fbpx
AttualitàCulturaNewsTech

Google affronta una nuova causa antitrust sul Play Store

Di cosa è accusato, ora, il gigante della ricerca?

Alcuni procuratori generali hanno lanciato una nuova causa antitrust contro Google, accusando il gigante della ricerca di abusare del suo controllo del Play Store. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

La causa antitrust contro Google

google play store malware 5,8 milioni di dispositivi-min

La causa è stata presentata da 36 stati e Washington nella corte federale della California. Secondo quanto rivelato, la causa sfida la politica di Google che costringe gli sviluppatori di app del Google Play a pagare una commissione del 30% sulle vendite effettuate attraverso l’app.

Google ha recentemente ampliato le tasse per coprire più beni digitali acquistati sul Play Store. Così facendo ha però preso di mira alcune importanti applicazioni che, precedentemente, erano state in grado di evitare le tasse.

“È strano che un gruppo di procuratori generali dello stato abbia scelto di presentare una causa attaccando un sistema che fornisce più apertura e scelta di altri”, ha scritto Google in un post sul blog in risposta alla causa. “Questa denuncia imita la causa altrettanto meritoria presentata da Epic Games, che ha beneficiato dell’apertura di Android distribuendo la sua app Fortnite al di fuori di Google Play”.

In agosto Epic Games ha citato in giudizio Google per motivi simili. Lo sviluppatore di Fortnite sosteneva che le pratiche della società avessero aumentato i prezzi per i consumatori online. Tuttavia questa causa venne completamente oscurata dalla causa parallela di Epic contro Apple.

Questa non è l’unica causa antitrust che Google deve affrontare. Al momento il gigante tecnologico si trova ad affrontare quattro cause federali. Tra di esse troviamo un caso in corso del Dipartimento di Giustizia che accusa l’azienda di pratiche monopolistiche nella pubblicità di ricerca.

A causa della recente e crescente pressione su Apple, alcuni aspetti della struttura tariffaria del Play Store sono stati messi in discussione.

Di recente legislatori e regolatori hanno ripetutamente messo in discussione le capacità di Apple e Google di rendere i loro app store i predefiniti sui dispositivi mobili. Oltretutto Google si è unita ad Apple nell’abbassare la sua tassa al 15% per i piccoli sviluppatori.

La risposta di Google

Google non ha tardato a dare la sua risposta in merito alla questione. Nella sua dichiarazione, Google sostiene che non solo è in concorrenza con altri OEM Android ma anche con Apple e il suo App Store. L’azienda sostiene che Apple è il suo principale concorrente in termini di entrate dell’App Store.

“Siamo in concorrenza sia per gli sviluppatori che per i consumatori e se non stiamo fornendo loro la migliore esperienza su Google Play, hanno altre alternative tra cui scegliere”, aggiunge Google.

Google crede anche che il Play Store “aumenti la concorrenza”, menzionando specificamente che non è l’unico modo in cui gli utenti possono installare applicazioni su Android. Menziona infatti la capacità di sideload apps su Android, la presenza di altri app store incorporati e altro.

Prima del lancio di Android 12, l’azienda ha annunciato i piani per introdurre funzionalità simili al Play Store per i negozi di terze parti sul sistema operativo. Nonostante si tratti di una mossa che beneficia sia i consumatori che gli sviluppatori, la causa dipinge questa particolare decisione sotto una nuova luce.

Infine, Google sostiene che il Play Store beneficia economicamente sia i consumatori che gli sviluppatori. Sostiene che la maggior parte degli sviluppatori non paga alcuna tassa di servizio. Per quelli che lo fanno, invece, le tasse rappresentano meno del 3%.

L’azienda cita anche la sua recente diminuzione del 15% delle spese di servizio per il primo milione di dollari guadagnato dagli sviluppatori. Tuttavia, l’azienda prende ancora un taglio del 30% oltre questa cifra e prevede di imporre a tutte le app elencate sul Play Store di utilizzare il suo servizio di fatturazione.

Questo costringerebbe artisti del calibro di Netflix, Epic Games e Match Group, proprietario di Tinder, ad aderire al sistema di fatturazione di Google e alle cifre delle commissioni a partire da settembre.

Per concludere, Google sostiene che questa causa intentata dagli stati danneggerà i piccoli sviluppatori e i consumatori che mirano a proteggere. Di seguito vi riportiamo il commento.

Questa causa rischia di aumentare i costi per i piccoli sviluppatori, mettendo un freno alla loro capacità di innovare e competere. Si rischia, inoltre, di rendere le applicazioni in tutto l’ecosistema Android meno sicure per i consumatori.

Source
The VergeAndroid Authority

Veronica Ronnie Lorenzini

Videogiochi, serie tv ad ogni ora del giorno, film e una tazza di thé caldo: ripetere, se necessario.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button