fbpx
Suzuki Hayabusa 2021 dinamica

Suzuki Hayabusa è tornata: prezzo e caratteristiche della mitica supersportiva
Suzuki Hayabusa 2021: scheda tecnica, prestazioni e prezzo della supersportiva giapponese


Dopo 3 anni di assenza, Suzuki Hayabusa 2021 è tornata. Il mito giapponese, unico nel suo genere, paciosa e “comoda” nell’aspetto ma con prestazioni incredibili, capace di superare con pochissimo sforzo i 300 all’ora. Dopo l’uscita di scena della seconda generazione nel 2017, oggi Suzuki Hayabusa torna più tecnologica e “cattiva” che mai. Il motore 1.3 offre 190 CV e 299 km/h di velocità massima (autolimitati), e tanta tecnologia. Il prezzo? Si parte da 19.350 euro, ma in Italia si può comprare anche online. Vediamo allora tutte le caratteristiche della ipersportiva di Hamamatsu.

Suzuki Hayabusa 2021, l’estetica: più affilata, ma sempre se stessa

Partiamo subito con l’analisi estetica di questa nuova, cattivissima Hayabusa di terza generazione. Nonostante si siano aggiunti alla festa fari a LED, tecnologia e uno studio aerodinamico certosino, Suzuki Hayabusa 2021 è ancora riconoscibile come un “falco pellegrino”. Per chi non lo sapesse, infatti, Hayabusa è la traduzione in giapponese del rapace e animale più veloce del mondo, capace di raggiungere i 330 km/h in picchiata.

Suzuki Hayabusa, le tre generazioni

Come potete vedere, tutte e tre le generazioni di Hayabusa sono perfettamente riconoscibili e condividono lo stesso stile un po’ cicciotto e pacioso, molto diverso da quello di una più classica supersportiva rivale. Le carene sono importanti e rassicuranti, come a dire “so fare i 300 all’ora, ma non sono un mostro sputafuoco”. L’estetica è aggressiva, spinta in avanti come ad aggredire la strada, ma mai intimidatoria.

In questa direzione vanno anche l’introduzione del nuovo faro centrale a LED e la rinnovata generosa carenatura anteriore, che protegge il corpo del pilota dall’aria. Tutto nell’estetica di Hayabusa è stato studiato per offrire la massima aerodinamicità. Gli specchietti retrovisori, il piccolo parabrezza di plexiglass e anche l’imponente coda posteriore sono studiati in modo da avere la minor resistenza aerodinamica possibile, che raggiunge livelli da Superbike nonostante dimensioni e sezione frontale decisamente superiori. Per darvi un esempio della cura aerodinamica, anche le leve sono state curate in galleria del vento: sono infatti forate per offrire la minore resistenza aerodinamica possibile

Carene Suzuki Hayabusa 2021

Anche i dettagli puramente estetici hanno una funzione aerodinamica. Le modanature cromate a V sulla carena, che ricordano le ali di un falco pellegrino, hanno anche il compito di allontanare dalle ginocchia del pilota tutte le turbolenze. Al posteriore poi la coda è molto rialzata e offre spazio a sufficienza al passeggero, e al suo fianco spiccano i due enormi silenziatori che si occupano di trasformare i 190 CV del 1.3 in rumore.

I cerchi in lega sono inediti, con disegno a 7 razze, mentre per la carrozzeria sono disponibili due combinazioni bicolore, Nero con accenti Gold o Grigio con accenti Rossi, come il logo Hayabusa e l’imponente badge Suzuki.

La meccanica di Suzuki Hayabusa 2021: motore Euro 5 che punta su coppia ed elasticità

Abbiamo analizzato l’estetica di nuova Suzuki Hayabusa, vediamo allora cosa queste grandi carene nascondono. Il motore è rimasto quasi invariato rispetto alla seconda generazione del 2008: parliamo infatti del 4 cilindri in linea da 1340 cm³ raffreddato ad acqua. Una scelta consapevole da parte di Suzuki, che sa che una delle componenti più apprezzate di Hayabusa è proprio il motore, diverso da tutti quelli delle supersportive rivali.

