salda anche durante le sessioni di gioco più movimentate.

Infine non dimentichiamo il cavo SpeedFlex in tessuto intrecciato che ci è sembrato leggermente più morbido rispetto al fratello maggiore. Questo ovviamente non intacca le prestazioni. Al contrario, ci è sembrato estremamente flessibile e decisamente comodo.

La prova sul campo

Razer Viper Mini recensionePrima di raccontarvi come sono state queste settimane in compagnia di Razer Viper Mini vorrei spendere due parole per il sensore, ossia quel componente che permette di tradurre i movimenti reali in movimenti digitali.
Razer Viper usava il sensore ottico 5G da 16.000 DPI mentre qui ne abbiamo uno da 8.500 DPI. Cosa cambia? Beh, i numeri spaventano ma in realtà non è nulla di preoccupante. Un utente tradizionale così come i gamer appassionati non risentiranno di questa differenza. Nell’uso quotidiano infatti non abbiamo praticamente risentito del cambiamento e le nostre sessioni di gaming sono risultate perfettamente soddisfacenti.

Impossibile poi non apprezzare la reattività dei tasti, il peso contenuto e la flessibilità del cavo SpeedFlex. Insomma, non abbiamo sentito la mancanza del fratello maggiore.

Razer Synapse per la personalizzazione

Razer Viper Mini recensione Razer SynapseAd accompagnare il mouse c’è l’ormai amatissimo Razer Synapse, il software gratuito che vi consente di personalizzare l’esperienza d’uso modificando i tasti in base alle vostre esigenze. Da qui potete anche cambiare la sensibilità associando DPI diversi ai 5 livelli disponibili, ma anche cambiare la polling rate (ossia la frequenza con cui il mouse invia informazioni al PC) o decidere la colorazione più adatta al logo, situato sulla superficie superiore, e alla striscia LED, posizionata invece sulla parte inferiore. Infine è possibile effettuare la calibrazione, utile se possedete un mousepad dell’azienda californiana.

Razer Viper Mini recensione: acquistarlo oppure no?

Se state cercando un mouse compatto, leggerissimo, che non metta a dura prova il vostro polso ma vi offra comunque velocità e precisione, Razer Viper Mini fa indubbiamente al caso vostro. Con 49,99 euro vi portate a casa un prodotto ottimamente rifinito e capace di supportarvi sia nella quotidianità sia durante il gioco.

Due i casi in cui probabilmente dovreste preferire il fratello maggiore:

  • siete degli aspiranti pro gamer e allora le piccole differenze che distinguono i due modelli potrebbero davvero incidere sulle vostre performance;
  • preferite mouse un po’ più abbonanti e solidi.

Razer Viper Mini

Pro Pros Icon
  • Leggerissimo
  • Ottimo grip
  • Rapido e preciso
  • Cavo flessibile
Contro Cons Icon
  • Due tasti in meno rispetto al Viper
  • Non adatto ai mancini

Erika Gherardi

author-publish-post-icon
Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link