fbpx
AutoElettricoHotMotoriNews

La Renault del futuro punta su valore, tecnologia E-Tech e sostenibilità

La Renault del futuro punta su valore, tecnologia E-Tech e sostenibilità

Renault è una delle Case più vivaci e vibranti presenti nel panorama europeo e mondiale. Un brand che ha attuato un salto di qualità importante negli ultimi anni, e che con l’arrivo di Luca de Meo lo scorso luglio ha preparato la propria rinascita, la Renaulution. Ma qual è il futuro di Renault? Durante la prima edizione di Renault Talk, un momento dove discutere con la Casa dei suoi nuovi obiettivi, abbiamo capito meglio i punti principali della Nouvelle Vague, la nuova era di Renault. La Casa punterà su sostenibilità, sulla tecnologia E-Tech, su modelli concentrati sul valore e non sui numeri e su un mix tra motori termici, ibridi ed elettrici. Scopriamo tutto quello che Luca de Meo e il suo team ci hanno raccontato.

De Meo: “La modernità è anticipare cosa il cliente vuole e vorrà in futuro. Diventeremo la Casa più green al mondo”

In introduzione del primo Renault Talk ha parlato il CEO di Renault, Luca de Meo. Il manager italiano, arrivato in Renault durante la scorsa estate, sta imprimendo un grande cambiamento nella Casa di Boulogne-Billancourt, sfruttando quel potenziale che da anni è visibile nei prodotti della Losanga. Il futuro di Renault sta tutto nella Renaulution, nella Nouvelle Vague, la Nuova Onda che colpirà tutti i prodotti della Casa. La Nouvelle Vague vuole infatti prendere tutto ciò che c’è di buono nel pacchetto Renault e trasportarlo nel futuro, cercando di modernizzare e cambiare non solo i prodotti, ma l’intero posizionamento e futuro del brand, per diventare moderno e appetibile per più persone possibili.

Luca de Meo infatti definisce la modernità non solo come ricerca tecnologica, mobilità elettrica o guida autonoma. Modernità significa anticipare ciò che il cliente valuta e si aspetta davvero dalla essa, ciò che per lui ha importanza oggi e avrà importanza nei prossimi anni. Per questo” spiega de Meo il nostro obiettivo è quello di diventare la Casa più green del panorama europeo entro il 2030, con 9 modelli elettrificati su 10.” Un obiettivo molto importante, che già oggi vede i primi frutti. Ma Renault non si ferma a questo.

Renault Talk Luca de Meo

“Come vi ho raccontato a gennaio con la Renaulution, noi punteremo sul valore, e non sui numeri di vendita. Inoltre, viaggeremo con tre paletti fondamentali ben in mente: la transizione ecologica, per diventare il brand più green in circolazione. Essere all’avanguardia su tecnologia e servizi, puntando sul nostro progetto “Software Republique“. Infine, la sostenibilità passerà anche dal riciclo. Per questo con il progetto re-Factory puntiamo a diventare la Casa con il più alto uso di materiali riciclati al mondo. Partiremo dalla prima Re-Factory, dove saremo in grado di rinnovare e riciclare fino a 120.000 veicoli all’anno, termici ed elettrici. E l’80% delle materie prime più importanti saranno riutilizzati per nuove batterie.”

La tecnologia E-Tech, vero fiore all’occhiello di Renault

Se di Software Republique e di re-Factory abbiamo già parlato spesso negli ultimi mesi, è interessante vedere quanta passione e quanto interesse generi la tecnologia ibrida Renault E-Tech. Un sistema ibrido originale, totalmente realizzato in casa partendo dall’esperienza in Formula 1, che ha richiesto più di 150 brevetti e che è sempre più diffuso sulla gamma Renault.

Nel 2021 saranno 6 i modelli E-Tech, ibridi puri o plug-in, dalla piccola Clio alle grandi Megane Sporter e Arkana. E questo numero non sarà che un punto di partenza. Il sistema E-Tech, che abbiamo provato lo scorso settembre su Clio, ci ha impressionato per fluidità, piacere di guida ed efficienza, rappresentando un primo tentativo riuscitissimo da parte di Renault. E anche de Meo, arrivato poco prima del lancio di questa tecnologia sul mercato, ne è rimasto incantato. Fin dal suo arrivo, ogni volta che gli si è chiesto quale fosse la cosa migliore trovata in Renault, ha risposto sempre senza alcun dubbio. “La tecnologia E-Tech è il nostro vero fiore all’occhiello”.

Renault Clio E-tech

Ed è infatti destinata a diventare parte integrante di Renault in futuro. La Losanga ha infatti deciso di creare una nuova famiglia di veicoli, sotto il cui nome si raccolgono tutte le automobili elettrificate del brand, dalle ibride alle elettriche pure. Il nome? Esatto, proprio E-Tech. Un nome che si vede anche in Formula 1 campeggiare con fierezza sul cofano delle Alpine di Alonso e Ocon, e che aiuta sia in pista, con prestazioni in crescita da parte della scuderia di Enstone, sia su strada, con consumi e piacere di guida da riferimento.

