fbpx
NewsTech

Cosa resterà di Yahoo Answers?

Il prossimo 4 Maggio 2021 chiuderà Yahoo Answers, la piattaforma di domande e risposte più longeva del web

Yahoo Answers chiuderà i battenti il prossimo 4 Maggio 2021. Dopo oltre quindici anni di onorato servizio, la piattaforma di domande e risposte più longeva della Rete è destinata alla fine. Una notizia che di certo non farà felici i migliaia di utenti che dal 2005 utilizzano questo servizio. Ma le statistiche non hanno dato altra possibilità a Yahoo, che ha così deciso di attuare un piano di chiusura della piattaforma, che possa garantirvi di non perdere nessuno dei contenuti pubblicati. Vediamo di cosa si tratta.

Yahoo Answers, la piattaforma chiuderà il 4 Maggio

Siamo abbastanza sicuri che tutti, almeno una volta nella vita, abbiate usato Yahoo Answers. In fondo, non esiste altra piattaforma in Rete che sia in grado di rispondere alle nostre domande. Sfortunatamente, però, nei prossimi mesi non esisterà più neppure questo servizio di Yahoo, la cui chiusura comincerà già dal prossimo 20 Aprile. A partire da quata data, infatti, la piattaforma non accetterà più alcuna proposta da parte degli utenti. E questa è solo la prima fase della chiusura del servizio.

Yahoo Answers

Yahoo Answers chiuderà definitivamente il 4 Maggio, ma fino al 30 Giugno avrete la possibilità di scaricare un archivio di contenuti pubblicati su Yahoo Answers – ammesso che lo abbiate fatto -. Da quel momento in poi, però, non esisterà più la piattaforma e gli utenti saranno rimandati in automatico alla Home Page di Yahoo. Una fine dignitosa, diciamo così. D’altronde, la compagnia non ha avuto altra scelta, soprattutto considerando le statistiche di utilizzo del servizio fortemente in calo. Dal canto suo, Google ha senza dubbio contribuito a dirottare gli utenti su altri servizi, e il risultato non è stato certo dei più felici per la piattaforma.

Sebbene un tempo Yahoo Answers fosse una parte fondamentale dei prodotti e dei servizi di Yahoo, nel corso degli anni è diventato meno popolare man mano che le esigenze dei nostri membri sono cambiate. A tal fine, abbiamo deciso di spostare le nostre risorse da Yahoo Answers per concentrarci su prodotti che meglio servono i nostri membri e mantengono la promessa di Yahoo di fornire contenuti di alta qualità“. Con questo messaggio la società saluta così uno dei servizi più longevi della Rete.

Perchè Yahoo chiude il servizio Answers?

A chi date la colpa per la chiusura di Yahoo Answers?“: così si legge in una delle ultime domande pubblicate sulla piattaforma dopo l’annuncio della sua sospensione definitiva. Una domanda che ha ricevuto, in pochissimo tempo, più di 250 risposte. A quanto pare, gli utenti incolpano un po’ tutti per la fine del gigante della Rete: i liberali, i conservatori e persino Verizon, la società madre dei portali di Yahoo.

[Probabilmente] non produce profitti… nvece di spendere i soldi necessari per moderare, hanno deciso di chiudere l’intera faccenda“, così risponde Bill, un utente che ha scritto ben 11182 risposte durante tutta la sua presenza sulla piattaforma. Ma, in realtà, non è chiaro a nessuno perchè Answers sarà chiuso. Soprattutto considerando che la compagnia non interromperà nessuno degli altri servizi: Yahoo Finance, Yahoo Sports e Yahoo Mail continueranno a funzionare come se niente fosse. Ma il servizio di domande e risposte è diventato “meno popolare nel corso degli anni“, e questo sembra bastare per decretarne la fine.

Ma c’è anche da dire un’altra cosa. Al pari di moltissime altre piattaforme in Rete – social media, in primis – anche Yahoo Answers si è trasformata in un luogo virtuale in cui il dibattito politico si fa sempre più acceso. Ma sappiamo bene che il servizio è nato con tutt’altra intenzione, ossia quella di fornire agli utenti un luogo dove poter ricevere risposte ai quesiti più semplici della vita quotidiana e non. Domande del tipo “Come ci si sente ad avere 50 anni?“, e commenti del tipo “Ho 17 anni, non riesco nemmeno a immaginare come ci si sente a essere stati sul pianeta Terra per così tanto tempo“. Questo è Yahoo Answers, e così vogliamo ricordarlo nonostante tutto.

Il meglio di Yahoo Answers: ecco cosa ricorderemo

A poche settimane dalla chiusura del servizio di domande e risposte più noto della Rete, cerchiamo di ripercorrerne la storia attraverso alcuni dei contenuti più divertenti e imbarazzanti di sempre. Diciamoci la verità, gli Americani riescono a superarci anche in questo. Alcune domande come “Il mio laptop diventa più pesante se carico più file?” o “Come si formano i bambini?” sono rimaste nella storia della piattaforma americana. Ma anche la versione italiana di Answers ci ha regalato qualche contenuto davvero notevole.

Yahoo Answers

Chi era martinlutero?” è sicuramente una delle domande che rimarrà alla storia. Così pure come quella dello studente Leonardo, che chiede diligentemente un riassunto della Seconda Guerra Mondiale. La risposta? Una serie di parole onomatopeiche che danno l’idea di spari, caos e chissà cos’altro. Ma siamo anche sicuri che qualcuno abbia volontariamente utilizzato la piattaforma per porre domande prive di senso.

Stefano BS, ad esempio, ha chiesto “Come faccio a diventare un Velociraptor?“. E la risposta non poteva essere da meno. “Devi fare 3 capriole all’indietro mentre tieni in mano un gelato al pistacchio (non nella coppetta, altrimenti non funziona). Se ci riesci, guarda il film di Jurassic Park, tutto“. Ma Yahoo Answers non è solo la piattaforma in cui si sono concentrata centinaia di domande ironiche e divertenti. Qualcuno ha anche chiesto cosa significa la modalità “uso in aereo” sull’iPhone, oppure si sono interrogati sulla fine stessa del servizio. E la risposta degli utenti è stata sincera e reale.

Io credo che la maggior parte della gente non si renda conto della perdita irreversibile determinata da questo. Si tratta di un enorme archivio di domande e risposte, e quindi anche di suggerimenti per svolgere gli esercizi. Un oceano di esperienze, stratificato negli anni. Davvero occorrerebbe che qualcuno lo comprasse e lo salvasse”. Ed è così che vogliamo salutare Answers, il servizio di domande e risposte che ci ha fatto ridere, ma anche riflettere.

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button