fbpx
News

Truffa sponsorizzata su Facebook: non c’è nessun buono Mediaworld da 1000€

Non esiste nessun buono da 1000€ da spendere da Mediaworld, anche se è pubblicizzato su Facebook. La nuova truffa si sta diffondendo fin troppo velocemente proprio perché il post è stato sponsorizzato sul social network.

Facebook non censura la truffa del buono Mediaworld

Non è certo la prima volta che delle fantomatiche pagine Facebook, di aziende inesistenti, vengano tirate su in fretta e furia al solo scopo di creare post per spingere truffe. Infatti, in questo modo è possibile creare dei post, contenenti link malevoli, da poter sponsorizzare sul social stesso.

Questo è esattamente quello che è accaduto negli ultimi giorni con l'ennesima truffa che ruba ed utilizza il nome di aziende note (in questo caso Mediaworld) solo per aumentare la credibilità nei confronti delle potenziali vittime.

LEGGI ANCHE: Facebook potrà presto capire se sei ricco o povero

Probabilmente, vi sarà capitato in questo giorni di veder comparire un post sponsorizzato della pagina "Zendit Market". Il contenuto riguarda l'incredibile opportunità riservata ai  papà nati nel mese di marzo. Infatti, i fortunati marzolini – secondo quando scritto nel post – avrebbero diritto a ricevere un buono da ben 1000€ offerto dalla catena di negozi tech Mediaworld. Ovviamente, è tutto falso. Lo scopo è unicamente quello di portare l'utente a cliccare sul link malevolo.

Quello che sconcerta di più di quanto sta accedendo è la mancanza di controllo da parte di Facebook. Infatti, ogni post sponsorizzato – teoricamente – è sottoposto a controlli preliminari prima di essere approvato.

Eppure, post di questo genere – contenenti truffe – vengono molto spesso lasciati liberi di circolare sul social network. In questo modo, è facile mettere a rischio gli utilizzatori della piattaforma.

Chi organizza questo genere di truffe conosce i trucchi giusti per far sembrare tutto più affidabile:

  • la targhettizzazione: quando si sponsorizza, è possibile scegliere con precisione il proprio pubblico. Di conseguenza, è facile leggere il post ed identificarsi con i soggetti ricercati perché fortunati vincitori. Nel nostro caso, bisogna essere dei papà nati a marzo;
  • l'utilizzo di nomi di aziende conosciute ed affidabili come Mediaworld, appunto;
  • utilizzo di commenti e recensione finti, costruite ad hoc per aumentare l'attendibilità della pubblicità. Leggere dei feedback, tutti positivi, non può che migliorare la percezione dell'utente, che tenderà a fidarsi più facilmente.

LEGGI ANCHE: come sopravvivere su Facebook, evitando malware e truffe online

Se a tutti questi accorgimenti viene affiancata la mancanza di controllo da parte di Facebook, la ricetta della truffa online perfetta è servita. Decisamente, sarebbe ora che il social iniziasse a reagire diversamente nei confronti di soggetti che sfruttano il social per mettere in atto tentativi di phishing o infettare il PC con malware di qualsiasi genere. 

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button