fbpx
NewsTech

I fondatori di Africrypt sono scomparsi con 3,6 miliardi di dollari in Bitcoin

I primi sospetti sono nati ad aprile

Secondo quanto riferisce Bloomberg, due fratelli sudafricani e fondatori della piattaforma di investimento in criptovalute – Africrypt – con sede a Città del Capo sono scomparsi insieme a 3,6 miliardi di dollari in Bitcoin dei loro clienti. La polizia sudafricana e uno studio legale stanno indagando riguardo questa truffa di criptovalute da aprile, ma non c’è traccia dei due fratelli.

Truffa criptovalute, due fratelli e fondatori di Africrypt scompaiono con 3,6 miliardi di dollari in Bitcoin

Bitcoin e criptovalute - truffa

I sospetti degli investitori nella piattaforma sono iniziati ad aprile, quando il direttore operativo di Africrypt, Ameer Cajee, ha detto ai clienti che c’era stato un attacco hacker, chiedendo poi di non segnalare i fondi mancanti alle autorità. Dopo aver ricevuto questo inquietante avviso, un gruppo di clienti ha assunto Hanekom Attorneys per indagare sulla situazione.

“Siamo spiacenti di informarvi che a causa della recente violazione nel nostro sistema, gli account dei clienti e i portafogli dei clienti stati tutti compromessi. Purtroppo, questo ha costretto Africrypt a interrompere le operazioni. Esortiamo tutti i clienti a essere pazienti mentre cerchiamo di risolvere la situazione. È comprensibile che i clienti possano procedere per via legale, ma chiediamo ai clienti di riconoscere che ciò ritarderà solo il processo di recupero” ha scritto Africrypt ai suoi clienti.

“Siamo stati immediatamente sospettosi poiché l’annuncio implorava gli investitori di non intraprendere azioni legali”, ha detto Hanekom Attorneys. “I dipendenti di Africrypt hanno perso l’accesso alle piattaforme di back-end sette giorni prima del presunto attacco”.

Sono stati allertati anche gli exchange di criptovalute

Secondo il rapporto, segnalato originariamente all’inizio della settimana dal sito del Kenya BitcoinKE, gli avvocati stanno ancora indagando. E, poiché non sono ancora stati in grado di rintracciare i due fratelli, è stata allertata anche la polizia sudafricana, Hawks. Anche gli exchange di criptovalute di tutto il mondo sono stati messi in allerta del presunto furto nel caso in cui i fratelli tentassero di convertire le monete virtuali. Un gruppo separato di investitori ha avviato inoltre una procedura di liquidazione nei confronti della società.

Durante l’indagine in corso, Hanekom Attorneys ha scoperto che i fondi raccolti da Africrypt sono stati trasferiti dai conti sudafricani e dai portafogli dei clienti e passati attraverso i Bitcoin mixer e tumbler nel tentativo di renderli non rintracciabili. Bloomberg ha tentato di chiamare uno dei fratelli ma ha risposto direttamente la segreteria telefonica. Anche il sito web della società è stato rimosso.

Secondo quanto riporta BitcoinKE, i due fratelli Ameer Cajee di 17 anni e Raees Cajee di 20 anni sarebbero scappati nel Regno Unito.

Source
BitcoinKEBloomberg

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button