fbpx
FeaturedRecensioniVideogiochi

5 indie da non farsi scappare | Ottobre 2018

Progetti educativi e novità italiane: ecco l'autunno caldo degli indie!

I progetti in essere nel panorama indie si stanno dimostrando sempre più vicini e aderenti ai cambiamenti che il mondo videoludico sta vivendo: cooperazione con l’ambito scolastico, titoli dalla narrazione sempre più complessa e stimolante per una riflessione sul mondo in cui viviamo e sull’importanza delle scelte che prendiamo ogni volta. Tra titoli italiani e progetti provenienti dai più disparati angoli del mondo, ecco la nostra selezione di nuove proposte di lavori indipendenti per questo mese!

1. Close to the Sun

Uno scienziato visionario entra a far parte di un videogioco attraverso le sue invenzioni, addentrandoci in un mondo dove queste creazioni hanno davvero avuto impatto e influenza sulla vita delle persone. Parliamo di Nicola Tesla e di come un complesso navale da lui ideato siano al centro delle vicende di Close to the Sun, il nuovo titolo in via di sviluppo del team Storm in a Teacup, previsto per i primi mesi del 2019. In questo horror nato dalla mente dello studio indie italianissimo, vestiamo i panni di una giornalista, Sarah, che giunge in questo complesso e subito comprende che qualcosa è andato storto.

Siamo alla ricerca di nostra sorella, in un’atmosfera piuttosto oscura alla fine del diciannovesimo secolo e dovremo affrontare un viaggio nella paura e nel mistero, dove parecchi nemici inseguono la ragazza su questa nave. Qui troveremo dei documenti sparsi, frammenti che raccontano in modo approfondito molti aspetti di questa realtà parallela alla nostra, oltre a essere parte integrante di tutta la narrazione. L’unico supporto dalla nostra parte sarà la ricetrasmittente a nostra disposizione, un dispositivo che potremo usare solo per ricevere messaggi, sottolineando in maniera concreta lo stato di solitudine reale in cui ci troveremo.

Impostato sulla falsa riga di Bioshock, Close to the Sun è chiaramente ispirato a uno stile artistico che riesce sempre a distinguere i lavori del team, questa volta ispiratosi all’art deco, art nouveau e chiaramente a gusti steampunk. Proponendo uno stile parecchio drammatico e noir, si tratta di un titolo dove tutto sta nel passare inosservati, in un ambiente davvero ansiogeno dove l’atmosfera generale sostiene alla perfezione questa impalcatura. Già presentato all’edizione 2017 e 2018 di Gamescom, il titolo è stato realizzato con Unreal Engine 4, oltre che essere previsto su PlayStation 4, Xbox One e PC.

1 2 3 4 5Pagina successiva
Tags

Francesca Sirtori

Indielover, scrivo da anni della passione di una vita. A dispetto di tutti. Non fatevi ingannare dal faccino.
Next Article
Close

Adblock Rilevato

Considera di supportarci disabilitando il tuo adblocker