fbpx
CulturaPerché guardarlaRubricheSpettacoli

Stranger Things: la rinascita di un decennio – Perché guardarla?

Un viaggio negli anni '80 che non dimenticherete mai

Gli anni ’80 sono stati un decennio straordinario per la cultura pop, non solo seriale. Gran parte dell’immaginario moderno si rifà in qualche modo a quegli anni incredibili, in cui si sono formati cult indimenticabili. Questa consapevolezza ha guadagnato forza nell’ultimo periodo, con innumerevoli prodotti che si ispirano o omaggiano quell’epoca. E anche se non è stato necessariamente il primo passo, gran parte di questa rinascita si può fare risalire a una serie specifica: Stranger Things.

Stranger Things, di cosa parla la serie Netflix?

Hawkins, Indiana. È il 6 novembre 1983 quando un ragazzino di nome Will Byers sparisce in circostanze misteriose. I suoi amici Mike, Dustin e Lucas si ingegnano in ogni modo per riuscire a ritrovarlo e sulla loro strada conoscono una giovane, altrettanto avvolta dal mistero. Si fa chiamare Undici, pare dotata di poteri eccezionali ed è in fuga da un’organizzazione dagli scopi ignoti.

Nel frattempo nuove vicende bizzarre (appunto, “Stranger Things”) avvolgono la cittadina. Dall’apparente follia che ha colpito la madre di Will, che cerca in ogni modo di ritrovare il suo ragazzo, passando per alcune sparizioni per cause sconosciute. Quello che accade ad Hawkins è ammantato dal mistero e forze oscure sono in gioco. Toccherà ai nostri giovani e improbabili eroi trovare la soluzione e salvare il mondo.

Stranger Things prende a piene mani dall’immaginario degli anni ’80 ed è evidente fin dalle prime scene. Non è solo questione dell’ambientazione, ricca di riferimenti ai prodotti dell’epoca, o alle citazioni nascoste che lo rendono una vera e propria caccia al tesoro di easter egg. La serie ha un approccio più profondo, che scava nell’essenza di quell’epoca culturale estraendone l’essenza e trasformandola.

Seguendo la storia, ci si trova immersi in un romanzo di Stephen King più di qualsiasi altro adattamento dell’autore, tanto da ispirare fortemente la successiva trasposizione di It. Allo stesso modo si vive l’atmosfera dei Goonies o di E.T. più di quanto potranno mai fare eventuali sequel o remake. E questo percorso approfondito resterà e si accrescerà nelle stagioni successive, spostando il focus su generi specifici e filoni di quel decennio con un’attenzione che nessun “grande omaggio agli anni ’80” successivo è riuscito a replicare.

Stranger Things è la serie che ha reso Netflix… Netflix

Stranger Things

A prescindere dalla passione per gli anni ’80 però c’è un altro motivo fondamentale per partire per un viaggio a Hawkins, legato alla storia della serialità televisiva stessa. Stranger Things è infatti indubbiamente un punto di svolta nel percorso evolutivo di questo medio, che ha contribuito fortemente a forgiare il panorama attuale. Insomma, che piaccia o meno (a noi, ovviamente, piace) è una pietra miliare per le serie TV.

Se House of Cards è stata la serie che ha dato il via alla trasformazione di Netflix da distributore a produttore di contenuti, le avventure di Mike, Undici e gli altri ne hanno solidificato la posizione, rendendola la corazzata che è oggi. Per la prima volta un prodotto di questa piattaforma ha completamente travolto il mondo, diventando un successo planetario e proiettando nello stardom i suoi protagonisti.

Non solo, ma è stato anche il primo progetto a ottenere questo risultato ‘partendo da zero’. La sopracitata House of Cards poteva avvalersi di grandi nomi, come quello di David Fincher e Kevin Spacey. Qui invece avevamo autori sconosciuti, un cast ottimo, ma non particolarmente ricco di personalità celebri e un progetto totalmente originale. David Harbour ha più volte rimarcato nelle interviste come nessuno si aspettasse questo successo incredibile, anzi.

Stranger Things ha dimostrato che Netflix aveva la possibilità di fare da vetrina per prodotti, permettendogli di trovare il proprio pubblico e da lì esplodere. Solo in quel momento si è davvero capito che la piattaforma aveva la capacità di camminare con le proprie gambe e dare vita a fenomeni travolgenti. Un momento che ha cambiato completamente il panorama televisivo e rivoluzionato il settore.

Visitare Hawkins sarà un’esperienza straordinaria

Stranger Things
Stranger Things

Se avete un abbonamento Netflix e non avete mai visto Stranger Things, è tempo di recuperare. Se non siete abbonati, correte sulla piattaforma, inserite i vostri dati e lanciatevi all’avventura. Scoprirete personaggi incredibili, capaci di stupirvi anche quando pensate di conoscerli. In poche ore vi troverete con un sacco di nuovi amici che non vi lasceranno mai e una nuova serie da cui non riuscirete a staccarvi. In attesa della quarta stagione che promette di essere un nuovo grande successo.

Hasbro Gaming E3702102 Dungeons & Dragons Stranger Things...
  • Dungeons & Dragons a tema Stranger Things
  • Gioco ottimo per i nuovi giocatori di Dungeon & Dragons
  • Regole dettagliate, libro delle avventure e dado poliedrico

Mattia Chiappani

Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button