Se volete conoscere meglio il sistema E-Tech, vi rimando alla nostra prova su strada di Clio Hybrid che trovate in fondo alla pagina, dove andiamo nel dettaglio tecnico di questa tecnologia. Se però tutto questo già lo sapevamo, Renault ha lanciato una vera bomba. Conscia del valore della propria tecnologia, Renault si è detta disponibile a discutere con altre Case per concedere l’utilizzo della tecnologia E-Tech. Un passo davvero importante, che per Renault potrebbe significare diventare il nuovo riferimento per la mobilità elettrificata.

Il futuro Renault parte da Megane-E, la prima Renault “tradizionale” 100% elettrica e con la nuova Losanga

Se quindi Renault si apre al mondo proponendo alle altre Case l’utilizzo della tecnologia E-Tech, a Boulogne-Billencourt tante cose si muovono. Insieme all’arrivo di de Meo c’è stato un totale cambio di rotta per il brand, la sua immagine e il suo marketing, a partire dal logo. La mitica Losanga, invariata da quasi 30 anni, è stata oggetto di un restyling che unisce il retrò con il moderno.

La nuova Losanga è infatti un chiaro rimando a quella utilizzata negli anni ’70, con disegno tridimensionale e “vivo”. Così viene definito dai designer Renault: il nuovo logo cambia a seconda di come lo si guarda, è movimentato e non più piatto come nel passato. La Losanga formata da due linee che si uniscono è anche simbolo di inclusione, uno dei punti cardine della strategia umana di Renault, e rimanda ad un passato glorioso, rivisto con la Renault 5 Concept.

Renault 5 Concept Vidal

Ma non è tutto, perchè se per vedere il primo modello Renault interamente “colpito” dalla Nuova Onda dobbiamo ancora attendere qualche tempo, Gilles Vidal, Direttore del Design della Casa, ha svelato un’immagine del logo “adagiato” sul posteriore della futura Nuova Mégane E E-Tech, la nuova serie totalmente elettrica della media Renault in commercio dal 2022. Vediamo quindi una Losanga al centro dell’attenzione, con un design delle luci che ricorda da vicino quello della attuale Megane, ma più moderno e al passo con i tempi.

I modelli Renault del futuro che puntano sul valore, non sui numeri

Ed infatti Mègane-E non sarà solo la prima Renault della Renaulution, bensì sarà anche la prima a iniziare il progetto di rinnovamento totale del modello di business Renault. La Casa di Boulogne-Billancourt punterà sul valore dei propri modelli, non sui numeri di vendita. Il futuro di Renault vede quindi modelli più curati, più redditizi, e un riposizionamento totale del brand.

Renault si concentrerà sui segmenti C e D, come Arkana, il primo modello lanciato dall’arrivo di de Meo, che sarà seguito da altri modelli più grandi e rifiniti di oggi. Un obiettivo ambizioso, che punta a cambiare la percezione di Renault agli occhi dei clienti, e a diventare non un brand premium, ma una Casa ambiziosa, curata, emozionale.

Renault Arkana 2021

I modelli del segmento C e D infatti saranno il nuovo core business di Renault. Il primo modello di questa nuova era è Arkana. Pur progettato e realizzato prima dell’arrivo del manager italiano, Arkana incarna perfettamente le nuove idee di Renault. Un’automobile con un design emozionale, una ottima guidabilità, senza però rinunciare a spazio e praticità. Arkana è anche il primo modello Renault dotato di motori esclusivamente elettrificati, mild hybrid o full hybrid E-Tech. Per scoprire di più su Arkana trovate in fondo alla pagina la nostra prova su strada, ma per riassumere per estetica, tecnologia e contenuti il C-SUV Renault è il primo modello della “nuova era” della Losanga.

Renault poi ha deciso di impegnarsi ancora di più nei mercati di tutto il mondo in cui è presente, senza “dimenticare” nessuno. Oltre alla sua importantissima presenza in Europa e in Russia, dove con il marchio Lada sono primi per fetta di pubblico, Renault punterà tanto sull’Asia, sull’India e sul Sud America. Nuovi modelli, più moderni e al passo con la migliore produzione continentale. Stabilimenti localizzati e moderni, e una gamma mirata per i vari territori. Non avremo quindi solo modelli Renault elettrificati. In quei Paesi dove l’elettrificazione è più difficile come il Sud America o l’India, Renault punterà ancora sui motori termici.

Un nuovo motore termico 1.2 TCe, perfetto per tutti i tipi di ibridizzazione

E dall’elettrificata Arkana il futuro Renault prevedrà sempre più modelli dotati di motorizzazione ibrida o elettrica, in puro stile E-Tech. Gilles le Borgne, Direttore Ingegneria del Gruppo Renault, ci ha raccontato il futuro della tecnologia E-Tech a livello di applicazioni, e non solo.

