fbpx
AttualitàCulturaLifestyleNewsSpettacoli

TikTok, tutti pazzi per Bongo Cha Cha Cha (sessantadue anni dopo)

Il brano di Caterina Valente del 1959 ha superato gli 1,5 miliardi di visualizzazioni su TikTok

Prendi un brano simpatico e orecchiabile del 1959, che aveva già avuto una seconda giovinezza grazie a un recente film. Fallo girare su una piattaforma social, e magari fallo arrivare all’orecchio di uno o più vip, che – improvvisamente folgorati dal suo ritmo – lo adoperano come colonna sonora per improvvisarci su un balletto.

Ecco così che il brano passa di mano in mano, viene canticchiato e fischiettato, entra anche nella testa di chi magari non possiede nemmeno uno smartphone.

Voilà: il tormentone dell’estate 2021 è bell’e pronto. Stiamo parlando di Bongo Cha Cha Cha, uno dei primi cha cha cha (appunto) sbarcati in Europa dal Sudamerica. Era il 1959 e a portarlo al successo era stata l’allora ventottenne Caterina Valente.

Ebbene, questa innocua canzoncina dall’atmosfera festosa è riuscita a superare su TikTok qualcosa come 1,5 miliardi di visualizzazioni.

Perché? Com’è successo, com’è iniziato il clamoroso boom di un brano di sessantadue anni fa? Scopriamolo insieme.

Caterina Valente

Bongo Cha Cha Cha: era il 1959

Gli anni della guerra erano un ricordo sempre più lontano, l’Italia era nel pieno del boom economico e cinque anni prima la Rai aveva iniziato a trasmettere (anche se solo nel 1957 tutto il Paese sarebbe stato coperto dal segnale televisivo). Insomma: c’era una gran voglia di divertirsi.

Gli spettacoli erano leggeri, affidati spesso a giovani artisti poliedrici dal volto affabile. Come Caterina Valente, classe 1931, cantante, musicista, attrice e showgirl.

A lei viene fatto interpretare un cha cha cha scritto da Ralf Arnie, Ernst Bader, Werner Muller e Giuseppe Perotti, dal titolo Bongo Cha Cha Cha. Brano leggerissimo e orecchiabile, porta i ritmi del Sudamerica alle nostre latitudini. Anche il testo tratta quei luoghi come esotici e privi di fascinoso mistero. I primi versi dicono: Bongo la, bongo cha cha cha/Parlami del Sud America/Quello che dicono laggiù/Forse è fantasia e nulla più.

Nel video, acceso dal Technicolor, la Valente e i musicisti cantano e danzano assieme a una serie di altri personaggi, e nella seconda parte lasciano spazio a una coppia di ballerini che mostra al pubblico italiano i movimenti di questa nuova e curiosa danza che fa sorridere fin dal nome, il cha cha cha.

Il successo

La canzone, nuova e semplice all’ascolto, ha fatto subito presa sul pubblico, specie perché inserita nell’album Personalità, la cui hit omonima – anche lei – ha avuto un lungo successo. Grazie anche a diverse interpretazioni di grandi artisti, Mina su tutti.

La seconda vita di Bongo Cha Cha Cha

Dimenticata o quasi per decenni, Bongo Cha Cha Cha è tornato una prima volta (e a dire il vero in punta di piedi) come colonna sonora di Elle s’en va, film del 2013 di Emmanuelle Bercot con Catherine Deneuve.

Ma la vera rinascita di Bongo Cha Cha Cha è cominciata col suo inserimento nella pellicola Spider-Man: Far from Home, diretta nel 2019 da Jon Watts. La scena del film in cui il brano appare è godibile: Peter Parker è all’aeroporto e teme che gli addetti ai controlli scoprano nella sua valigia il costume da Uomo ragno.

Passano due anni, e nell’estate del 2021 il brano viene remixato dai Goodboys, dj e produttori inglesi che hanno collezionato diversi dischi di platino. Si tratta di un trio composto da Joshua Grimmett, Ethan Shore e Johannes Shore, che ha tra l’altro collaborato con gli italiani Meduza, icone della musica elettronica internazionale, al singolo Lose control.

Per Bongo Cha Cha Cha è un successo clamoroso. Prima negli Stati Uniti e in Germania, e rapidamente nel resto dell’Europa. Pochi giorni fa è stata superata la vertiginosa cifra del miliardo e mezzo di visualizzazioni sul social TikTok.

In Italia, la canzone è entrata nella top 30 delle radio e ha raggiunto il primo posto della classifica Viral Spotify Italia.

Bongo Cha Cha Cha
Vector illustration of a couple dancing on green

La spinta dei vip

L’hasthag #bongochachacha impazza grazie anche al fatto che diversi personaggi pubblici se ne sono per così dire appropriati, per improvvisare sketch e balletti. Come la grande nuotatrice italiana Federica Pellegrini, che danza sotto la doccia l’ultimo giorno delle Olimpiadi di Tokyo. O come le influencer le influencer Giulia De Lellis e Emily Pallini.

Personaggi più e meno famosi

L’amplificazione del fenomeno Bongo Cha Cha Cha è dovuta al fatto che i social come TikTok sono, in un certo senso, pienamente democratici. Perché se Federica Pellegrini può ballare sulle note del brano della Valente, lo può fare anche un perfetto sconosciuto in sovrappeso e privo del minimo senso del ritmo.

La tentazione di riprodurre le stesse gesta dei personaggi famosi è troppo forte, ed ecco quindi che le piattaforme pullulano di danze caraibiche più o meno involontariamente ridicole, eseguite da persone più o meno sconosciute, tutte con un immancabile, ottimistico e terribilmente estivo sorriso sulle labbra.

Intanto, da qualche parte nel mondo, la novantenne Caterina Valente se la starà ridendo anche lei.

Claudio Bagnasco

Claudio Bagnasco è nato a Genova nel 1975 e dal 2013 vive a Tortolì. Ha scritto e pubblicato diversi libri, è co-fondatore e co-curatore del blog letterario Squadernauti. Prepara e corre maratone con grande passione e incrollabile lentezza. Ha raccolto parte delle sue scritture nel sito personale claudiobagnasco.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button