fbpx
NewsTech

Virtual Security Guard: un addetto alla sicurezza molto particolare

In via di sviluppo una guardia direttamente dal mondo degli anime

Inutile negarlo, il Giappone è sempre in prima linea quando si tratta di soluzioni tecnologiche alquanto particolari. Ce lo conferma Virtual Security Guard, l’ultimo prodotto dell’azienda Secom, specializzata in sicurezza domestica e nei luoghi di lavoro.

Virtual Security Guard: altolà, si faccia scansionare!

Virtual Security Guard 2

Virtual Security Guard non è altro che uno specchio con display sul quale è proiettata la figura di una guardia di sicurezza in stile anime (sia uomo sia donna). Sviluppato in collaborazione con l’azienda di telecomunicazioni Docomo e con il publisher di giochi mobile DeNA, il dispositivo, come potete immaginare dal nome, principalmente ha funzioni di sorveglianza. È dotato di un software di riconoscimento facciale e della voce, capace di riconoscere se un individuo abbia l’autorizzazione a entrare nell’edificio o meno. Può anche analizzare gli oggetti che la persona ha a vista, individuando quelli sospetti o vietati. Reagisce, inoltre, a chiunque entri indossando un casco o qualsiasi altra cosa che copra il volto, chiedendogli di rimuoverlo per poterlo identificare. La telecamera è poi collegata a dei monitor e il sistema invia una notifica in caso sia necessario l’intervento fisico di una guardia umana.

Virtual Security Guard 1
Virtual Security Guard 3

    Virtual Security Guard si può inserire anche in altri contesti d’utilizzo, come ad esempio in una reception, vista la sua capacità di dare indicazioni e rispondere a semplici domande. Riconosce, tra l’altro, l’altezza del suo interlocutore e quindi direziona di conseguenza lo sguardo per guardarlo negli occhi, arrivando anche a inginocchiarsi per non spaventare i bambini più piccoli. Funzione ancora più interessante è la capacità di “intervenire” in caso di emergenza medica: vedendo qualcuno svenuto, ad esempio, chiama subito qualcuno per assisterlo.

    Lo sviluppo di Virtual Security Guard non è ancora terminato, ma Secom spera che possa entrare in servizio il prossimo anno.

    Fonte
    SoraNews24
    Tags

    Silvia Maddalena

    Appassionata di videogiochi, cinema e serie TV, passo il mio tempo tra Temeria, la Zona Contaminata, Rapture e tanti altri bei luoghi lontani armata di mouse e tastiera.
    Next Article
    Close

    Adblock Rilevato

    Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker