fbpx
MobileTech

Xiaomi, nasce la prima foresta della Mi Community

Xiaomi regala oltre 1000 alberi ai Mi Fan Italiani

Xiaomi scommette sul futuro sostenibile grazie all’aiuto della sua Mi Community.

Dopo la diffusione del Rapporto di Sostenibilità, col quale Xiaomi sottolinea il proprio impegno alla tutela del pianeta, il brand lancia tramite la piattaforma Treedom un trend per le persone della Mi Community, che permette a persone e aziente di piantare alberi a distanza e seguirne la crescita. Xiaomi Italia, per il lieto evento, ha scelto di regalare circa 1000 alberi, completi di profilo, fotografia, coordinate e aggiornamenti che manterranno informati i fan sui benefici ambientali che il proprio alberello sta apportando al pianeta.

L’iniziativa sembra avere lo scopo di sensibilizzare i fan sulla tutela ambientale. I Mi Fan Italiani che si aggiudicheranno gli oltre 1000 alberi porranno le basi per la rinascita di una foresta che, grazie al contributo di tutte le Community, potrà crescere e rendere il nostro pianeta un posto più verde.

“Con oltre 400.000 fan, la Mi Community di Xiaomi si è sempre distinta per il suo forte e spontaneo attaccamento al brand, mai visto prima sul mercato, ed è grazie soprattutto al supporto dei Mi Fan che Xiaomi ha raggiunto in Italia e in tutto il mondo il successo che noi tutti sappiamo” – ha dichiarato Davide Lunardelli, Head of Marketing di Xiaomi Italia. “Siamo convinti che anche in questo caso, il progetto troverà letteralmente terreno fertile tra tutti i nostri Fan che contribuiranno a rendere la foresta della Mi Community sempre più grande e ricca.”

La sostenibilità guida tutti i processi di Xiaomi, dall’impegno concreto di lanciare prodotti longevi sul mercato all’entrata nel mercato dei veicoli elettrici, fino al sostegno dato a regioni e paesi durante la pandemia. L’azienda prosegue quindi il suo viaggio con il supporto della Mi Community, con l’obbiettivo di realizzare ecosistemi sostebili, permettendo ai contadini in tutto il mondo di abbattere i costi di piantumazione dei nuovi alberi.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button