fbpx
Borsa

Borsa, ecco quali sono i titoli hi-tech su cui poter investire


Investire in borsa non è mai facile. Quali azioni comprare? Quali vendere? E perché non provare ad investire nell’hi-tech?

borsa

In questo articolo proveremo ad elencare quali sono i titoli hi-tech migliori su cui investire. Tuttavia, raccomando di prendete questo articolo semplicemente a titolo informativo, in quanto non ho la bacchetta magica per dire con certezza “sì, investendo con questo titolo farai un sacco di soldi”.

La borsa è imprevedibile, un brivido, un rischio che gli investitori si assumono quotidianamente. Insomma, non stiamo parlando di un gioco, alla fine è sempre tutto a rischio e pericolo di chi decide di buttarsi in un mondo così complicato ed incerto.

Fatta questa doverosa premessa, cominciamo!

I 10 titoli di borsa hi-tech del momento

 

Adobe System

La software house che ha rivoluzionato il nostro modo di editare fotografie e montare video è il primo titolo che voglio citare. Con una chiusura in positivo, è un investimento da poter prendere seriamente in considerazione.

Alibaba

La multinazionale cinese privata, nonché uno dei colossi dello shopping al dettaglio online, è uno dei titoli più forti sul mercato, nonché in rapida crescita.

Amazon

Il suo fondatore, Jeff Bezoz, è uno degli uomini più ricchi del mondo e la sua Amazon è uno dei titoli del momento! Con un tend sostanzialmente sempre in positivo, è un titolo piuttosto sicuro su cui poter investire.

Apple

L’azienda di Copertino è una delle regine incontrastate del mercato. Molto forte anche in borsa, quello della Apple è uno dei titoli su cui si potrebbe investire con una certa sicurezza.

Google

Il re dei motori di ricerca è un altro titolo su cui poter fare un pensierino. Con un anno sostanzialmente positivo, la società di Mountain View si piazza tra le favorite per un investimento in borsa.

iRobot

Ammettiamolo: grazie ai suoi robot domestici, l’iRobot ci ha semplificato di molto le pulizie di casa e chissà in futuro cosa ci proporrà con l’avanzare dell’intelligenza artificiale! Considerate le sue chiusure positive, perché non pensare di tenerla a mente come possibile titolo su cui investire?

Microsoft

L’azienda fondata da Bill Gates è, forse, un’altra delle favorite in borsa. Con un anno in positivo, la Microsoft è al pari della Apple uno dei titoli su cui poter puntare senza grandi sorprese.

Samsung

La coreana Samsung è un altro importante leader hi-tech a livello mondiale. Con chiusure abbastanza stabili e in positivo, potrebbe essere un altro titolo capace di dare delle soddisfazioni in termini di investimenti.

Spotify Tech

Giovane debuttante, è da pochissimo che Spotify ha deciso di lanciarsi in borsa con il suo titolo, Spotify Tech. E bisogna ammettere che, per essere ancora young, sta dando risultati davvero soddisfacenti ai suoi investitori!

Verint System

Per chi non lo sapesse, la Verint System è un’azienda che si occupa d’intelligenza artificiale e che, nell’ultimo periodo, si è lanciata abbastanza bene nel cyber security. Le soddisfazioni, tuttavia, non arrivano solo dal mondo degli affari ma anche dalla borsa, con chiusure in positivo e un titolo degno di fiducia.

Conclusioni

Borsa

Con la Verint chiudiamo questa classifica. A costo di sembrare ripetitiva, mi preme ribadire che investire in borsa non è un gioco. Ci sono regole ben precise da seguire, strategie da studiare a tavolino, oltre ad avere una conoscenza basica del campo.

È come un pendolo, che oscilla costantemente. I titoli elencati oggi potrebbero andare bene, domani meno bene e il giorno dopo avere una salita vertiginosa. Quindi siate sempre responsabili e ponderate di volta in volta, con saggezza, tutti i passi da fare.


Maria Stella Rossi

Mangiatrice seriale di biscotti e ghiotta di pizza, adoro scrivere da sempre, ancor prima di imparare a tenere per bene una penna fra le dita. Sono una grande appassionata di libri, telefilm, film, videogiochi e cucina, mentre il mio sogno nel cassetto è quello di riuscire a catturare ed addomesticare una Furia Buia. Ma anche continuare a scrivere non è poi così male come desiderio.