fbpx
NewsSoftwareTech

Flowe Junior, la prepagata che insegna ai ragazzi il valore del denaro

La carta pensato per i ragazzi dai 7 ai 14 anni permette di dare la paghetta e dare una educazione finanziaria

I nonni non hanno più bisogni di aprire il borsellino delle monete per dare la mancia ai nipoti. Flowe lancia Flowe Junior, la carta prepagata per i ragazzi dai 7 ai 14 anni che con la sua app davvero smart permette di gestire l’educazione finanziaria dei giovanissimi. Un modo per lasciare il giusto spazio d’indipendenza ai ragazzi, senza rinunciare alla supervisione degli adulti.

La carta prepagata Flowe Junior, pensata per l’educazione finanziaria dei ragazzi

All’evento di presentazione della nuova prepagata, Flowe ha voluto iniziare dai dati. Ha infatti chiesto a Cosimo Finzi, AD di AstraRicerche, di restituire una fotografia del rapporto dei ragazzi con la tecnologia e con la gestione del denaro. Chiedendo sia ai genitori di ragazzi fra i 7 e i 18 anni che direttamente agli adolescenti fra i 14 e i 18.

Quanto emerge ha due linee guida principali. Da un lato, i ragazzi usano molto la tecnologia: l’86% utilizzano uno smartphone (il 99% fra i 16 e i 18 anni). E se la comunicazione e i social sono fra gli strumenti più usati, addirittura il 38,5% utilizza la tecnologia per gli acquisti. Di questi, un terzo compra online senza la supervisione di un adulto. Chiedendo direttamente ai ragazzi fra i 14 e i 18, il 43,9% fa acquisti online “spesso”, mentre il 43,4% “raramente”. Ma la stragrande maggioranza li fa.

carta-prepagata flowe junior-min (1)

D’altra parte, solo il 34,3% ha un’ottima valutazione della propria competenza finanziaria. Il 92% dei genitori pensa sia importante educare al denaro i figli, ma molti non sanno come farlo. Le strategie sono diverse, anche se la maggior parte dei genitori utilizza un mix di consigli di risparmio, premi economici. Il 25% dà una paghetta, il 41% da un mix di mance e acquisti su richiesta. Ma una grande difficoltà sta nel parlare di denaro ai figli.

Il mezzo della carta prepagata è conosciuto dal 68,7% dei genitori, il 35% dei ragazzi fra i 14 e i 18 anni ne possiede una. E stando ai dati, il 52,3% dei genitori non controlla l’utilizzo che i ragazzi ne fanno. Loro, dicono di utilizzarla soprattutto per gli acquisti online (73,8%) ma c’è una grande propensione al risparmio per acquisti futuri (47,7%).

Educazione finanziaria

Un vecchio adagio diceva che “a tavola non si parla mai di politica, di sesso e di denaro”. Eppure c’è bisogno di educare i propri figli alla cittadinanza, all’affettività e alla gestione finanziaria. La psicoterapeuta Stefania Andreoli spiega che uno dei compiti dei genitori è sradicare questi tabù, insegnando il valore del denaro in maniera appropriata.

Che fino ai 9-10 può consistere in un gioco condiviso, in cui si insegna il costo delle cose puntando sulla simulazione. Ma che già dalle medie può diventare un’occasione per concedere delle libertà monitorate da parte dei genitori. Per esempio con una paghetta. Che però deve essere contrattualizzata: decidendo con i figli l’entità, la scadenza (meglio settimanale per i più piccoli, mensile dalle superiori) e gli acquisti che esulano. In questo modo i ragazzi hanno un’autonomia controllate, senza passare dalla possibile “umiliazione” di chiedere ogni piccola cosa. Inoltre possono imparare a risparmiare per un obiettivo, a confrontarsi con i limiti e con le eventuali “sanzioni”. La psicoterapeuta consiglia anche di slegarsi dal tema della ricompensa per i bei voti o per l’aver aiutato in casa: il diritto allo studio e il dover di collaborare è meglio non monetizzarli.

flowe junior app per prepagata minori-min

Ma se la teoria affascina, la pratica può diventare complicata. Per questo motivo nasce Flowe Junior, una carta prepagata che rende più semplice gestire l’educazione finanziaria dei figli. In maniera davvero semplice e smart.

Come funziona Flowe Junior

Il CEO di Flowe Ivan Mazzoleni e il presidente Oscar de Montigny hanno quindi spiegato l’intento di Flowe con questi prodotti finanziari. L’azienda ha deciso di presentarsi come società Benefit per essere rendicontata non solo sui guadagni, ma anche sui valori che propone. E quello dell‘educazione finanziaria, che può dare alle generazioni di domani gli strumenti materiali per costruire un mondo più equo e sostenibile (già da oggi), si incarna perfettamente negli strumenti di Flowe Junior.

L’app della prepagata dei figli comunica in maniera diretta con quella dei genitori. Che possono così esercitare un controllo importante e dovuto sugli acquisti dei figli. Per esempio diventa possibile escludere alcune categorie merceologiche (di default non si possono comprare alcool e tabacchi), in modo che i figli rispettino i limiti imposti in casa. I genitori inoltre ricevono notifiche direttamente dalla propria app, in modo sapere dei movimenti dei figli.

Potete anche settare una paghetta con scadenza fissa, in modo da essere precisi sul “contratto” che stipulate coi ragazzi. Ma dall’altro lato si possono anche fare trasferimenti e ricariche in tempo reale: per esempio per la mancia per il compleanno dei nonni.

paghetta flowe junior-min

Inoltre, l’algoritmo di intelligenza artificiale offre un chatbot chiamato WAI, che risponde a tutte le domande finanziarie che possono avere i vostri figli (o anche voi). Se qualche domanda risulta troppo complessa per l’AI, risponderà invece una persona esperta di Flowe.

Come vedete, Flowe fa molto di più che da semplice carta prepagata. È un tool di formazione finanziaria che può dare un ambiente protetto ai ragazzi per imparare a gestire le proprie risorse economiche. Potete scoprire di più e aprire una carta a questo indirizzo.

OffertaBestseller No. 1
Apple iPhone 12 (128GB) - Azzurro
  • Display Super Retina XDR da 6,1"
  • Ceramic Shield, più duro di qualsiasi vetro per smartphone
  • 5G per download velocissimi e streaming ad alta qualità

Stefano Regazzi

Il battere sulla tastiera è la mia musica preferita. Nel senso che adoro scrivere, non perché ho una playlist su Spotify intitolata "Rumori da laptop": amo la tecnologia, ma non fino a quel punto! Lettore accanito, nerd da prima che andasse di moda.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button