L’attuale tecnologia Renault E-Tech è infatti piena di innovazioni, tra la trasmissione Multimode con innesti a denti e priva di frizione, il doppio motore elettrico e il parco motore 1.6 aspirato. La potenza però non è entusiasmante, con un “delta” tra i 140 e i 160 CV che mal si sposa con modelli più grandi, di segmento C e D.

Renault e-tech

Per questo, le Borgne ha dichiarato che questa versione della tecnologia E-Tech rimarrà sui segmenti inferiori, come Clio e Captur. Per le auto più grandi, soprattutto per i SUV, arriverà invece un nuovissimo motore 1.2 TCe, tre cilindri turbo. Questo propulsore, derivato dall’ottimo 1.3 TCe già presente in gamma, sarà realizzato proprio in funzione del sistema E-Tech. La potenza? In versione totalmente ibrida, si parla di 200 CV, mentre con il sistema ibrido plug-in si arriverà a 280 CV, con la possibilità della trazione integrale. Un propulsore molto interessante, che ben potrebbe sposarsi anche alle future eredi delle sportive RS, magari con marchio Alpine.  

Il marketing futuro di Renault: rimando alla storia, all’heritage e all’emozionalità

Infine chiudiamo con uno sguardo sul marketing e sulla promozione del brand Renault. Un settore spesso messo un po’ da parte, ma davvero fondamentale per far capire al pubblico l’anima di una Casa. E non a caso parliamo di anima. Renault ha infatti deciso di abbracciare di più le sue origini latine, più passionali ed emozionali, e puntare sulla sua straordinaria storia.

In Renault seguiranno infatti una strategia interessante, la Love Brand Strategy. Secondo i creativi del Gruppo, in questo periodo dove distinguersi è difficile, le persone acquistano al prezzo definito solo dai brand che amano. Se cercano sconti, offerte e scelgono l’auto più economica, quello non è amore, e non si fidelizza la clientela. Allora come fare a far innamorare il pubblico di Renault? Puntando su storie emozionali, a cui ricollegarsi, e sulla storia del Brand.

Marketing Renault Talk

Con la Renault 5 Concept si richiamano alla mente tutti i ricordi di chi ha avuto e amato una Renault 5. Con la pubblicità in trasmissione in questi mesi sull’ibrido E-Tech derivato dalla F1, si ricordano i successi in F1 dei primi anni 2000 con Alonso, e i podi di questi anni con le motorizzazioni ibride.

Renault è convinta che per colpire il pubblico debba puntare su 5 elementi fondamentali: l’anima latina, l’umanità del brand, la modernità, l’attivismo, da vero marchio francese, e l’eccellenza che sta riprendendo dopo alcuni anni bui. Se Renault farà questo, tornerà se stessa, e con questa nuova strategia di marketing sarà in grado di far innamorare di nuovo il pubblico.

Si parte da Arkana e Kangoo, due facce della stessa medaglia

La prima edizione della Renault Talk ha quindi dato tantissimi spunti interessanti per il futuro della Losanga. Un futuro moderno, green, sostenibile ed elettrificato. Il futuro Renault sarà incentrato su modelli più grandi, tutti elettrificati, in grado di riprendere la storia e l’essenza di questa storica Casa francese. A Boulogne-Billencourt sono sicurissimi che questa strategia avrà successo. E al momento, gli ultimi modelli stanno dando ragione. Dalla ottima Clio al vendutissimo Captur, Renault sta convincendo sempre più clienti.

Ed ora, la palla passa alle prime due novità assolute della gestione de Meo, Arkana e Kangoo. Il SUV Coupé democratico, sportivo e versatile è già passato sotto le nostre grinfie, e ci è piaciuto parecchio. Per il nuovissimo multispazio bisognerà ancora aspettare qualche giorno per conoscere le nostre impressioni, ma non vediamo l’ora di metterlo alla prova. E voi? Cosa ne pensate? Siete fan di questa “Renaulution”? Fatecelo sapere qui sotto nei commenti!

Renault Sport – T Shirt Formula 1 – Stagione 2020 –...
  • Polo Renault Sport, collezione ufficiale, serie limitata
  • 4 misure regolamentari
  • Stagione 2020
Modellino auto Renault Clio 1990 di Norev, 3 porte, scala...
  • Scopri la leggendaria Renault Clio 1990 grigia in scala 1:43.
  • Riedizione limitata dei tesori dell'automobile Renault.
  • Repliche ufficiali in scala 1:43 del produttore Renault.

Ecco per te tre articoli: la prova su strada di Arkana, la panoramica sulla “Renaulution” e la presentazione di Kangoo Van!

Lo sapevi? Abbiamo aperto il canale ufficiale di techprincess su Telegram con le migliori offerte della giornata. Cosa aspetti? Iscriviti qui!

Giulio Verdiraimo

Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button