fbpx
FeaturedRecensioniTech

Razer Viper recensione: il mouse da gaming leggero e performante

Razer Viper è l’ultimo device dell’azienda statunitense, un mouse da gaming affiancato dallo slogan Absolute Control“. Sì, perché l’obiettivo è quello di dare ai giocatori – pro gamer inclusi – gli strumenti per essere precisi e performanti. Il tutto spendendo 89,99 euro. Ma vale la pena fare questo piccolo grande investimento? Ne parliamo in questa recensione.

Parola d’ordine: leggerezza

Razer Viper recensione switch ottici

Razer Viper nasce per gli eSport, una vocazione testimoniata dal design: minimale e privo di fronzoli. Nessun segno particolare per lui. Persino le dimensioni sono più contenute rispetto alla concorrenza, un plus particolarmente apprezzato da chi – come me – non ha mani grandissime.

A renderlo ancora più anonimo, seppur piacevolmente accessibile, è il suo essere ambidestro. Una caratteristica che non sempre ritroviamo sui mouse da gaming, spesso dedicati in primis ai destrorsi, e che abbiamo davvero apprezzato su Razer Viper.

Presenti come al solito i due tasti principali, dotati però degli switch ottici dell’azienda americana, switch che utilizzano un raggio a luce infrarossa per registrare il clic, garantendo un tempo di risposta di soli 0,2 ms. Ci sono poi due ulteriori pulsanti su entrambi i lati del mouse, naturalmente programmabili con il software dedicato, e infine la classica rotellina. E il tasto dei DPI? Lo troviamo, sorprendentemente, sulla parte inferiore del device. Una soluzione anomala ma ben studiata: questa posizione infatti evita che i giocatori clicchino per sbaglio il pulsante modificando accidentalmente questo parametro.

Razer Viper recensione performance

Tutto questo è racchiuso in un corpo estremamente leggero, rivestito in gomma, dotato di un eccellente grip e di un’illuminazione LED davvero discreta. Niente alberi di Natale improvvisati, ma solo un piccolo logo che può cambiare colore a vostro piacimento.

Infine abbiamo il cavo SpeedFlex, realizzato in tessuto intrecciato e progettato per essere incredibilmente flessibile così da non intralciare nessun tipo di movimento.

Razer Viper recensione: la prova

Razer Viper recensione design

Ma come si comporta sul campo Razer Viper? Davvero molto bene. I 16.000 DPI del sensore 5G garantiscono fluidità e velocità, mentre i tasti opto-meccanici vi aiutano ad avere un risposta rapida e soddisfacente. Io l’ho usato per giocare ad Overwatch e non ho davvero nulla di chi lamentarmi: il feedback è convincente e preciso, perfetto non solo per gli amanti degli FPS adrenalici ma, soprattutto, per chi punta al professionismo.

A darvi una mano in-game ci sono anche i pulsanti personalizzabili. Di default infatti vi servono per andare Avanti ed Indietro, ma potete sempre associarli ad altri tasti – o ad eventuali Macro – utilizzando Razer Synapse 3.

Il software vi consente inoltre di settare 5 livelli DPI, impostare la frequenza di polling, modificare gli effetti di luce e calibrare il mouse in base al tipo di tappetino che state utilizzando.

Razer Viper: acquistarlo oppure no?

Razer Viper è indubbiamente un ottimo mouse da gaming: è leggerissimo, rapido e dotato di tutte le funzioni di cui avete bisogno. Insomma, se amate i videogiochi competitivi e volete una strumentazione all’avanguardia, questo Viper fa al caso vostro.

Tutto questo però ha un costo: 89,99 euro. Una cifra importante, forse non adatta ai gamer alle prime armi, ma sicuramente giustificata dalla qualità del prodotto.

Razer Viper

  • Design ambidestro
  • Estremamente leggero
  • Ottime performance
  • Tasti programmibili
  • Prezzo
Tags

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker