fbpx
NewsTech

Varta presenta le lampade dell’Ape Maia dedicate ai bambini

Varta ha presentato una nuova linea di lampade dedicata ai più piccoli, ispirandosi all'intramontabile serie d'animazione con protagonista l'Ape Maia (o Maya, se preferite). I prodotti in questione rispondono ai nomi di Ape Maya Wall Light e Night Light e illumineranno le camerette dei bambini donando un'atmosfera allegra e vivace.

L'Ape Maia illumina le camerette dei bambini

Partiamo dalla Ape Maya Wall Light, la nuova lampada da parete realizzata per vivacizzare l'arredamento e far addormentare i bambini in totale tranquillità, diffondendo una luce piacevole e rassicurante. Il fascio luminoso LED è pari a 4,5 lm e può raggiungere i 2 metri di distanza; potrà essere regolato tramite l'interruttore a scorrimento. La Wall Light si attiva facilmente con un pulsante touch e si spegnerà automaticamente dopo 30 o 60 minuti a seconda della modalità di luce scelta – forte o tenue.

L' Ape Maya Night Light è una piccola lampada modellata sul personaggio della tenera apina, che potrà essere posizionata sul comodino della camera da letto per creare l'atmosfera ideale per un sonno tranquillo. Realizzata in plastica infrangibile, la lampada si attiva con un semplice tocco del sensore presente sulla base, permettendo ai bambini di accenderla anche da soli. Anche in questo caso il fascio luminoso copre una distanza di 2 metri e potrà essere regolato attraverso l'interruttore situato sul fondo della base. Lo spegnimento automatico avverrà dopo 30 o 60 minuti in base alla modalità scelta.

Entrambe le lampade funzionano con tre batterie AA High Energy – già incluse nella confezione – e offriranno fino a 330 ore di autonomia.

Le nuove Ape Maya Wall Light e la Night Light di Varta sono già disponibili all'acquisto, ai rispettivi prezzi consigliati di 21€ e 20€.

Pasquale Fusco

A metà strada tra un nerd e un geek, appassionato di videogiochi, cinema, serie TV e hi-tech. Scrivo di questo e molto altro ancora, cercando di dare un senso alla mia laurea in Scienze della Comunicazione e alla mia collezione di Funko Pop.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button