fbpx
NewsTech

Il Bitcoin ora è estremamente volatile e migliaia di transazioni sono bloccate

Gli investitori, per paura, hanno venduto in massa causando un blocco delle transazioni

Il Bitcoin, forse la criptovaluta più famosa del momento, negli ultimi giorni ha subito un crollo di quasi 10.000 dollari e attualmente il suo valore sta attraversando un periodo di continua salita e discesa. Gli investitori, di conseguenza, sono andati nel panico e attualmente ci sono più di 160.000 transazioni in attesa.

Il valore del Bitcoin è più volatile del solito e ci sono più di 160.000 transazioni bloccate

Il prezzo del Bitcoin negli ultimi giorni è stato estremamente volatile, molto più del solito. Nonostante queste criptovalute, come anche l’Ether, siano famose per essere instabili, gli ultimi giorni sono stati caratterizzati da saliscendi piuttosto veloci. Si parla di differenze di circa mille dollari per Bitcoin in soli 20 minuti. Dando uno sguardo al grafico che riassume la settimana, poi, si nota ancora meglio come il valore sia più instabile del solito.

Valore Bitcoin Dollari

Come anticipato, anche Ether (ETH) sta soffrendo di questa instabilità, insieme a Dogecoin, che nell’ultima settimana hanno visto un saliscendi piuttosto importante. Entrambi, recentemente, hanno battuto il proprio record di valore, toccando vette inesplorate.

Il recente crollo del valore del Bitcoin, sceso di quasi 10.000 dollari, ha portato moltissimi investitori a vendere parte del proprio portafogli nella paura che i prezzi possano scendere ulteriormente. Questa svendita di massa ha portato un intasamento della rete, con più di 160.000 transazioni Bitcoin attualmente bloccate, in attesa di un esito positivo. È la prima volta nella storia che un numero così elevato di transazioni rimane in “pending”, ovvero in attesa. Con tutta questa competizione, ovviamente, c’è stato anche un aumento delle commissioni medie per transazione, che è salito a 52 dollari. Solo alla fine del 2017, durante l’ultimo periodo di crypto-mania, le commissioni erano state così costose.

Sembra che il problema di congestione delle transazioni sia stato ulteriormente aggravato dai blackout elettrici avvenuti in Cina, che ospita la maggior parte delle operazioni di mining di Bitcoin. Durante il fine settimana, la potenza di calcolo collettiva dei miners sulla rete Bitcoin è diminuita di quasi il 30%. Potete monitorare i cambi di valore qui.

Source
Tech Everyeye

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button