fbpx
detective gallo

Detective Gallo: la recensione del punta e clicca inspirato a Topolino

Il 30 maggio una nuova intrigante avventura firmata da un team italiano è approdata su Steam. Si tratta di Detective Gallo, un punta e clicca noir umoristico con un pennuto investigatore come protagonista, caratterizzato da un inconfondibile stile Disney. In questa recensione vi spiegherò cosa mi ha colpito del gioco. Un trama semplice…in apparenza L’avventura […]


Il 30 maggio una nuova intrigante avventura firmata da un team italiano è approdata su Steam. Si tratta di Detective Gallo, un punta e clicca noir umoristico con un pennuto investigatore come protagonista, caratterizzato da un inconfondibile stile Disney. In questa recensione vi spiegherò cosa mi ha colpito del gioco.

Un trama semplice…in apparenza

L'avventura all'interno del punta e clicca Detective Gallo ha inizio mediante una breve cutscene, incentrata sul passato del protagonista. Dal filmato capiamo velocemente – e con leggerezza ed ironia – come quest'ultimo abbia cercato di affrontare la recente perdita di un collega nel modo peggiore possibile, ovvero con l'alcool.

Terminato il video abbiamo finalmente la possibilità di entrare davvero nel vivo dell'azione. L'avventura vera e propria inizia infatti dal piccolo ufficio del nostro amico pennuto, situato nella cupa Zona dei Coltelli. In mezzo al leggero disordine e alle ragnatele il protagonista riceve infatti un cliente che, spaventato, denuncia un omicidio avvenuto nella sua villa. 

Una volta raggiunto il luogo del reato, il detective si ritroverà di fronte ad una serie di vittime molto particolari: cinque piante esotiche. Il facoltoso proprietario di casa, appassionato di giardinaggio, chiederà dunque al pennuto protagonista di individuare il malvivente autore del verde omicidio, così da poterlo consegnare alla giustizia.

L'indagine, in apparenza semplice, andrà in realtà ad assumere una serie di intricati risvolti, che la renderanno il caso più difficile dell'intera carriera del detective. A complicare ulteriormente la questione è il passato del protagonista, sommata alla presenza di alcuni personaggi, tra cui una pollastra venditrice di dolciumi che perseguita il nostro investigatore con il suo amore non ricambiato.

Uno stile da moderna Paperopoli

Detective Gallo

Il vero cuore di Detective Gallo risiede nello stile grafico. Quest'ultimo infatti, basato sul software Adventure Game Studio (AGS), fin dalla prima schermata appare come la realizzazione su schermo dei fumetti Disney, come le storie di Topolino o Paperino.

A darne la conferma, oltre all'aspetto stesso del protagonista, sono anche i personaggi che si ha occasione di incontrare nel corso dell'avventura. Ognuno di loro, dal multimiliardario proprietario delle piante uccise al perfido gestore del negozio, riporta infatti alla mente uno degli abitanti di Paperopoli, la famosa città dei Paperi dei fumetti.

Caratterizzato da contorni ben evidenti, uno stile grafico simile permette al giocatore di ambientarsi immediatamente negli scenari di gioco, che appaiono così caldo e confortanti.

Quest'ultimo è anche un grande aiuto per orientarsi: nel gioco manca infatti una mappa ma, tra grafica immediata, cartelli per individuare le zone e poche ambientazioni disponibili, un dettaglio simile finisce velocemente per passare nell'ombra.

Detective Gallo è un punta e clicca old stile

Detective Gallo

A rendere i punta e clicca adatti ad ogni stile di gioco è il gameplay, capace di affondare le sue radici in poche e semplici meccaniche. Protagonista di ogni scena dell'avventura è il mouse che, una volta individuati nell'ambiente gli oggetti o le persone interessanti, permetterà di compiere le due sole azioni possibili. Detective Gallo potrà infatti limitarsi ad osservare questi ultimi per analizzarli ed esprimere un giudizio, oppure interagire.

In alcune occasioni il cartoonesco ambiente di gioco non permetterà di individuare agevolmente ciò con cui è possibile interagire. Gli oggetti d'interesse, infatti, tendono spesso a non discostarsi dal "semplice sfondo", e rischiano di non essere analizzati! Ad aiutare in questi casi è la "Vista del Gallo" che, attivabile sfruttando la barra spaziatrice, indicherà con una lente di ingrandimento ogni parte interattiva presente nella scena di gioco.

Una volta rilasciato il tasto, inoltre, questi segnali scompariranno immediatamente, così da permettere il ritorno ad uno scenario privo di HUD. Perfino menù ed inventario non andranno a turbare il giocatore perché, posti in una banda nera nascosta nella parte superiore dello schermo, compariranno soltanto nel caso in cui puntatore del mouse dovesse spostarsi in quella zona.

L'ironia è alla base

Detective Gallo

Lo stile di Detective Gallo riporta immediatamente a quello di The Wardrobe, altro punta e clicca italiano risalente allo scorso anno. Entrambi riescono infatti a far divertire il giocatore non soltanto con uno stile grafico accattivante ed una storia intrigante, ma anche con tanta ironia.

Quest'ultima è evidente soprattutto nei commenti che il pennuto protagonista si lascerà sfuggire analizzando i dettagli presenti nell'ambiente, o nel caso in cui il giocatore dovesse sperimentare delle combinazioni di oggetti improbabili. Il detective darà però il meglio di sé nei dialoghi, soprattutto quelli al telefono con il suo informatore, o con il suo aiutante principale.

Non illudetevi: al fianco del Detective Gallo non c'è un altro personaggio studiato per aiutarlo. Il protagonista lavora infatti sempre da solo, ma può contare sul suo fedele cactus Spina, che porta sempre in tasca e a cui si rivolge spesso per confidare i suoi pensieri e commenti.

Un'avventura leggera

detective gallo

Le caratteristiche di Detective Gallo, così come le sue meccaniche semplici, riescono a renderlo un gioco immediato da comprendere. Un dettaglio simile è fondamentale, soprattutto vista la mancanza di un tutorial vero e proprio, sostituito da una semplice illustrazione con i comandi base presente nel diario del protagonista (consultabile dall'inventario).

Gli spostamenti sono semplici e abbastanza veloci, caratterizzati da una buona fluidità, così come i dialoghi, che anche nei momenti più "seri" riescono a strappare una risata al giocatore.

Una dovuta menzione va anche agli enigmi, spesso risolvibili semplicemente mediante l'uso di oggetti particolari o una combinazione di questi ultimi. Il livello di difficoltà rimane sempre costante, senza sbalzi che rischiano di bloccare il gameplay in punti precisi della storia.

Tirando le somme, Detective Gallo è un'avventura accattivante e divertente, che riesce a svilupparsi nelle sue 3-4 ore di longevità sempre con assoluta leggerezza, senza mai appesantire il piacevole ambiente creato dalla grafica stile Disney.

Il gioco, uscito il 30 maggio, è attualmente disponibile su Steam al prezzo di 14,99 euro.

Detective Gallo
Detective Gallo
Developer: Footprints Games
Price: 14,99 €

Maria Elena Sirio

Videogiocatrice dall'infanzia, innamorata del fantasy e dell'avventura (ma, soprattutto, di Nathan Drake), con una passione per il disegno, il cinema e le serie tv, che tenta di conciliare tutti questi interessi con la facoltà di Biotecnologie.