fbpx
NewsVideogiochi

Nel 2020 le vendite di videogame sono andate alle stelle

Il report annuale di IIDEA evidenzia una crescita del 21,9%, un giro d'affari da oltre 2 miliardi di euro

Il settore dei videogame segna una crescita storica: nel 2020 il giro d’affari in Italia è cresciuto del 21,9%, arrivando raggiungere l’astronomica cifra di 2 miliardi e 179 milioni di euro. Questi sono i risultati dell’indagine di IIDEA, l’Associazione che rappresenta l’industria dei videogiochi in Italia, che in un evento online ci ha raccontato i videogame nell’anno del Covid.

L’industria del videogame cresce in Italia

Il mercato dei videogiochi cresce in Italia come nel mondo da anni. Ma il 2020 ha registrato un’impennata sostanziale: i giocatori hanno trovato nelle comunità online e nel giocare insieme un compagno in questo anno complicato. Il risultato lo si vede soprattutto nelle vendite software, che trainano il settore con 1,7 miliardi di euro e una crescita del 24,8%. Soprattutto il segmento digitale cresce, arrivando da solo a 799 milioni.

Anche le vendite hardware hanno fatto bene, sebbene la scarsa disponibilità delle console next gen e la mancanza di offerte ha inciso. Ma grazie agli acquisti di chi è riuscito a trovare una PS5 o Xbox Series X/S e anche di chi ha comprato la gettonatissima Nintendo Switch la crescita è del 6,9% con 395 milioni di euro.

Marco Saletta, Presidente di IIDEA spiega: “Il 2020 è stato un anno estremamente positivo per il settore dei videogiochi, con un mercato che in Italia continua a crescere anno dopo anno e che negli ultimi dodici mesi ha fatto registrare numeri record. Questa crescita significativa non è solo frutto della pandemia che ci ha fatto passare più tempo tra le mura domestiche ma è una testimonianza del crescente interesse nei confronti dei videogiochi come forma di intrattenimento e di comunicazione. Il 2020 ha infatti segnato un punto di svolta anche nella percezione sociale e culturale del medium e ha portato con sé una più ampia comprensione da parte dell’opinione pubblica delle potenzialità del videogioco come strumento di socialità e apprendimento”.

I giochi più venduti (e tutti gli altri trend)

Nella classifica aggregata, il gioco più venduto dell’anno scorso è FIFA 21, con FIFA 20 sul terzo gradino del podio. In mezzo si attesta ancora una volta GTA V, che continua a vendere moltissimo anche anni dopo l’uscita. Fuori dal podio Animal Crossing: New Horizons e il pluripremiato The Last of Us Part II.

I dispositivi da gaming usati sono senza dubbio smartphone e tablet, usati da oltre 10,6 milioni di persone. 5,2 delle quali sono donne. I PC però sono ancora più gettonati (7,2 milioni) delle console (6,7 milioni).

Il numero di giocatori rimane invariato rispetto l’anno scorso: 16,7 milioni di persone, il 38% della popolazione fra i 6 e i 64 anni. In media, gli italiani dedicano 8 ore alla settimana, mezz’ora in più rispetto alla rivelazione precedente. Quindi la pandemia non ha avuto un effetto sostanziale nelle ore di gioco. Ma secondo il 50% degli intervistati giocare online ha aiutato a tenere i contatti con gli amici. Il 36% inoltre dichiara che giocare li fa sentire felici.

Un mercato in continua crescita, sempre più diverso e ricco di possibilità. Per ulteriori spunti di riflessioni, trovate maggiori informazioni sul sito di IIDEA.

OffertaBestseller No. 1
Logitech G432 Cuffie Gaming Cablate, Audio Surround 7.1,...
  • Connessione affidabile fino a 10 metri di distanza, praticamente senza ritardi e interruzioni, anche negli ambienti...
  • Il ricevitore Logitech è così piccolo che puoi inserirlo e dimenticarti che esiste; inoltre il mouse è dotato di vano...
  • Grazie alla durata delle batterie di 24 mesi per la tastiera e di 12 mesi per il mouse, oltre alla funzione di standby...

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button