fbpx
HardwareRecensioni TechTech

UaniaBox: unire due connessioni Internet è possibile

TOP AUTHOR

Qualche tempo fa abbiamo fatto una follia, una follia chiamata Starlink. Curiosi di provare la connessione satellitare di Elon Musk, abbiamo deciso di abbonarci, ordinare il kit e posizionare la parabola in aperta campagna per capire se poteva davvero rivoluzionare il nostro modo di collegarci ad Internet. E così è stato. Starlink garantisce una velocità media di 150 Mbps. Il problema però è la stabilità. Starlink infatti continua “regalarci” occasionali micro-interruzioni. Pochissimi secondi, con una frequenza variabile (parliamo di 2/3 sec ogni 3-5 ore), che ogni tanto ci impediscono di giocare online o di effettuare videochiamate in tutta tranquillità.
Abbiamo quindi deciso di mantenere entrambe le connessioni, quindi sia l’ADSL sia Starlink.
Ci siamo però chiesti se ci fosse un modo per unirle e sfruttarle contemporaneamente, magari aumentando ulteriormente la velocità di download. Ed è così che ci siamo imbattuti in UaniaBox.

UaniaBox vs Load Balancer

UaniaBox vs Load Balancer
Netzwerk Verkablung

UaniaBox nasce con l’obiettivo di unire due o più connessioni a Internet. Anzi, forse dovremmo dire che Uania nasce con questo obiettivo perché la soluzione proposta è composta da due elementi: UaniaBox, che è il dispositivo hardware che posizionate all’interno dell’abitazione, di un’azienda o di un ufficio, e UaniaCloud, che è il datacenter di Uania.

I più esperti tra voi penseranno subito ad un load balancer. I meno avvezzi invece si staranno chiedendo cosa diavolo è un load balancer, quindi facciamo un passo indietro e cerchiamo di capire bene come funziona la tecnologia di Uania.

Load balancing significa bilanciamento del carico ed è una tecnica informatica utilizzata proprio per questo, ossia distribuire il carico di lavoro con l’obiettivo di migliorare l’efficienza di un sistema.
Come si applica tutto questo al mondo delle reti? Se avete una sola connessione, tocca a lei occuparsi di tutto. Qualsiasi attività svolta infatti passa per quella linea e questo significa che, una volta satura, andrete incontro a problemi e rallentamenti.
Con due linee le cose si fanno interessanti. Potete infatti usare il famoso load balancer per distribuire i carichi. Ad esempio, potreste avere una linea per il download e una per le operazioni di upload. Tutto questo utilizzando una soluzione software oppure un dispositivo come un router con load balancer integrato.

Il load balancer però non esegue una somma delle vostre due connessioni. Per capirci: se avete due connessioni da 100 Mbps non scaricherete a 200 Mbps. Il tetto massimo di download rimarrà sempre 100 Mbps.
Quindi a cosa mi serve tutto questo? Come dicevamo poco sopra, questa tecnica serve principalmente a rendere più efficiente il sistema.

Noi però volevamo unire realmente due connessioni. Ed è qui che entra in gioco UaniaBox che promette esattamente ciò che il load balancer non può fare: la somma delle connessioni.

UaniaBox: come funziona?

UaniaBox recensione

Uania è un’azienda italiana nata nel 2019 con l’obiettivo di sopperire alla limitata disponibilità della banda larga in tutte quelle aree geografiche dove gli operatori tradizionali faticano ad arrivare. Come? Con una soluzione plug&play, ossia pensata per essere semplice da installare e ancora più semplice da gestire. L’intento qui è aiutare prima di tutto le piccole medie imprese italiane ma nulla vi vieta di utilizzare la soluzione di Uania anche a casa, soprattutto se è lì che lavorate.

Come anticipato, abbiamo due componenti: UaniaBox e UaniaCloud. UaniaCloud è il datacenter mentre UaniaBox è l’oggetto fisico che riceverete a casa.
Sappiate che attualmente ne esistono tre: UaniaBox, UaniaBox Office e UaniaBox Pro.
Cosa cambia? La velocità massima, il numero di porte Ethernet disponibili e l’alimentazione.
Di base però il funzionamento è uguale, con porte Ethernet per agganciare le vostre connessioni cablate e porte USB che vi consentono di collegare uno smartphone o altre soluzioni che sfruttano le reti 4G o 5G.

Se siete preoccupati per l’installazione, potete rilassarvi: tutto ciò che dovete fare è letteralmente collegare dei cavi. Tutto qui. Avete poi la possibilità di accedere ad una dashboard dedicata che consente di visualizzare alcune statistiche, modificare la rete o controllare lo stato del vostro UaniaBox ma niente di tutto questo è davvero necessario. In realtà potreste semplicemente connettere i vari cavi e poi dimenticarvi della sua esistenza. Lui lavorerà per voi in totale autonomia.

UaniaBox come funziona

Sì ma “lavorerà” come? Cosa fa esattamente UaniaBox per sommare le connessioni?
In sostanza la soluzione di Uania prevede un mediatore. O un facilitatore. Insomma, la connessione tra voi e il sito web che state cercando di raggiungere – ad esempio, techprincess.it – non sarà diretta ma nel mezzo ci sarà un server.
Questo server suddivide in pacchetti il traffico e li invia alla UaniaBox; quest’ultima li riassembla e li manda al vostro PC. Questo consente di usare entrambe le linee contemporaneamente, aumentando così la velocità effettiva di download.
E sì, funziona davvero. Ci siamo infatti ritrovati con una velocità di download che sommava quella dell’ADSL e quella di Starlink. Nel nostro caso il beneficio è stato minimo visto che l’ADSL aveva una media di 10 Mbps ma, con una seconda connessione più veloce, potreste davvero boostare la vostra produttività.

A chi è dedicata questa soluzione?

UaniaBox è dedicato in primis alle aziende, a coloro che si trovano in luoghi sperduti o mal serviti e hanno bisogno di aumentare la velocità della propria rete.

UaniaBox potrebbe inoltre tornarvi utile in caso di problemi legati alla rete fissa. Potreste infatti agganciare una connessione 4G o 5G così, in caso di danni o rallentamenti alla linea ADSL o alla fibra, la vostra aziende potrebbe continuare a rimanere online e ad operare.

Il prezzo di tutto questo? Dipende dalla soluzione che state cercando. Sul sito web di Uania trovate un configuratore che vi aiuta a trovare l’offerta più adatta alle vostre esigenze e, soprattutto, a quelle della vostra impresa.

Da non perdere questa settimana su Techprincess

🎮Il video del monaco buddista che gioca a Super Mario (e prega per ogni nemico ucciso)
 
💍A cosa serve un anello smart? | La prova di RingConn Smart Ring
 
💬noplace è l’applicazione più scaricata su App Store: scopriamo di cosa si tratta
 
Chi ha detto che il fotovoltaico deve essere complicato?
 
🎧 Ma lo sai che anche Fjona ha la sua newsletter?! Iscriviti a SuggeriPODCAST!
 
📺 Trovi Fjona anche su RAI Play con Touch - Impronta digitale!
 
💌 Risolviamo i tuoi problemi di cuore con B1NARY
 
🎧 Ascolta il nostro imperdibile podcast Le vie del Tech
 
💸E trovi un po' di offerte interessanti su Telegram!

Autore

  • Erika Gherardi

    Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button