fbpx
NewsVideogiochi

BMW SIM Media Challenge: come si organizza un torneo eSportivo

Quest'estate il nostro team eSport ha organizzato e gestito il BMW SIM Media Challenge, un torneo monomarca basato su Assetto Corsa Competizione

BMW SIM Media Challenge. È questo il nome del campionato eSport monomarca che ha intrattenuto 9 diverse redazioni da luglio a settembre, portandole a spasso – ma solo virtualmente – per i circuiti automobilistici più famoso del mondo.

Ma come si realizza un torneo di questo tipo? Cosa serve? Quante persone ci hanno lavorato? Proviamo a spiegarvelo.

BMW SIM Media Challenge: che cos’è?

Prima di dirvi cosa è stato necessario fare per dare vita a questo campionato partiamo dalla base: che cos’è il BMW SIM Media Challenge?
Si tratta, come accennavamo poco sopra, di un torneo monomarca basato sulla versione PC di Assetto Corsa Competizione, sponsorizzato da BMW Italia e riservato a 9 redazioni di testate giornalistiche italiane specializzate in automobilismo o in tecnologia digitale.

Il SMC si è articolato su 4 tappe, trasmesse in live streaming sul canale Twitch ufficiale:

  • Monza (3/7)
  • Silverstone (17/7)
  • Misano (11/9)
  • Nürburgring (25/9)

Ogni gara si concludeva con l’assegnazione di punti alla redazione e con l’aggiornamento della classifica globale che veniva pubblicata su un sito web visibile solo ai partecipanti.

A correre però non era l’intera redazione ma un pilota che poteva essere modificato ad ogni tappa. Ma non è tutto. Per dare ulteriore pepe alla competizione il torneo ha previsto due squadre, gestite da BMW e fuori classica, che hanno portato sui circuiti virtuali di Assetto Corsa diversi ospiti, inclusi piloti tradizionali e di fama internazionale.

Le attività svolte e lo staff coinvolto

SIM Media Challenge foto 1Il nostro team dedicato agli eSport ha seguito tutte le fasi del torneo, da quelle preparatorie a quelle operative. Nel dettaglio abbiamo:

  • Definito il regolamento
  • Creato e gestito il sito web dedicato all’evento
  • Distribuito l’hardware e le licenze ai piloti, nel caso specifico volanti e copie di Assetto Corsa Competizione per PC
  • Gestito l’anagrafica, nel totale rispetto delle normative GDPR
  • Offerto supporto tecnico ai piloti, in italiano e in inglese
  • Preparato e gestito il server di gioco
  • Creato le livree delle automobili
  • Comunicato con i team leader delle squadre e con il caster che ha commentato le quattro gare
  • Comunicato con i piloti durante le gare
  • Seguito la regia e lo streaming su Twitch
  • Pubblicato i risultati
  • Realizzato i video post-evento

Naturalmente tutto questo ha richiesto non solo tempo ma anche risorse umane. Il gruppo di lavoro è stato composto quindi dal seguente staff:

  • Responsabile di torneo
  • Coordinatore operativo / Project manager
  • Responsabile HR e rapporti con le redazioni
  • Addetto alla logistica
  • Responsabile tecnico per il server e sito web
  • Tecnico di assistenza per i piloti (reperibile)
  • Operatore di regia twitch
  • Aiuto-operatore alla regia
  • Direttore di gara
  • 4 tester in pista

E l’hardware? 

A supportare le attività un hardware di prim’ordine composto di base da 3 computer differenti: due tower ed un portatile.

A fare da server è stato un HP OMEN 880, mentre la regia è stata affidata al PC custom di redazione (qui trovate tutti i componenti). Il terzo PC è stato un portatile, un ASUS ROG Strix G15 Electro Punk che è stato fornito al direttore di gara (qui la nostra recensione).

A questo ovviamente si affiancano le periferiche Razer e due monitor, un LG Ultrawide e un Samsung Odyssey G7.

Com’è andata a finire?

Il BMW SIM Media Challenge si è concluso il 25 settembre 2020 e ha visto trionfare la squadra della Gazzetta dello Sport.

Com’è andata? Il torneo è riuscito a soddisfare tutti, dai piloti allo sponsor, passando ovviamente per il nostro team eSport che ha saputo gestire ogni fase dell’evento.

Curiosi di vedere il risultato? Nessun problema. Potete rivedere ogni aspetto della gara sul canale Twitch di BMW Italia.

Erika Gherardi

Amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice nell'anima. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button