Un motore che offre tanta potenza e cattiveria, ma che ha il suo asso nella manica nell’incredibile elasticità e coppia in basso, che fa divertire anche su strada dove è proprio la coppia in basso che fa divertire e non la potenza agli alti, importante in pista. Proprio per questo Suzuki, in concomitanza con l’omologazione del motore alle normative Euro 5, ha modificato la curva di potenza e coppia del suo 1.3.

Motore Suzuki Hayabusa 2021

I cavalli adesso sono leggermente più bassi, 190 CV contro i 197 della precedente, e anche la coppia scende da 155 a 150 Nm. Nonostante questo però sia la potenza che la coppia sono disponibili più in basso, e sono ora ancora più robuste e regolari. Secondo Suzuki infatti adesso la curva di potenza privilegia proprio i bassi e medi regimi, tanto che le prestazioni sotto i 6000 giri sono migliori di quelle della precedente Hayabusa, e secondo Suzuki migliori di qualsiasi altra moto sul mercato.

Per ottenere questo risultato, i tecnici di Hamamatsu hanno modificato quasi tutte le componenti del motore. I pistoni sono nuovi e più leggeri di 26 grammi, così come le bielle, i terminali di scarico (più leggeri di 2 kg), i due alberi a camme, l’albero motore e anche la trasmissione. Anche l’accereratore è “by wire”, senza cavo fisico, per un ulteriore risparmio di peso.

Le prestazioni di Suzuki Hayabusa 2021: accelerazione da urlo e sfiora i 300 km/h

Tutte queste novità hanno portato ad un aumento delle prestazioni nonostante i 7 CV e 5 Nm in meno. L’accelerazione 0-100 km/h è coperta in soli 3,2 secondi, 0,2 s più veloce della vecchia Hayabusa, mentre l’accelerazione sui 200 metri è di 0,1 s più rapida. La velocità massima invece rimane autolimitata a 299 km/h come da recente tradizione, fermandosi ad un soffio dai 300 km/h.

La tecnologia di Suzuki Hayabusa: aiuti attivi alla guida e per la sicurezza

Come ogni moto del 2021 che si rispetti, anche su Suzuki Hayabusa 2021 la tecnologia è tantissima. Partiamo infatti dal nuovo quadro strumenti, ancora analogico ma dotato di un nuovo schermo LCD centrale TFT. Questo è in grado di dare tantissime informazioni come la selezione delle modalità di guida, l’angolo di piega con memoria, l’accelerazione longitudinale e la percentuale di acceleratore.

Abbiamo parlato di selettore di modalità di guida, ed infatti Suzuki Hayabusa 2021 adotta il sistema Suzuki Drive Mode Selector Alpha (SDMS-α) che permette di selezionare tre modalità di guida predefinite, Active, Basic e Comfort, e tre modalità personalizzabili.

Quadro strumenti Suzuki Hayabusa 2021

Queste modalità di guida configurano la taratura di diversi sistemi elettronici di guida e di sicurezza, che la rendono una delle più tecnologiche del segmento, persino più della supersportiva “classica” di Suzuki, la GSX 1000 R. Nuova Hayabusa 2021 ha una piattaforma inerziale a sei assi, e ben 5 dispositivi di sicurezza regolabili. Insieme all’ormai immancabile Traction Control tarabile su 10 livelli e su Off, ci sono l’anti-impennata, il sistema per la regolazione della potenza, il sistema per il controllo del freno motore e il cambio elettronico Quick Shift, sia in salita che in scalata.

A livello di confort e di sicurezza attiva poi non mancano il Cruise Control, il limitatore di velocità, il Launch Control, nonchè i sistemi per evitare uno stoppie indesiderato, l’avviso di inchiodata e due sistemi per l’aiuto in partenza, l’Hill Start Control per le partenze in salita e il Low RPM Assist per le partenze da bassa velocità.

Suzuki Hayabusa 2021 su rettilineo

Tutti questi sistemi poi sono stati rinominati da Suzuki Italia con dei nomi italianizzati molto facili da capire. Il Launch Control ad esempio si chiama “Partiarazzo”, mentre l’anti-impennata si chiama “Giùlaruota”, o la gestione della potenza diventa appunto “Gestiscilapotenza”. Una operazione simpatica e che fa sorridere, ma che aiuta a capire in un secondo a cosa serva ogni sistema.

La ciclistica e la posizione di guida: pesi ben ripartiti, e ora è più comoda

Abbiamo parlato di potenza, di motori, di elettronica e di estetica, ma che supersportiva sarebbe se non desse importanza anche alla ciclistica? Suzuki Hayabusa 2021 conferma il telaio a doppia trave con forcellone in alluminio della generazione precedente, capace di regalare una sensazione di controllo e una grande facilità di guida, quasi impensabili guardandola da fuori.

Il peso infatti non è proprio contenutissimo: parliamo di 264 kg, con una distribuzione perfetta 50/50 tra posteriore e anteriore. Il peso è inoltre stato ridotto di 2 kg rispetto alla precedente generazione, che però non aveva tutti i sistemi anti-inquinamento ed elettronici. Un ottimo biglietto da visita, che unito a forcella anteriore da 43 mm KYB e ammortizzatore posteriore sempre KYB completamente regolabili dovrebbero garantire il giusto confort insieme ad una stabilità a prova di bomba.

Suzuki Hayabusa 2021 in carena

A confermare l’attenzione sul confort c’è il manubrio spostato indietro di 12 mm verso il pilota, in modo da regalare una posizione di guida meno carica su polsi e avambracci e permettere anche i viaggi più lunghi. A livello di freni poi non manca l’ABS che tiene a bada i freni Brembo da 320 mm. L’impianto frenante è poi coadiuvato dalla frenata combinata CBS, che distribuisce la frenata fatta con la leva destra tra freno anteriore e posteriore. C’è poi il sistema che aiuta la frenata in piega, perfetta per i momenti di guida concitati.

Infine, anche gli pneumatici sono specifici per Suzuki Hayabusa 2021: la giapponese Bridgestone ha infatti realizzato una Battlax HyperSport S22 specifica per lei, con carcassa e mescola studiata ad hoc per le caratteristiche particolari di Hayabusa.

Suzuki Hayabusa 2021, prezzo e disponibilità: per l’Italia c’è la Web Edition

Non ci resta che analizzare il prezzo di Suzuki Hayabusa 2021. Essendo una moto di alto livello, ci si aspetterebbe un prezzo decisamente importante. Ed infatti Suzuki Hayabusa 2021 è offerta ad un prezzo di 19.350 euro franco concessionario, in linea con le rivali. C’è poi una bella sorpresa per gli appassionati italiani. Suzuki Italia infatti ha reso disponibile sul suo portale online la Hayabusa Web Edition.

Questa versione speciale realizzata in soli 10 esemplari offre oltre 2.000 euro di vantaggio cliente. Abbiamo infatti la presenza di due terminali Akrapovic che abbassano il peso di 4 kg e leve freno e frizione ricavate dal pieno. A livello estetico poi la Web Edition aggiunge dettagli dorati e cerchi bicolore. La ciliegina sulla torta è però data dall’aumento di potenza di 2,5 CV che porta il totale a 192,5 CV a 8.400 giri. La Web Edition di Hayabusa è in vendita solo sulla piattaforma online Suzuki, raggiungibile a questo link. Il prezzo? 21.490 euro.

Suzuki Hayabusa 2021 dopo quasi 4 anni di assenza è tornata sul mercato, più affamata di prima. Il Falco Pellegrino giapponese continua ad attaccare il mercato delle supersportive con una visione tutta sua, che fin dal lancio nel 1999 divide gli appassionati. C’è chi la ama alla follia e chi la odia… Voi da che parte state? Fatecelo sapere sulle nostre pagine social!

BarBaren supporto cellulare moto 16-19MM supporto navigatore...
  • Materiale: plastica ABS + metallo
  • Il nostro prodotto è un supporto di navigazione mobile multifunzionale (Include un supporto per Actioncam).
  • Questa staffa di navigazione può essere adattata a una varietà di marche di telefoni cellulari. Ambito di applicazione...

Appassionato di due ruote? Questi articoli ti piaceranno!


Giulio Verdiraimo

Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!