fbpx
suzuki katana-1

Suzuki Katana, arriva la nuova versione Jindachi


Suzuki amplia la gamma della sua “best seller” Katana con l’introduzione del modello Jindachi. Come da tradizione, anche questa nuova versione prende il nome di un’arma bianca della tradizione giapponese: la Jindachi identifica infatti una particolare categoria di spade a lama lunga, caratterizzate da ornamenti e finiture di pregio assoluto.

Particolari unici

La Sukuzi Katana Jindachi si nota subito per una serie di accessori pensati per migliorare il comfort del pilota nell’utilizzo quotidiano e per donare alla moto una aspetto più elegante ma al tempo stesso grintoso. La prima novità riguarda lo scarico al titanio realizzato da Akrpovic che ha permesso di diminuire il peso totale della moto ma di offrire un sound più pieno al motore. Altra novità riguarda il cupolino maggiorato, che ora protegge meglio il busto del pilota senza perdere continuità nelle linee del frontale.

suzuki katana-3

Adesivi a go-go

Tutta una serie di componenti sono stati ritoccati con adesivi ad hoc per rendere più distintiva la Suzuki Katana Jindachi rispetto agli altri modelli. Infatti troviamo adesivi per la carrozzeria, che sottolinea la sagoma filante delle sovrastrutture, adesivi per le ruote, che riprende il rosso degli altri particolari e infine adesivi protettivi carbon look che accentua la grinta della Katana.

A questi vanno aggiunte le altre novità, che riguardano la protezione del serbatoio, sempre in stile carbon look, per limitare la possibilità di graffiarlo, e la sella bicolore nera e rossa dove spicca il logo Katana stampato.

Motore evoluto

Il motore è un’evoluzione di quello presente nella GSX-R1000 K5, e configurato per erogare i suoi 150 cv in modo fluido e progressivo sin dai bassi regimi. Dotato di quattro cilindri è inserito in un telaio in alluminio rigido e molto compatto supportato dalla forcella upside-down KYB da 43 mm.

L’impianto frenante si basa su pinze freno anteriori ad attacco radiale Brembo e un sistema antibloccaggio ABS Bosch. L’elettronica aiuta inoltre a gestire al meglio anche l’esuberanza del motore, grazie al controllo elettronico della trazione, e facilita l’avviamento e le partenze con i sistemi Suzuki Easy Start System e Low RPM Assist.

Prezzo

Suzuki Katana Jindachi, proposta nelle colorazioni Black e Silver, ha un costo di listino pari a 14.290 euro. Questo significa un sovrapprezzo di soli 600 euro rispetto alla versione standard, ma con un valore degli accessori presenti nella Jindachi stimato in oltre 1.500 euro.


Carlo Moiraghi