fbpx
MobileNewsTech

WhatsApp su più dispositivi sta per arrivare: l’ultima beta lo conferma

La possibilità di usare WhatsApp su più dispositivi sta arrivando. Dopo mesi di rumor e piccoli indizi è la beta dell’app a confermare lo sviluppo di questa funzionalità, che consentirebbe agli utenti di fare ciò che ormai da anni facciamo con Telegram: associare il proprio account a più device così da usarlo anche lontano dal telefono principale.

WhatsApp su più dispositivi: l’indizio nella beta

L’ultima beta di WhatsApp per Android, che corrisponde alla versione 2.21.9.5, include un piccolo indizio. Quando infatti provate a cancellare una chat dall’applicazione compare una schermata che vi informa che l’eliminazione riguarderà solo il dispositivo in uso, mentre la conversazione rimarrà attiva su tutti gli altri smartphone.

whatapp su più dispositivi indizio

Una piccola traccia che non svela però la data di lancio di questa attesissima funzionalità ma conferma il suo arrivo. Attenzione però: WhatsApp non si comporterà come Telegram. Questo significa che non potrete attivarlo su un numero illimitato di dispositivi ma massimo 4 device. Inoltre il terminale principale non dovrà essere collegato ad Internet per consentire agli altri di funzionare.

Stando al sito WAbetainfo questa novità non arriverà fin da subito su tutte le piattaforme. Il multi-device di WhatsApp dovrebbe riguardare inizialmente solo WhatsApp Web.

Naturalmente nulla di tutto questo è ancora ufficialmente confermato. Dovremo infatti attendere l’aggiornamento ufficiale per scoprire come verrà implementata l’accesso a WhatsApp su più dispositivi. Anche la funzione di cancellazione della chat potrebbe subire modifiche, magari offrendo all’utente la possibilità di scegliere se eliminare la conversazione solo un dispositivo oppure ovunque.

Voi come vi immaginate il multi-device di WhatsApp?

Source
WAbetainfo

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button