fbpx
AttualitàCulturaTech

Tim spegne il 3G: ecco l’avviso agli utenti

Periodo di switch off, questo inizio di 2022, a testimonianza di come le tecnologie che sembravano avveniristiche ieri sono già in odore di obsolescenza oggi.

Ma nelle prossime settimane non sarà solo il digitale terrestre a passare al nuovo standard di trasmissione. Anche la telefonia mobile (che al digitale terrestre è legata a filo doppio, perché le frequenze in 700 MHz saranno liberate proprio per favorire la tecnologia 5G) sarà chiamata a un passaggio atteso ma comunque epocale.

E lo sa bene Tim, che spegnerà il 3G a partire dal mese di aprile, come spiega un post apparso sul sito ufficiale dell’azienda.

Tre le tipologie di utenti che saranno obbligate a correre ai ripari. Chi? Quelli che possiedono ancora un apparecchio 3G (praticamente un oggetto di modernariato), chi ha uno smartphone 4G di prima generazione e chi ha una sim con capacità inferiore a 128K.

Prima di analizzare queste tre possibili situazioni, vediamo in cosa consiste la progressiva dismissione da parte di Tim della rete 3G.

Tim e l’addio al 3G

I motivi dello spegnimento della rete 3G da parte di Tim sono ben spiegati nel post. Dove leggiamo che “TIM, nel processo di innovazione e sviluppo della propria rete mobile, per offrire alla propria clientela servizi di qualità sempre più elevata, ha avviato la progressiva dismissione della rete 3G, a favore delle più performanti reti 4G e 5G.

Il processo di sostituzione sarà avviato a partire da Aprile 2022 e coinvolgerà, progressivamente, tutto il territorio nazionale.

La chiusura della rete 3G consentirà a TIM di concentrare gli investimenti sulle tecnologie più efficienti dal punto di vista energetico e più performanti in termini di qualità dei servizi offerti ai propri clienti. 

Le reti 4G e 5G, potenziate con i continui investimenti in innovazione tecnologica, consentiranno ai clienti TIM di accedere ad un’esperienza d’uso sempre più coinvolgente ed immersiva, anche nella fruizione di video in streaming, come quelli disponibili nelle offerte che uniscono i contenuti di TIMVISION con quelli di DAZN, Infinity+, Disney+ e Netflix”.

Tim

Cosa cambierà

La percentuale di utenti che sarà toccata personalmente dallo switch off è rappresentata dalle tre categorie già citate. E cioè dai possessori di telefono 3G, smartphone 4G di prima generazione e sim con meno di 128K.

Tutti questi clienti riceveranno una comunicazione personalizzata. I primi messaggi già inviati contengono il seguente testo: “Gentile cliente, da aprile 2022, Tim avvierà il progressivo spegnimento della rete 3G, che sarà sostituita dalle tecnologie 4G e 5G. Poiché il tuo smartphone non supporta le chiamate con le nuove tecnologie, in assenza di rete 3G, userai la rete 2G per telefonare e inviare sms, ma non potrà più navigare contemporaneamente in Internet sulla rete 4G. Per fruire al meglio della qualità della rete Tim, ti suggeriamo di valutare la sostituzione del vecchio smartphone”.

Ma vediamo, per ciascuna delle tre tipologie di utente, cosa succederà.

Possessori di telefono 3G

Con lo spegnimento della rete 3G, gli apparecchi che non supportano il 4G dovranno tornare alla mitica rete 2G, quella degli anni Novanta del secolo scorso. Si potrà ancora telefonare e inviare SMS, ma la navigazione su Internet avrà tutte le limitazioni che ben si possono immaginare.

Possessori di smartphone 4G di prima generazione

I dispositivi che non supportano la tecnologia VoLTE (Voce su LTE, che consente di telefonare sulla rete 4G o 5G) potranno navigare in 4G ma useranno il 2G per telefonare e inviare sms. Essendo due reti distinti, non si potrà più telefonare e navigare contemporaneamente.

Per verificare la compatibilità del proprio apparecchio con la tecnologia VoLTE si dovrà, durante una chiamata, controllare se l’icona continua a mostrare il simbolo 4G o 5G. Per i telefoni precedenti al 2020, la presenza del servizio VoLTE è indicata da un’icona in alto a destra del display. Se manca, si può verificare la corretta abilitazione del VoLTE sulle impostazioni del telefono.

Telefono con Apertura a Conchiglia HCmobi 3G con Pulsanti...
  • 【 Smartphone a livello iniziale per anziani 】questo telefono con apertura a conchiglia è uno smartphone a livello...
  • 【Rete 2G e 3G】questo è un telefono sbloccato (non contrattuale), supporta le bande di rete 2G(GSM) e 3G(WCDMA)...
  • 【Pulsante di emergenza SOS】è presente un grande pulsante SOS sul retro, può impostare 5 numeri di chiamata di...

Possessori di sim con capacità inferiore a 128K

L’abbandono della rete 3G da parte di Tim penalizza anche chi ha una sim con capacità inferiore a 128k. I possessori di vecchie sim potranno ancora telefonare e inviare sms sfruttando il 2G, ma riscontreranno forti rallentamenti nella navigazione in Internet.

Tuttavia potranno effettuare la sostituzione della sim nei centri Tim, mantenendo il numero telefonico. I 15 euro dell’operazione saranno rimborsati antro 24 ore sul credito della nuova schedina.

Ecco il messaggio che Tim sta inviando a questa tipologia di clienti: “Gentile cliente, da aprile 2022, TIM avvierà il progressivo spegnimento della rete mobile 3G, che sarà sostituita dalle tecnologie 4G e 5G. Poiché la tua SIM non supporta le nuove tecnologie, in assenza di rete 3G, non potrai utilizzare i servizi di rete mobile.

Ti invitiamo, quindi, a recarti in un negozio TIM, in tempo utile per effettuare la sostituzione della SIM. Il tuo numero di telefono non cambierà ed il costo di 15E per il cambio SIM ti sarà rimborsato automaticamente entro 24 ore sul tuo credito residuo”.

Claudio Bagnasco

Claudio Bagnasco è nato a Genova nel 1975 e dal 2013 vive a Tortolì. Ha scritto e pubblicato diversi libri, è co-fondatore e co-curatore del blog letterario Squadernauti. Prepara e corre maratone con grande passione e incrollabile lentezza. Ha ideato il podcast Runningsofia (www.runningsofia.com), la casa di campagna di tutti i podisti amatori. Ha raccolto parte delle sue scritture nel sito personale claudiobagnasco.com

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button