fbpx
AutoElettricoMotoriNews

Toyota bZ4X: arriva in Europa la nuova elettrica di serie

Tra le caratteristiche innovative anche una versione con pannelli solari integrati nel tetto

Con la Toyota bZ4X, il produttore giapponese annuncia la prima di una serie di future auto elettriche a batteria. L’auto si basa sulla cosiddetta piattaforma e-TNGA, progettata appositamente per questa tipologia di veicoli a emissioni zero, dove le lettere bZ stanno appunto per “Beyond Zero”. La nuova Toyota bZ4X farà il suo debutto europeo il 2 dicembre 2021 e nello stesso giorno si potrà preordinare direttamente via web sul sito ufficiale della Casa.

Toyota è ormai orientata verso auto a “emissioni zero” e si concentra su diversi tipi di propulsori: ibrido elettrico, ibrido plug-in elettrico, elettrico a batteria e elettrico a idrogeno. Tutte queste tecnologie insieme aiutano a raggiungere raggiungere la neutralità in termini di CO2. Toyota ha in previsione diversi modelli della neonata famiglia bZ, e con il bZ4X da il via a questa famiglia di veicoli votata al “green”.

La Toyota bZ4X è più bassa di 85 mm rispetto alla Toyota RAV4, mentre il passo è più lungo di 160 mm e il cofano è più basso di 50 mm. Anche gli sbalzi anteriore e posteriore sono più corti e allo stesso tempo, il bZ4X offre più spazio interno del famoso RAV4. Ampio anche il bagagliaio: con i sedili posteriori in posizione normale, il volume totale raggiunge di 452 litri. La batteria si trova naturalmente nella sezione inferiore, creando in questo modo un baricentro basso.

toyota bz4x

Il design incorpora elementi aerodinamici che contribuiscono alla lunga autonomia della bZ4X. Ad esempio spiccano elementi quali lo spoiler sul tetto diviso in due pezzi, il piccolo bordo dello spoiler sotto il lunotto, il diffusore nella parte posteriore e il lunotto posizionato in una speciale angolazione. Inoltre, le aperture agli angoli estremi del paraurti anteriore riducono la turbolenza del flusso d’aria quando questa passa oltre le ruote anteriori. La stretta griglia inferiore è dotata di una valvola per dirigere l’aria di raffreddamento alla batteria e ridurre la resistenza dell’aria.

Toyota fornisce il bZ4X con una scelta di due trazioni. La versione a trazione anteriore dispone di un motore elettrico da 150 kW di potenza e 265 Nm di coppia, che consente un’accelerazione da 0-100 km/h in 8,4 secondi. La velocità massima è di 160 km/h. Esiste anche una versione a trazione integrale con 160 kW e 336 Nm di coppia. La velocità massima è la stessa della di quella a trazione anteriore, ma l’accelerazione da 0-100 km/h richiede appena 7,7 secondi.

Toyota bZ4X, l’elettrica che si guida “con un solo pedale”

La versione a trazione integrale della Toyota bZ4X è dotata di due motori elettrici da 80 kW, di cui uno montato sull’asse anteriore e uno sull’asse posteriore. Tramite la tecnologie XMode sono possibili diverse modalità di guida in condizioni difficili, con impostazioni per neve/fango, neve profonda e fango (velocità fino a 20 km/h) e Grip Control per terreni ancora più difficili (sotto i 10 km/h).

La trasmissione offre la possibilità di guidare con un solo pedale. La rigenerazione di energia è talmente forte che, secondo Toyota, quando si “rilascia l’acceleratore” si innesca una decelerazione così forte che il conducente può anche non frenare e quindi utilizzare durante la guida solo il pedale dell’acceleratore.

toyota bz4x

La batteria agli ioni di litio offre una capacità di 71,4 kWh, buona per un’autonomia di oltre 450 chilometri (WLTP). In linea con gli obiettivi di sviluppo, Toyota prevede un calo marginale delle prestazioni della batteria – circa il 10% – in dieci anni o dopo 240.000 chilometri (a seconda dell’evento che si verifica per primo). Le cifre citate dipendono dalla versione della Toyota bZ4X e sono ancora soggette ad omologazione. Con un caricabatterie rapido da 150 kW (CCS2), è possibile caricare fino all’80% della capacità in circa 30 minuti.

Il monitoraggio multiplo di tensione, corrente e temperatura, a livello di cella, mantiene la batteria in salute. Se viene rilevato un accumulo di calore anomalo, i controlli vengono attivati ​​automaticamente. L’azienda adotta anche contromisure per prevenire il degrado del materiale e il processo di produzione è protetto per impedire l’ingresso di corpi estranei nella batteria. Una novità per Toyota è che la batteria è raffreddata ad acqua.

Interni, c’è tutto il “giusto” comfort

Il tema che Toyota attribuisce nel descrivere gli interni è “lagom”, che in svedese significa “giusto”. Ciò si riflette nel comfort, nello spazio e nell’atmosfera familiare. Quest’ultima è esaltata dall’uso di morbidi tessuti di rivestimento, dettagli di finitura satinata e l’opzione di un tetto panoramico. Il cruscotto è di forma sottile e posizionato in basso. Il display TFT da 7 pollici e quello destinato alle classiche informazioni di guida si trovano direttamente nel campo visivo del conducente che può dare uno sguardo a questi display con il minimo movimento degli occhi, supportando il principio “mani sul volante, occhi sulla strada”.

La bZ4X sarà anche il primo modello di produzione Toyota ad essere disponibile con il nuovo sistema Steer-by-Wire “One Motion Grip”. Lo sterzo funziona senza collegamento meccanico tra il volante e le ruote anteriori. Queste infatti sono controllate elettronicamente in base all’input dal volante. Grazie a questo sistema salvaspazio, l’auto offre più agio per le gambe, una migliore posizione di seduta e un’entrata e un’uscita dall’abitacolo più facili.

Il volante tradizionale è stato sostituito dal cosiddetto controllo One Motion Grip, una specie di cloche, che semplifica la guida della bZ4X e rende superfluo il “sovraccarico”. Il movimento “Full-lock” può essere infatti ottenuto ruotando questa cloche di soli 150 gradi.

La gamma della Toyota bZ4X conta anche su un modello che può montare pannelli solari opzionali nel tetto (solar roof) dell’auto. L’energia solare generata al 100% in modo sostenibile viene quindi immagazzinata direttamente nella batteria. Inoltre i pannelli solari sono sempre attivi, a prescindere che il mezzo sia acceso o meno. Toyota ha calcolato che il sistema può generare energia sufficiente per percorrere 1.800 chilometri in un anno intero.

Toyota equipaggia la terza generazione di bZ4X con Toyota Safety Sense. Questa suite di sistemi di sicurezza e assistenza include funzionalità nuove e migliorate, come un raggio di rilevamento più ampio, che protegge meglio dai rischi che possono derivare dagli incidenti più comuni. È inoltre disponibile un nuovo sistema multimediale con aggiornamenti software ‘over-the-air’ (OTA).

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button