fbpx
LifestyleNews

Dismorfia di Zoom, come le webcam alterano l’immagine che abbiamo di noi stessi

Sempre più persone soffrono di questo disturbo

Zoom Dysmorphia, la dismorfia di Zoom, è un disturbo di dismorfismo corporeo che sta colpendo moltissime persone che passano tante ore al giorno a fare videochiamate. Avendo la possibilità di guardarsi durante le chiamate, come se fossero costantemente davanti a uno specchio, tante persone stanno distorcendo la loro immagine di sé, e aumentano gli interventi chirurgici per modificare il proprio volto.

La dismorfia di Zoom, il disturbo che colpisce l’immagine che si ha di sé nelle videochiamate

Diciotto mesi di utilizzo di fotocamere frontali hanno distorto l’immagine che abbiamo di noi stessi e un nuovo studio rivela che gli effetti non scompaiono facilmente. Come riporta Wired UK, l’estate scorsa, quando le cliniche hanno iniziato a riaprire provvisoriamente, la dermatologa Shadi Kourosh ha notato una tendenza preoccupante. Un picco nelle richieste di appuntamenti per problemi relativi all’aspetto. “Sembrava che, in un momento come quello, altre questioni sarebbero state in primo piano, ma molte persone erano davvero preoccupate di apparire molto peggio del solito”, dice.

Kourosh, un’assistente professore di dermatologia presso la Harvard Medical School, ha presto scoperto che altri nel suo campo e in quelli correlati come la chirurgia plastica avevano notato un fenomeno simile. E quando lei e i suoi colleghi hanno chiesto ai pazienti cosa stava guidando la loro decisione di farsi curare, molti di loro hanno citato la videoconferenza. La pandemia li aveva catapultati in un mondo di videochiamate Zoom e riunioni di Teams, e fissare il proprio viso su uno schermo tutto il giorno ogni giorno stava provocando il caos con la loro immagine di sé.

Nell’era di Zoom, le persone hanno iniziato a preoccuparsi eccessivamente della pelle cascante intorno al collo e alle guance; le dimensioni e la forma del loro naso; il pallore della loro pelle. Volevano interventi cosmetici, che andavano da Botox e filler a lifting e rinoplastica. Kourosh e i colleghi hanno intervistato medici e chirurghi, esaminando se la videoconferenza durante la pandemia fosse un potenziale contributo al disturbo di dismorfismo corporeo. L’hanno chiamata Dismorfia di Zoom“.

videochiamate Zoom

Un disturbo che non andrà via facilmente

Con l’aumento delle vaccinazioni e il ritorno negli uffici, però, una nuova ricerca del gruppo di Kourosh ad Harvard ha rivelato che la dismorfia di Zoom non sta andando via. Un sondaggio su oltre 7.000 persone suggerisce che le cicatrici mentali rimarranno con noi per qualche tempo.

Anche prima del Covid, i chirurghi plastici e i dermatologi vedevano un aumento dei pazienti che si rivolgevano a loro con richieste “irrealistiche e innaturali”, afferma Kourosh. Il termine “snapchat dysmorphia” è stato coniato nel 2015 per descrivere il numero crescente di persone che volevano apparire come se fossero con un filtro applicato nella vita reale, con grandi occhi e pelle scintillante. Anche prima dell’avvento dei social media, gli psicologi hanno scoperto che le persone che si guardavano allo specchio diventavano più autocoscienti.

Ma la dismorfia di Zoom è diversa. A differenza di Snapchat, dove le persone sono consapevoli di vedere se stesse attraverso un filtro, le videoconferenze distorcono il nostro aspetto in modi che potremmo nemmeno immaginare. Le fotocamere frontali distorcono la propria immagine, come uno “specchio da luna park”, affermano. Fanno sembrare il naso più grande e gli occhi più piccoli. Questo effetto è esacerbato dalla vicinanza all’obiettivo, che è generalmente più vicino di quanto una persona potrebbe mai stare in una conversazione nella vita reale. La webcam che riprende il volto dall’alto, inoltre, è l’angolazione meno lusinghiera. Chiunque abbia dimestichezza con i selfie sa che la posizione migliore è con la fotocamera dall’alto.

“I cambiamenti nella percezione di sé dovuti alla costante videoconferenza possono portare a procedure cosmetiche non necessarie. Specialmente nei giovani adulti che hanno avuto una maggiore esposizione a piattaforme online tra cui videoconferenze, social media e filtri durante la pandemia.”, scrivono Kourosh, Channi Silence e altri colleghi.

La consapevolezza è la chiave per combattere la dismorfia di Zoom

Il gruppo di ricerca ha scoperto che il 71 per cento delle 7.000 persone intervistate era ansioso o stressato per il ritorno alle attività di persona. E che quasi il 64 per cento aveva cercato supporto per la salute mentale.

Tre su dieci hanno affermato di aver pianificato di investire nel proprio aspetto per affrontare il ritorno agli eventi di persona. In cima alla lista ci sono preoccupazioni per aumento di peso, scolorimento della pelle, rughe e acne. Tutte cose che potrebbero essere state esacerbate dalla quantità di tempo trascorso nelle videochiamate su Zoom. “Le persone che trascorrevano più tempo avevano una percezione di sé peggiorata del proprio aspetto”, dice Kourosh. Coloro che hanno trascorso più tempo a guardare nello “specchio tecnologico” hanno espresso più ansia. Tra i 18 ei 24 anni, inoltre, coloro che utilizzano i filtri hanno maggiori probabilità di accedere ai servizi per la salute mentale.

Il modo migliore per combattere la dismorfia di Zoom è attraverso la consapevolezza, sostiene Kourosh. Dice di aver ricevuto un numero enorme di commenti da parte di persone che pensavano di essere le sole a sentirsi come se ci fosse qualcosa di sbagliato nel loro aspetto durante la pandemia. Si tratta, dice, di “aiutare le persone a sapere che non sono sole”.

Offerta
Logitech C920 HD Pro Webcam, Videochiamata Full HD...
  • Videochiamate Full HD: La webcam Logitech C920 HD Pro trasmette video Full HD e 1080p a 30 ‎fotogrammi al secondo, sia...
  • Qualità Video Nitida: Collegala tramite Wi-Fi, consente anche a ‎professionisti di registrare contenuti ricchi,...
  • Obiettivo in Vetro Full-HD: E la messa a fuoco automatica assicurano ‎chiarezza e nitidezza; l'obiettivo in vetro a 5...
Source
Wired UK

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button