fbpx
NewsTech

YouCare, la t-shirt intelligente con il 5G di ZTE

La maglietta ha sensori biometrici che possono avvisare le centrali sanitarie in caso di malore

Il 5G entra anche nelle magliette: ZTE e il gruppo AccYouRate lanciano al MWC 2021 una t-shirt intelligente capace di monitorare la salute, YouCare. Un dispositivo indossabile smart capace di allertare anche in caso di malore le autorità sanitarie, sfruttando sensori nei tessuti e una centralina 5G.

La t-shirt intelligente di ZTE YouCare usa il 5G per tutelare la salute

ZTE e AccYouRate hanno voluto ridefinire il concetto di wearable al MWC 2021. Infatti YouCare non ha le parti metalliche che hanno smart watch, band, ring e qualsiasi altro accessorio tech. Il dispositivo è indossabile nel pieno senso della parola: i sensori per la salute sono intrecciati nel tessuto della maglietta.

Questi sensori tessili permettono di registrare con precisione tutti i dati che normalmente gli sportivi raccolgono con fasce toraciche o smart watch. L’elettrocardiogramma oltre ai battiti, l’analisi degli atti respiratori, lo sforzo muscolare attraverso l’ossigenazione del sangue. Ma anche altri parametri fondamentali ma più difficili da rilevare se non con le fasce più precise, come l’analisi delle componenti del sudore e la temperatura corporea.

E la precisione è tale da non avere applicazioni solo sportive ma anche mediche. Francesco Rocca, Presidente di Croce Rossa Italiana e Presidente di Ifrc, spiega che questa: “è un’ invenzione che cambierà la vita e la qualità dell’assistenza domiciliare e remota ai molti cittadini che attraversano problemi di salute e alle persone vulnerabili affette da malattie croniche, garantendo accessibilità ai servizi di assistenza e supporto del nostro network nazionale ed internazionale“.

Come funziona la maglietta intelligente

I parametri biometrici che analizza YouCare sono rilevati da sensori polimerici impercettibili. Sono parte del tessuto, non un qualche scheletro metallico della maglia. La sensazione è la stessa di quando si indossa una maglia in tessuto sintetico, come quelle che già si usano regolarmente per chi fa sport. Tutti i dati sono poi registrati in una centralina miniaturizzata, posta sopra la cuore.

youcare zte t-shirt smart-min

La centralina converte poi i dati in formato digitale e li invia sfruttando l’antenna 5G costruita da ZTE allo smartphone o allo smartwatch dell’utente. Questo permette di avere dati precisi e completi sulla propria salute. Ma le informazioni arrivano anche a una centralina dove sono analizzate da un software medico. Qualcosa di estremamente comodo per le analisi a distanza che bisogna effettuare per esempio con i pazienti affetti da disturbi cronici.

T-shirt intelligente YouCare di ZTE: una ricerca italiana

Hu Kun, Ceo di Zte Italia e Presidente di Zte Western Europe, ha spiegato che “Noi crediamo nel talento e nei talenti e intendiamo continuare a dare il nostro contributo allo sviluppo tecnologico a matrice Italiana e di valenza globale. Per questa ragione, a cominciare dal prossimo autunno, avvieremo su YouCare una azione di test all’interno del nostro Centro di Innovazione e Ricerca sul 5G situato a L’Aquila”.

Questo permetterà ai ricercatori italiani di essere in prima linea per trovare applicazioni immediate in ambito medico e in futuro anche sportivo e wellness. Ma la ricerca in questo campo non inizia oggi: la Croce Rossa Italiana lavora al progetto dal 2018 e il suo network potrebbe rivelarsi in futuro essenziale per utilizzare questo tipo di tecnologia per prevenire malori e problemi medici.

zte youcare t-shirt intelligente per la salute-min

Come spiega Umberto Sgambati, Amministratore Delegato del Gruppo Proger spa, responsabile della realizzazione del progetto, la t-shirt è stata “appena certificata anche come Medical Device, e che si è arricchita degli algoritmi predittivi di disturbi cardiovascolari di BSP-Medical società leader mondiale nel settore del Data Science Medicale”.

Il potenziale dei wearable in tessuto

Se questa t-shirt intelligente di ZTE avrà successo in campo medico è ancora presto per dirlo. Ma la presentazione di questo progetto al MWC 2021 ha un significato preciso. I primi passi saranno in campo medico e preventivo, anche per giustificare il prezzo alto dei dispositivi dovuto ai costi della ricerca. Ma un domani questo tipo di indumenti smart potrebbe entrare nel mercato consumer per restarci. Invece di scomode fasce e sensori rigidi, gli sportivi che prepareranno le prossime Olimpiadi potrebbero avere magliette e pantaloncini (o costumi per il nuovo e dispositivi di ogni tipo) che raccolgono dati biometrici.

Il passo successivo è quello di avere questo tipo di indumenti addosso anche per misurare lo stress mentre si lavora o le pulsazioni durante un appuntamento romantico. Le possibilità sono tantissime. E partono da questo annuncio al MWC 2021. I wearable in tessuto potrebbero diventare una realtà quotidiana. Anche se non dobbiamo aspettarci annunci commerciali nei prossimi mesi.

Source
Corriere Comunicazioni

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button