fbpx
NewsTech

YouTube Shorts, l’azienda pagherà i creatori fino a 10.000 dollari al mese

Una mossa per spingere i video brevi di YouTube

YouTube pagherà i creatori fino a 10.000 dollari al mese per realizzare gli YouTube Shorts, i video brevi popolari che vanno a competere con TikTok. La società prevede di pagare 100 milioni di dollari per tutto il prossimo anno, con i primi pagamenti in arrivo già questo mese.

YouTube pagherà i creatori dei migliori Shorts, i cortometraggi simili a quelli di TikTok

Il fondo potrebbe significare moltissimi soldi per i creatori, ma i pagamenti non sono garantiti. La popolarità necessaria per guadagnare dipenderà dal numero di persone che realizzano e guardano gli YouTube Shorts ogni mese e i pagamenti dipenderanno anche da dove si trova il pubblico di ciascun creatore.

YouTube richiede anche che questi siano video originali. I ricaricamenti e i video contrassegnati con filigrane da altre piattaforme, ovvero TikTok, Snapchat o Reels, squalificano un canale per i pagamenti. I pagamenti sono disponibili solo in 10 regioni per ora, inclusi Stati Uniti, Regno Unito, India e Brasile e YouTube afferma che prevede di espandere tale elenco “in futuro”.

YouTube Shorts
Photo Credits: YouTube.

I creator vengono tradizionalmente pagati su YouTube in base agli annunci visualizzati sui loro video, con una relazione diretta tra il numero di visualizzazioni degli annunci e la quantità di denaro che ricevono. Ma con Shorts, YouTube non vuole pubblicare un annuncio prima di ogni clip, quindi sta costruendo questa forma di pagamento alternativa per premiare i creatori.

Lo Shorts Fund sarà infine sostituito con un “programma di monetizzazione scalabile a lungo termine”, ha dichiarato Neal Mohan, chief product officer di YouTube, nell’episodio di ieri di Decoder di The Verge. Il fondo è “un modo per andare avanti e iniziare davvero a capire” come dovrebbe funzionare la monetizzazione per i creatori che realizzano questi video. “Sostanzialmente stai consumando un feed di Shorts, e quindi il modello deve funzionare in modo diverso”, ha detto Mohan.

Schemi di pagamento come questo sono diventati sempre più comuni. TikTok e Snapchat pagano entrambi ai creatori in base alla popolarità dei loro video, piuttosto che in base agli annunci. Il risultato è potenzialmente redditizio per i creatori, anche se c’è meno trasparenza su quanto i creatori possono guadagnare in un determinato mese.

Source
The Verge

Sara Grigolin

Amo le serie tv, i libri, la musica e sono malata di tecnologia. Soprattutto se è dotata di led RGB.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button