fbpx
FeaturedNewsTech

Samsung Waterfall Display: e se lo schermo scomparisse?

Un brevetto Samsung mostra una nuova possibile implementazione degli schermi pieghevoli grazie al Waterfall Display

Nel corso degli anni le grandi aziende della tecnologia hanno depositato i più svariati brevetti. Alcuni poi si sono concretizzati in progetti commercializzati, mentre (molti) altri sono rimasti nel cassetto delle stranezze. Quello che è certo è che di frequente questi brevetti hanno fatto scuotere la testa per la perplessità a noi utenti. Quello di oggi è però uno di quelli che, per quanto strano, potrebbe risultare particolarmente interessante nel prossimo futuro, in un’ottica di maggiore impiego dei display pieghevoli. Dopo i display borderless e bezel less, Samsung potrebbe essere al lavoro su un Waterfall Display.

Il brevetto

Il brevetto risale in realtà al 19 febbraio di quest’anno, ma non è stato pubblicato prima del 29 agosto. Nella descrizione si fa riferimento ad una possibile implementazione dei display pieghevoli. In pratica una parte dello schermo potrebbe essere mantenuta “ripiegata” all’interno dello smartphone. Tale porzione di display, all’occorrenza, potrebbe essere resa utilizzabile con uno slider. Il funzionamento richiama alcuni feature phone commercializzati verso il 2009, in cui il tastierino numerico era accessibile solo tramite uno slide verso l’alto dello schermo.

Sempre stando al documento, uno smartphone implementante questa tecnologia, dovrebbe mantenere da chiuso le normali dimensioni di un device della categoria, salvo poi fornire circa il 25% in più di schermo all’apertura. Azione questa che potrebbe essere necessaria anche per l’utilizzo della fotocamera; anche questa infatti potrebbe essere nascosta, ed entrare in funzione soltanto all’apertura completa del display.

    Può davvero servire il Waterfall Display a Samsung?

    Un utilizzo del genere potrebbe sicuramente ridurre l’usura dello schermo nella parteflessa, problema a cui Samsung ha dovuto fare fronte durante lo sviluppo del Galaxy Fold. Uno smartphone con Waterfall Display infatti andrebbe probabilmente a sollecitare molto meno il display, garantendo una maggiore durata del componente. Questa maggiore durabilità sarebbe però presente a discapito dello spazio disponibile di schermo. Potrebbe quindi trattarsi di un compromesso accettabile per alcune fasce di prezzo.
    Che il futuro sia fatto da dispositivi di fascia alta a libro come il Galaxy Fold e una fascia media a slider con Waterfall Display? I grandi colossi del tech hanno altro in serbo? Oppure i display pieghevoli scompariranno dal mercato a favore di altre tecnologie?

    Via
    AndroidHeadlines
    Fonte
    LetsGoDigitalPatentScope
    Tags

    Marco Sacchet

    Studente di ingegneria informatica, nerd da quando ne ho memoria, metallaro impenitente, spero di poter condividere con voi un po' della mia passione per il mondo della tecnologia!
    Next Article
    Close

    Adblock Rilevato

    Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker