fbpx
apple logo

18enne chiede 1 miliardo di dollari ad Apple dopo essere stato scambiato per un ladro


Un ragazzo di 18 anni, chiamato Ousmane Bah, ha fatto causa ad Apple per 1 miliardo di dollari in seguito ad uno scambio di identità con un ladro. Il ragazzo è stato infatti erroneamente identificato come il responsabile di alcuni furti presso diversi Apple Store. La causa dell’errore sembrerebbe essere il sistema di riconoscimento facciale implementato nei negozi, smentito poi dalle registrazioni di sorveglianza e dagli investigatori.

1 miliardo da Apple per essere stato scambiato per un ladro

Tutto è iniziato con l’arresto del ragazzo da parte della polizia di New York, in seguito alle accuse aperte da New York, Boston New Jersey su indicazione di Apple. Bah ha da subito negato di essere la persona nella foto accompagnante il mandato di arresto. La sua posizione è stata poi supportata dai filmati di videosorveglianza e dalla testimonianza di un detective, che ha riconosciuto la discrepanza.

Il fraintendimento sarebbe nato da una incorretta classificazione del sospettato da parte di Apple. L’azienda, infatti, attraverso la compagnia Security Industry Specialists, analizzerebbe i filmati di sorveglianza con un algoritmo di riconoscimento facciale. In questo caso, il mandato di arresto sarebbe partito da un video dove una persona rubava delle Apple Pencil da un Apple Store in Boston.

Ousmane Bah causa Apple 1 miliardo ladro
A sinistra, Ousmane Bah; a destra, il ladro ripreso dalle telecamere

In seguito alla vicenda, Bah ha fatto causa ad Apple per un miliardo di dollari. L’arresto, avvenuto in casa sua alle quattro del mattino, avrebbe impedito al ragazzo di partecipare agli esami di metà trimestre, abbassandogli la media e causandogli una “sofferenza emotiva”, oltre che infamandolo e calunniandolo di un crimine che non ha compiuto.

Apple non ha ancora commentato pubblicamente la causa, ma ne sapremo sicuramente di più nelle prossime settimane. Voi cosa ne pensate? Un miliardo di dollari è forse eccessivo o può servire da esempio perché Apple si impegni a risolvere questo problema?

[amazon_link asins=’B01MCW7EOW,B075R9CHSD,B07K2PK3BV’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’7509092a-68ca-406a-b699-abdd119cb9fb’]

Giovanni Natalini

author-publish-post-icon
Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link