fbpx
settimana bianca 2020

Settimana bianca: mini guida per l’auto giusta


Febbraio è per eccellenza il mese della settimana bianca. Infatti, le condizioni nevose delle piste sono buone anche a bassa quota, le temperature cominciano ad alzarsi e le giornate si allungano. Ecco perché vi proponiamo alcuni suggerimenti che presentano 4 tra le più belle e famose mete sciistiche italiane. E come raggiungerle con l’auto giusta.

Le mete (e le auto) giuste per la settimana bianca

Nel 2019, secondo Federalberghi, sono stati ben 11 milioni gli italiani che hanno trascorso una vacanza sulla neve tra gennaio e marzo. In particolare, secondo l’ultima indagine di Expedia.it, Gente da neve, il 69% degli intervistati residenti in Piemonte, Val d’Aosta, Liguria e Lombardia, durante l’inverno preferisce trascorrere periodi più o meno lunghi di relax dedicandosi agli sport invernali. Infatti, partendo da queste regioni, anche chi non ha più a disposizione giorni di ferie, può sempre mettersi in auto per un fine settimana sulle piste. Ma quali sono le mete più belle dove arrivare in auto? E che caratteristiche deve avere una macchina per raggiungere le cime innevate con il massimo confort? Per rispondere gli esperti di automobile.it, hanno creato una mini guida che presenta le 4 caratteristiche che rendono un’automobile adatta alla settimana bianca. Vengono, inoltre, specificate le descrizioni di modelli per chi è appassionato di scii e desidera acquistare la macchina perfetta per essere sempre pronto a raggiungere le piste.

Di seguito alcuni suggerimenti che presentano 4 tra le più belle e famose mete sciistiche italiane dove arrivare in auto:

Cortina

Cortina, tra le mete invernali storiche, è definita la “Grande Dame” del circuito sciistico. Oggi ha nuovamente i riflettori puntati in attesa delle Olimpiadi del 2026. Situata nella provincia di Belluno, si trova tra il Veneto e il Trentino Alto Adige e ogni anno ospita il gotha dello scii. Qui non è raro imbattersi in qualche personaggio famoso di questa disciplina. Adagiata nell’ampia e soleggiata Valle d’Ampezzo, con le Dolomiti che le fanno da corona, offre splendide piste in tre comprensori: Tofane, Faloria – Cristallo e Lagazuoi – 5 Torri.

Livigno

Livigno è il comprensorio più grande della Valtellina. Con i suoi 32 impianti, si sviluppa per 115 km lunghezza e la discesa più alta parte da 2798 metri di altitudine. Livigno offre piste per ogni tipo di sciatore lungo i costoni del Valfin, Monte Sponda e Federia. Da Milano è raggiungibile in circa 4 ore di auto. “Il Piccolo Tibet” è il suo soprannome, per via del clima rigido durante l’inverno, ma gli impianti coperti (seggiovie e cabinovia ad agganciamento automatico) non fanno patire il freddo.

Cervinia

Cervinia, in provincia di Aosta, si trova a circa due ore e mezza da Milano. Fa parte del comprensorio Breuil-Cervinia Valtournenche Zermatt, che è uno dei più ampi delle Alpi. Si sviluppa su tre vallate che toccano Italia e Svizzera, andando dai 3.883 m del Piccolo Cervino ai 1.524 m di Valtournenche. I percorsi sono di varie difficoltà, dai più semplici fino ai più impegnativi.

Madonna di Campiglio

Madonna di Campiglio è una delle località storiche dello sci italiano. Lanciata turisticamente a metà dell’Ottocento, si affermò in breve come meta di soggiorno per la nobiltà e la ricca borghesia austriaca e mitteleuropea.  Oggi ospita tra le più belle piste che si sviluppano lungo 150 km, 57 impianti di risalita, 50 mila mq di snowpark, 40 km per lo sci nordico e il collegamento, sci ai piedi, con Pinzolo e Folgarida – Marilleva. Madonna di Campiglio è famosa inoltre per la sua movida: ristoranti, locali notturni, discoteche, cinema, sale giochi, 3 centri benessere.

Le 4 caratteristiche che deve avere un auto per la settimana bianca

settimana bianca 2020 land roverDi sicuro la carrozzeria deve essere alta. Per questo motivo l’ideale sarebbe quindi affidarsi almeno a un compatto crossover, se non proprio ad un più ingombrante SUV. L’altezza da terra di questi veicoli o il punto di attacco della zona anteriore possono infatti far la differenza in presenza di una copiosa nevicata. Si può però guardare anche ad altri modelli dotati non solo di un “rialzo”, ma di protezioni sotto scocca o soluzioni derivate dal mondo “offroad”.

La trazione ideale è chiaramente integrale: buona a tirare d’impaccio dalle situazioni con meno grip e aderenza. In questo caso si va dai soliti SUV e crossover a vetture dal listino decisamente più abbordabile.Un esempio compatto lo abbiamo con alcune citycar: la mitica Fiat Panda 4×4 è l’icona più tangibile a riguardo, mentre se ci si vuole affidare a modelli più recenti la Suzuki Ignis 4×4 con tecnologia “AllGrip”.

Il bagagliaio dev’essere capiente (almeno se si viaggia con una famiglia di sciatori al gran completo). A meno che non si pensi di affittare tutta l’attrezzatura in loco, che comunque è una soluzione valida, o di montare dei portasci.

Tra gli accessori ideali che dovrebbe avere l’auto in settimana bianca ci sono poi quelli relativi al comfort e la mente vola chiaramente al concetto di calore. Decisamente gradevoli sono infatti i sistemi come i sedili riscaldabili, sempre più spesso presenti anche sulle vetture “basse di gamma”. Salendo ai modelli premium abbiamo addirittura lo sterzo riscaldabile, letteralmente una manna dal cielo quando le temperature precipitano.

OffertaBestseller No. 1

Elisa Erriu

author-publish-post-icon
"Lo scrivere" è il suo mestiere. Ma oltre alla coltre delle sue varie esperienze giornalistiche e dei suoi Master, c'è un mondo fatto di fantasy, anime, film, videogame, musica, Ichnusa, My Little Pony e oggettistica del Re Leone (l'originale!). Attenzione: se pronunciate per tre volte il suo nome giapponese, apparirà alle vostre spalle.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link