fbpx

Recensione Crash Team Racing Nitro-Fueled, remake a tutto gas!


Le correnti di pensiero sui remake dei videogiochi del passato sono nettamente opposte e inflessibili. C’è chi li vede come un’occasione per svecchiare gli storici videogame e chi invece li considera una perdita di tempo che distrae il mercato da nuovi possibili titoli in favore di un ritorno commerciale semplice da ottenere. È innegabile però che negli ultimi anni i remake stanno prendendo piede con incalzante velocità e, oggi, tocca a Crash Team Racing Nitro-Fueled.

Crash Bandicoot è stato uno dei pionieri dei remake con la N.Sane Trilogy uscita nel 2017. Lo straordinario successo della rivisitazione e la qualità del prodotto finale, hanno attirato grande attenzione da parte del pubblico e del mercato. Crash Team Racing Nitro-Fueled è un’evoluzione naturale della febbre da remake che ha coinvolto uno dei titoli di racing più amati della prima PlayStation. Anche in questo caso siamo in presenza di un successo?

Crash Team Racing Nitro-Fueled

Activision, dopo i successi del già citato N.Sane Trilogy e Spyro: Reignited Trilogy, riporta nel 2019 uno dei titoli di più grande successo di Sony e Naughty Dog del 1999. Stiamo parlando dell’amatissimo Crash Team Racing che, ai tempi, è riuscito a tenere testa a Mario Kart, la controparte go-kartosa di casa Nintendo. La voce di un possibile remake di Crash Team Racing girava già da parecchio tempo su internet e il desiderio da parte dei fan da ancora prima.

Il remake riporta ad oggi tutti i personaggi e le piste che abbiamo imparato ad amare in quegli anni ma con una nova grafica, nuovi modelli in alta definizione nonché un nuovo doppiaggio. Il gioco include tutti i contenuti della versione originale più molti contenuti di Crash Nitro Kart del 2003 e Crash Tag Team Racing, uscito nel 2005. Nonostante questi ultimi due titoli non abbiano ottenuto il successo sperato, penalizzati dalla scarsa qualità, è stato scelto di portare nel remake tutti i personaggi di Crash Nitro Kart e alcuni elementi grafici di Crash Tag Team Racing.

La scelta, tutto sommato, si è rivelata vincente. Il gioco del 1999, così com’era, non avrebbe soddisfatto le aspettative dei videogiocatori moderni abituati a titoli sempre più ricchi e vari. Il geniale pretesto di queste aggiunte, aumenta notevolmente il roster di personaggi da scegliere, il numero di piste, i modelli delle auto e così via.

Giocare con la nostalgia (e vincere)

Crash Team Racing Nitro-Fueled recensione

Per il resto, il gioco in se, l’avventura, le coppe, le piste sono proprio come ce le ricordavamo. Bloccate nel 1999 ma allo stesso tempo rese estremamente moderne senza alterare il gioco originale. Activision e Beenox, lo sviluppatore, hanno giocato senza colpi di riserva con la nostalgia dei giocatori e hanno fatto benissimo. In ogni angolo del gioco si respira quella dolce aria del passato di quando da piccoli provavamo (invano, nel mio caso) a battere il fantasma di Oxide nelle prove a tempo. La volontà dei creatori di sguazzare nell’effetto nostalgia si nota in piccoli ma importati elementi. Stiamo parlando della possibilità di ascoltare la colonna sonora originale o utilizzare i modelli poligonali di Coco e Crash come Skin.

Abbiamo detto Skin? Ebbene si. Uno degli elementi che caratterizza la versione Nitro Fueled è infatti la presenza di una nuova voce del menù chiamata “Pit-Stop“. Qui è possibile personalizzare i personaggi con vari colori e skin particolari, scegliere il modello del nostro Kart e decorarlo. Le skin possono essere acquistate attraverso delle monete che si guadagnano durante le gare singole, le coppe o l’avventura (niente micro transazioni ringraziando i frutti Wumpa). Si tratta di una aggiunta in linea con i tempi che, per fortuna, non snatura ne i personaggi ne il gioco in se, ma lo arricchisce.

Con gli stessi criteri è stata aggiunta anche la modalità multiplayer online che permette di creare una partita privata, con gli amici del PlayStation Network o entrare in una lobby pubblica che consente ad otto giocatori da tutto il mondo di sfidarsi in una singola gara o una battaglia. Purtroppo, al momento, non è possibile organizzare un torneo-coppa online il che fa perdere un po’ di Hype creato per questa modalità poiché le singole partite risultano fini a loro stesse senza un grande elemento competitivo. Ma siamo sicuri che Activision implementerà ben presto nuove funzioni e personaggi, come già confermato dall’azienda.

Quello era un coccodrillo gigante?

Crash Team Racing Nitro-Fueled opinioni

Non fatevi ingannare dal forte legame con il passato che ha Crash Team Racing Nitro-Fueled, si tratta di un gioco completamente realizzato da zero; dal design dei personaggi a quello dei livelli e delle animazioni. Sarà divertente scoprire, nonostante il ritmo caotico del gioco, tutti quei piccoli-grandi dettagli aggiunti; quali le animazioni dei personaggi, alcune riprendono quelle del titolo originale, altre, invece, sono state realizzate appositamente per una sequenza video o una skin particolare.

Le piste presentano sicuramente il cambiamento più interessante. I dettagli sono infiniti con il perfezionamento di elementi già presenti in Crash Team Racing o l’aggiunta di particolari e personaggi sullo sfondo totalmente nuovi. Appaiono anche alcuni personaggi della serie di Crash Bandicoot come il minaccioso triceratopo in Crash Bandicoot 3 o gli stendardi di Nina Cortex o N. Brio. Nuovi personaggi in arrivo?

Anche la colonna sonora è stata completamente ri-arrangiata restando ovviamente fedele a quella originale. La possibilità di utilizzare quest’ultima in gioco rappresenta una piccola perla che i più nostalgici apprezzeranno. Non brilla particolarmente il doppiaggio o le interazioni tra i personaggi durante le gare. Certo non è l’elemento principale in un gioco di questo tipo, ma ci sarebbe piaciuto ascoltare qualcosa di più efficace.

[amazon_link asins=’B07L674L8R,B07L6RV9TD,B07T67RPPH,B07PRZL4CT’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’1c63bf86-df92-45d3-b9eb-b7504aa06b8c’]

Crash Team Racing Nitro-Fueled: traiamo le conclusioni

Crash Team Racing Nitro-Fueled è il remake che non può mancare nella vostra collezione contemporanea se, come me, avete passato gran parte della vostra infanzia a gareggiare con gli amici nelle frenetiche piste di Crash Team Racing. Il gioco è ottimamente realizzato nel pieno rispetto del titolo principale.

Forse qualche elemento di gameplay o qualche pista non è invecchiata perfettamente ed era molto più interessante nei nostri ricordi d’infanzia ma le novità aggiunte e quelle in arrivo rendono questo remake speciale.

Crash Team Racing Nitro Fueled

Pro Pros Icon
  • Fedele al titolo originale
  • Tante novità
  • Buoni propositi per i contenuti post-lancio
Contro Cons Icon
  • Doppiaggio non sempre brillante
  • Multiplayer da migliorare

Daniele Cicarelli

author-publish-post-icon
Indigente giramondo con la grande passione per i videogiochi, l'Arte e tutte le storie Fantasy e Sci-Fi che parlano di mondi alternativi senza zanzare. Fermo sostenitore dell'innovazione, del progresso tecnologico e della superiorità del Tipo Erba. Dalla parte dei Villains dal 1991.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link