fbpx
NewsVideogiochi

E3 2020 a rischio, indovinate un po’, per via del Coronavirus

Los Angeles ha appena dichiarato lo stato di emergenza per via del Coronavirus, è di conseguenza a rischio lo svolgimento dell’attesa E3 che si dovrebbe svolgere dal 9 all’11 giugno 2020.

E3 2020 a rischio annullamento

A due giorni di distanza da un annuncio ufficiale della Entertainment Software Association (ESA), in cui si confermava il regolaresvolgimento della fiera, la città di Los Angeles ha dichiarato lo stato di emergenza a causa della diffusione del coronavirus. L’E3 dovrebbe infatti svolgersi proprio nella città degli angeli dal 9 all’11 giugno 2020, tuttavia adesso iniziano a venir meno le certezze.

ESA ha successivamente dichiarato: “La salute e la sicurezza dei nostri partecipanti, espositori, partner e personale è la nostra massima priorità. Stiamo monitorando e valutando quotidianamente la situazione. Il nostro team E3 e i nostri partner continuano a monitorare COVID-19 attraverso i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Stiamo valutando attivamente le informazioni più recenti e continueremo a sviluppare misure per ridurre ulteriormente i rischi per la salute allo spettacolo”

Al momento della pubblicazione, l’E3 2020 è ancora confermato, ma lo show è certamente in pericolo, soprattutto in previsione di un peggioramento dell’epidemia di coronavirus, che finora nessun’altra nazione è riuscita a placare.

Molti altri eventi sono già stati cancellati per via del continuo aumento di contagi da coronavirus (ad esempio il Mobile World Congress di Barcellona ed il Salone di Ginevra), sarebbe dunque ragionevole credere che l’ESA annulli anche questo show. Tuttavia, l’E3 rappresenta la metà dei guadagni dell’organizzazione, e questo fattore giocherà senza dubbio un ruolo importante nel processo decisionale.

Livio Marino

Sangue siciliano, milanese d'adozione, mi piace essere immerso in tutto ciò che è tech. Passo le giornate dando ordini ad Alexa, Google ed al mio cane, Maverick.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button