fbpx
NewsTech

Nuove etichette di Twitter contro la disinformazione

Jane Manchun Wong anticipa il lancio di nuove etichette contro la disinformazione

Dopo aver bannato Donald Trump, l’App di Twitter continua a combattere la disinformazione con nuove iniziative. Per cercare di contenere il più possibile la circolazione di notizie false e tendenziose, la piattaforma sta espandendo le etichette che ha lanciato durante la pandemia. A breve, infatti, saranno disponibili ben tre nuove etichette di avviso: “Aggiornati con le ultime notizie”, “Rimani informato” e “Fuorviante”. In tutte e tre i casi, i tweet conterranno anche un link “Scopri di più” per garantire agli utenti di avere ulteriori informazioni sull’argomento. Al momento la funzione è ancora in fase di sviluppo, ma Jane Manchun Wong ci ha fornito alcune anticipazioni utili sul suo futuro.

Twitter: App aggiunge tre nuove etichette contro la disinformazione

Dopo aver annunciato il lancio del servizio a pagamento Twitter Blue, ora Jane Manchun Wong ha anticipato il lancio di tre nuove etichette per combattere la disinformazione. E non solo. L’esperta ha anche dichiarato che i tweet segnalati dalle etichette contengono “Chirp“, il nuovo carattere dell’App di Twitter. Con l’intenzione di migliorare il branding, la piattaforma ha scelto di lavorare ad un nuovo carattere tipografico, che pare sia una combinazione tra i due stili gotico americano e grottesco europeo. La stessa società lo ha definito come un “equilibrio tra disordinato e nitido“.

In ogni caso, quello che conta è che l’applicazione sta rafforzando i suoi sforzi per combattere la disinformazione. Già durante le elezioni americane l’App di Twitter ha utilizzato il sistema delle etichette per limitare la circolazione di notizie false. Un’azione che alla fine l’ha portata a scontrarsi duramente con l’ex Presidente Donald Trump, il cui account è stato definitivamente bandito dalla piattaforma, suscitando così l’ira dei suoi sostenitori. Nonostante questo diverbio, la società non sembra affatto intenzionata a fermarsi.

Già lo scorso Gennaio la società ha annunciato Birdwatch, una funzionalità di crowdsourcing che ha fornito a un piccolo gruppo di utenti gli strumenti utili per verificare i fatti al fine di validare i tweet. In una prima fase, le indicazioni sono condivise su di un sito dedicato, ma Twitter ha promesso che a breve saranno integrate nella piattaforma. Insomme, le iniziative sono tante. A questo punto non ci resta altro che aspettare di vederle funzionare davvero.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button