fbpx
Tech

Algor Maps: l’app che permette di creare mappe concettuali automatiche

Ecco il progetto vincitore della call for ideas di Nazaré Lifelong

Algor Maps ha vinto. L’applicazione web – sviluppata da un team di giovani studenti del Politecnico di Torino – che permette all’utente di creare mappe concettuali in modo automatico, grazie ad algoritmi di intelligenza artificiale, per aiutare nello studio gli studenti con disturbi specifici dell’apprendimento, è stata proclamata come progetto vincitore della call for ideas di Nazaré Lifelong Learning.

Un percorso di accelerazione promosso da Onde Alte (https://www.ondealte.com/) – società benefit e BCorp impegnata in progetti di innovazione sociale – e progettato per supportare gratuitamente idee e iniziative che
possano migliorare le esperienze di apprendimento.

Il progetto selezionato è stato quello del team Algor (https://algoritalia.it/), una giovane startup che sviluppa algoritmi di Intelligenza Artificiale che abbiano implicazioni dirette sulla vita delle persone e che possano essere utili ad aumentare la produttività, ridurre le difficoltà e automatizzare tutte le attività che richiedono tanto tempo.

Algor Maps: la fruibilità

In particolare, il team ha sviluppato un’applicazione web accessibile da qualsiasi browser e da qualsiasi dispositivo (pc, smartphone o tablet) che, grazie all’algoritmo sviluppato dal team, permette all’utente di creare mappe concettuali in modo automatico, a partire da un semplice testo. L’idea è quella di destinare l’applicazione a studenti con DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento), in quanto permette loro di sintetizzare le informazioni più importanti, facilitando in questo modo lo studio e l’apprendimento. L’obiettivo per il futuro è realizzare una piattaforma completa, con ulteriori funzionalità dedicate allo studio, indirizzata in primis a studenti con DSA, ma utile a chiunque.

Con Algor Maps è possibile creare una mappa concettuale da zero, oppure ottenerla in automatico: basta incollare il testo nell’apposito box e attendere che l’algoritmo lo sintetizzi, restituendo una mappa concettuale che può essere successivamente modificata e salvata sulla piattaforma.

Le mappe concettuali create con Algor Maps, possono essere riviste ed integrate:
non solo si possono modificare font e colori delle celle, ma anche inserirne di nuove, aggiungere immagini da qualsiasi dispositivo (PC, MacBook, Tablet, Ipad) e cambiare la disposizione di lettura (in orizzontale, verticale o circolare), in base alle proprie preferenze.
I file una volta salvati si possono inviare ai docenti o ad altri studenti, grazie alle funzioni di condivisione. Infine, dalla piattaforma è possibile vedere dei video selezionati sull’argomento che si sta studiando e leggere la mappa con l’aiuto di un sintetizzatore vocale di altissima qualità.

Il futuro dell’applicazione

A partire da settembre, Algor avrà accesso a un percorso di accelerazione, che inizierà con un bootcamp di 4 giorni e 3 mesi di affiancamento con un lead mentor dedicato. Inoltre, riceverà un investimento seed di € 20.000,00, senza la richiesta di fee o equity in cambio.

“Con Nazaré Lifelong Learning, vogliamo dare il nostro contributo concreto per rendere più inclusiva, accessibile e innovativa la formazione. Abbiamo ricevuto diversi progetti di grande interesse, e questo ci conferma che c’è sensibilità rispetto al tema dell’education e crediamo che sia necessario supportare e investire in quelle realtà innovative che non solo rendano più inclusiva la formazione ma che abbiano anche un concreto potenziale di crescita e un
impatto sociale positivo sull’intera comunità”
afferma Massimiliano Ventimiglia, CEO e fondatore di Onde Alte.

“È davvero importante sapere che in Italia ci sia qualcuno che condivide il nostro stesso obiettivo. Ci dà la forza di continuare a lavorare duramente per migliorare la didattica e rendere l’esperienza formativa davvero inclusiva. Questo premio e il percorso di accelerazione con il team di Onde Alte rappresentano un’opportunità unica per migliorare la
nostra applicazione e renderla disponibile a tutti gli studenti Italiani”
commenta il team di
Algor.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button