fbpx
CulturaHotNewsPersonaggi

Elon Musk al Saturday Night Live: “Ho l’Asperger”

Il numero uno di Tesla e SpaceX è apparso sabato 8 maggio sul palco del popolarissimo show. E come al solito non ha deluso le attese

Elon Musk soffre della sindrome di Asperger.

È stato lo stesso Musk a dichiararlo la sera di sabato 8 maggio, quando è salito sul palco del mitico Saturday Night Live.

Come capita a ogni apparizione del multimiliardario e Ceo di Tesla, anche quello di sabato scorso è stato uno show a ruota libera. Che ha avuto il suo clou nella confessione del numero uno di SpaceX sul proprio stato di salute.

Elon Musk ha l’Asperger

Sabato 8 maggio, appena apparso in video, Elon Musk ha subito incendiato il Saturday Night Live.

Queste le sue parole: “Sto facendo la storia perché sono la prima persona con la sindrome di Asperger a condurre lo show. O, almeno, il primo ad ammetterlo”.

Il Saturday Night Live

Il Saturday Night Live, in onda ogni sabato sera sulla NBC, è uno spettacolo comico e di varietà tra i più longevi della storia della televisione, oltre a essere tra quelli di maggior successo.

In onda dall’11 ottobre del 1975, nella parte iniziale il Saturday Night Live prevede un monologo tenuto dall’ospite speciale della puntata. Che lo scorso sabato è stato Elon Musk.

E che, come sempre gli accade, non ha deluso le aspettative.

elon musk asperger

Cosa ha detto Elon Musk sull’Asperger

Elon Musk ha fatto quello che sa fare meglio: l’Elon Musk. Ha cioè toccato una serie di argomenti non collegati fra loro, col suo inconfondibile stile composto da frasi brevi e sempre piuttosto eccentriche, quando non francamente ostiche da decifrare.

Ma stavolta è stato proprio Musk a spiegare al pubblico del Saturday Night Live il motivo del suo bizzarro (e ormai celebre) modo di argomentare, nella puntata del Saturday Night Live più attesa dell’anno.

Per la prima volta nella sua storia, infatti, il programma di culto della NBC è stato trasmesso anche in live streaming su YouTube in più di cento Paesi, dal Regno Unito all’Australia.

Elon Musk ha ammesso che le sue dichiarazioni, così come i suoi tweet, non sono sempre il massimo della chiarezza.

So che a volte dico o pubblico cose strane, ma così funziona il mio cervello. Spesso, dopo aver detto qualcosa, devo sottolinearlo che la sto dicendo sul serio, ha detto il numero uno di Tesla. Che ha aggiunto: “A chiunque si sia offeso, voglio solo dire che ho reinventato le auto elettriche, e sto mandando le persone su Marte su un razzo. Come potevate pensare che fossi un tipo tranquillo e normale?”

E tornando alla frase d’apertura, quando ha dichiarato di essere il primo conduttore del Saturday Night Live ad ammettere di avere l’Asperger, il riferimento era con ogni probabilità a Dan Aykroyd. L’attore, ospite dello show nel 2003, non aveva accennato alla patologia di cui soffre esattamente come Musk.

La sindrome di Asperger

Dopo la puntata del Saturday Night Live, il pubblico è diviso: Musk ha detto la verità, o è l’ennesima sparata autopromozionale?

Attendendo la risposta (se mai arriverà) ricordiamo che la sindrome di Asperger prende il nome dal medico tedesco che l’ha descritta nel 1944. La sindrome rientra nello spettro autistico, e viene definita come un disturbo pervasivo dello sviluppo. Può cioè inibire anche gravemente lo sviluppo mentale della persona che ne è affetta, la quale mantiene comunque un profilo cognitivo e un’abilità di apprendimento nella media.

Ne soffrono anche Bill Gates e Greta Thunberg.

elon musk tesla

Lo show di Musk

Come sua abitudine, Elon Musk al Saturday Night Live non si è limitato a parlare di un solo argomento.

Musk, che si è presentato con completo e T-shirt neri, ha scherzato sul nome del figlio, X Æ A-12, sfoggiando il meglio del suo stile criptico: “Si pronuncia gatto che corre sulla tastiera”.

A un certo punto il miliardario ha chiamato sul palco la madre, Maye, ex modella e oggi guru nutrizionista. Si sono toccati diversi temi, tra cui il consumo di marijuana, e grazie ali effetti speciali Musk si è trasformato in diversi personaggi, come ad esempio Super Mario. Oltre ad aver interpretato se stesso in uno sketch su SpaceX.

Offerta

Le reazioni alla presenza di Musk al Saturday Night Live

Ogni apparizione o dichiarazione di Elon Musk è un piccolo terremoto.

Intanto, molti analisti hanno notato come, durante il suo intervento alla NBC, aziende concorrenti a Tesla abbiano acquistato spazi pubblicitari per sponsorizzare le proprie auto elettriche. Lo hanno fatto Audi con e-tron, Ford con Mustang Mach-e, Volkswagen con ID 4 e Lucid Motors con la Lucid Air.

Ma soprattutto, pare che mentre il CEO di SpaceX parlava, in molti abbiano deciso di vendere le loro monete virtuali, facendo scendere in poco tempo il valore del Dogecoin da 69 a 56 centesimi di dollaro: un crollo fulmineo del 12%.

Al contrario di quanto successo pochi giorni fa, quando una battuta del magnate aveva fatto schizzare il valore della criptovaluta.

Chissà se stavolta i fan di Elon Musk si siano spaventati all’annuncio della sua malattia, oppure se non sia piaciuto lo scambio di battute con la madre Maye.

“Sono entusiasta del regalo per la festa della mamma”, ha detto la madre di Musk. Che ha specificato: “Ma spero solo che non sia in Dogecoin”. “Ma certo che lo è”, ha risposto il figlio.

Claudio Bagnasco

Claudio Bagnasco è nato a Genova nel 1975 e dal 2013 vive a Tortolì. Ha scritto e pubblicato diversi libri, è co-fondatore e co-curatore del blog letterario Squadernauti. Prepara e corre maratone con grande passione e incrollabile lentezza. Ha raccolto parte delle sue scritture nel sito personale claudiobagnasco.com

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button