FeaturedRecensioniTech

Recensione LG G7 Fit: vale la pena acquistarlo?

LG G7 Fit è un dispositivo difficile da interpretare. Da una parte infatti abbiamo l’idea originale dell’azienda coreana, ossia quella di offrire agli utenti un G7 ThinQ più economico e sicuramente ridimensionato, dall’altro però abbiamo un prezzo di listino – 399,90 euro – che sicuramente penalizzerà il dispositivo. Il motivo? Ve lo spiego in questa recensione.

LG G7 Fit: la scheda tecnica

Recensione LG G7 Fit

Dimensioni: 153.2 x 71.9 x 7.9 mm
Peso: 156 g
Display: 6,1″ IPS LCD – 1440 x 3120 pixel
CPU: Qualcomm Snapdragon 821
RAM: 4 GB
Memoria: 32/64 GB – espandibile tramite microSD
Rete: 4G LTE
Connettività: Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 4.2, USB Type-C, GPS, NFC
Batteria: 3000 mAh
Fotocamera posteriore: 16 MP
Fotocamera anteriore: 8 MP
Video: 4K @30fps
Sistema operativo: Android 8.1 Oreo

Una dispositivo di qualità

Recensione LG G7 Fit

Il punto forte di LG G7 Fit è indubbiamente la qualità costruttiva. Lo smartphone si presenta con un design molto simile al fratello maggiore da cui eredita in primis la scocca in vetro e la cornice in metallo. Analogo anche il posizionamento dei tasti con quello di accensione e spegnimento situato sulla destra e i due pulsanti separati per il volume posti invece a sinistra. Manca invece il tasto dedicato a Google Assistant, di cui però non sentirete la mancanza.

Le somiglianze continuano anche una volta capovolto il dispositivo: al centro infatti abbiamo l’ottimo lettore d’impronte digitali e la fotocamera principale. Il lato inferiore invece è davvero identico a LG G7 ThinQ con l’ingresso USB Type-C posto al centro, il jack da 3,5 mm sulla sinistra e lo speaker a destra, mentre sul lato superiore abbiamo l’accesso allo slot per la SIM e la microSD.

In generale il dispositivo vanta un buon grip e un design decisamente ergonomico, cosa che vi permetterà di gestirlo con una mano sola. Meno soddisfacente il trattamento oleofobico: lo smartphone trattiene le impronte e questo vi costringerà ad usare abbastanza spesso il panno incluso nella confezione. Assolutamente promosse invece le certificazioni IP68 e MIL-STD 810G. Cosa significa? Semplice: LG G7 Fit resiste all’acqua, alla polvere e alle cadute.

Soddisfacente infine il display da 6,1 pollici, affiancato da quello che l’azienda coreana ha battezzato New Second Screen. Insomma, LG G7 Fit ha l’ormai immancabile notch, ma l’ottimizzazione di LG vi consentirà di eliminarlo o personalizzarlo, lasciando comunque ampio spazio alle icone di notifica. Elevata poi la luminosità anche alla luce del sole e apprezzabilissima la possibilità di attivare o meno l’Always-On Display, Always-On di cui potete decidere l’aspetto e che potete disattivare durante la notte così da limitare il consumo energetico.

Vecchio ma funzionante

Recensione LG G7 Fit

LG G7 Fit monta un processore Qualcomm Snapdragon 821, una scelta decisamente in controtendenza rispetto a quelle effettuate dalla concorrenza. Stiamo infatti parlando di una CPU pensata per i top di gamma ma no, non di quest’anno. Lo Snapdragon 821 infatti era lo standard nel 2016, il che significa che non è proprio nuovissimo seppur ancora piuttosto performante. Il risultato? Un dispositivo che si comporta tendenzialmente bene ma che ogni tanto regala qualche piccolo rallentamento. Tranquilli, questo non rovinerà l’esperienza di utilizzo nella vita quotidiana. Diversa è la situazione davanti a compiti gravosi. Le mie partite a PlayerUnknow’s Battlegrounds, ad esempio, hanno messo questo LG G7 Fit un po’ in difficoltà: il dispositivo ha infatti faticato a tenere il passo e si è surriscaldato lungo la cornice laterale destra.

Niente da dire invece sul software. Il matrimonio tra Android 8.1 Oreo e l’interfaccia proprietaria di LG sembra infatti andare a gonfie vele: il sistema operativo è fluido, arricchito da qualche utile funzione e graficamente piacevole.

Più deludente invece la batteria. I 3000 mAh di cui è dotato il device possono forse bastare per coloro che non lo utilizzano tantissimo. Se invece siete abituati ad usarlo parecchio preparatevi a ricaricarlo già nel pomeriggio.

Prima di passare al comparto fotografico spendiamo due parole per l’audio. LG G7 Fit ha infatti ereditato dal fratello maggiore l’altoparlante Boombox che gli consente di usare lo spazio interno come cassa di risonanza per amplificare i bassi. Il risultato è assolutamente notevole e sicuramente superiore alla media. Per gli amanti delle cuffie invece c’è il DAC Quad Hi-Fi a 32 bit che vi permetterà di godervi le vostre playlist preferite contando su una qualità del suono davvero buona.

Fotocamera da migliorare

Recensione LG G7 Fit

La fotocamera principale è spesso il tallone d’Achille degli smartphone di fascia media e LG G7 Fit non fa eccezione. I 16 megapixel della fotocamera posteriore, accompagnati da autofocus, zoom digitale 4x e apertura F/2.2, si comportano piuttosto bene durante il giorno e, in generale, in buone condizioni di luce, ma perde il suo appeal al buio con un livello di dettaglio che scende drasticamente. Nulla può in questi casi l’intelligenza artificiale che invece ho apprezzato durante il giorno.

Non particolarmente accattivante la fotocamera frontale che ogni tanto regala selfie poco definiti. Presente anche la modalità Ritratto che però non risulta particolarmente “intelligente”. Cosa significa? Che i miei autoscatti con indosso un paio di cuffie vedono sfocate anche quest’ultime nonostante siano esattamente sul mio stesso piano e chiaramente parte di me in quel momento.

Vi segnalo infine una funzione decisamente apprezzata ossia QLens. A cosa serve? Semplice: voi scattate una foto e lui cerca un corrispettivo su Amazon o Pinterest. Potete inoltre scansionare i QR code senza ricorrere ad un’altra applicazione.

 Recensione LG G7 Fit
 Recensione LG G7 Fit
Recensione LG G7 Fit
 Recensione LG G7 Fit
 Recensione LG G7 Fit
 Recensione LG G7 Fit
Recensione LG G7 Fit
 Recensione LG G7 Fit

    LG G7 Fit: comprarlo oppure no?

    Il problema di LG G7 Fit ve l’ho anticipato all’inizio di questa recensione: il costo. 399,90 euro sembrano parecchi se pensate che su Amazon ormai potete trovare LG G7 ThinQ a meno di 450 euro. Insomma, il peggior concorrente di G7 Fit è proprio il fratello maggiore.

    Sì, è vero, anche il prezzo di questo smartphone è destinato a scendere, ma la concorrenza è decisamente agguerrita e ritagliarsi un’interessante fetta di mercato sarà davvero arduo.

    LG G7 Fit

    • Eccellente qualità costruttiva
    • Resiste ad acqua, polvere e cadute
    • Buon display
    • Ottimo audio
    • Autonomia da migliorare
    • Fotocamera poco performante
    • Prezzo da rivedere
    Tags

    Erika Gherardi

    Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.
    Next Article
    Close

    Adblock Rilevato

    Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker