fbpx

Huawei Band 4 Pro recensione: manca ancora qualcosa


Huawei Band 4 Pro nasce come aggiornamento del modello 4, ma migliora sensibilmente in aspetto estetico e prestazioni. L’ho provata per una decina di giorni e sono pronto a darvi le mie impressioni in questa recensione

Caratteristiche tecniche e confezione

Partiamo da una breve carrellata delle sue caratteristiche tecniche:

  • Schermo touchscreen da 0,95 pollici (21.6mm x 10.8mm per area AA)
  • Tipo di schermo: AMOLED
  • Risoluzione: 240 x 120 pixel
  • Sistema operativo: Android 4.4 o successivo, iOS 9.0 o successivo
  • Sensori: sensore di accelerazione a 6 assi, sensore di frequenza cardiaca ottico
  • Livello resistente all’acqua: 5ATM
  • Bluetooth:  4.2
  • Tipo di batteria: ioni di litio
  • Capacità della batteria: 100 mAh
  • Controllo: touchscreen + tasto Home
  • Autonomia: 5/7/12 giorni (attivando o disattivando TrueSleep e rilevamento costante battito cardiaco)
  • Tempo di ricarica: circa 100 min

La confezione contiene, oltre alla Huawei Band 4 Pro, un cavo da USB-A a USB-2.0 ed un connettore in plastica a molla. Il connettore risulta leggermente scomodo nell’inserimento, si ha quasi il timore di romperlo quando si forza il movimento; tuttavia permette la ricarica senza la rimozione del cinturino, ed una volta agganciato rimane più saldo di quelli magnetici.

Huawei Band 4 Pro recensione: hardware e display

Il cinturino è in un silicone resistente, di ottima fattura, disponibile nei colori nero e rosso (ufficialmente in Italia, a breve arriverà la variante rosa). Il corpo centrale è invece in plastica, fatta eccezione per il bordo che racchiude il display, che è in metallo spazzolato. Nella parte che andrà a contatto con i nostri polsi troviamo il sensore che misura il nostro battito cardiaco ed i pin per la ricarica.

Il display, touchscreen, è uno dei vanti di questa fitness band: ben definito e visibile anche sotto la luce diretta del sole, ha una luminosità non adattiva ma impostabile, e si attiva al tocco o al movimento del polso. Sceglieremo noi le fasce orarie in cui fissare una luminosità più bassa, magari la sera. Quando invece siamo a letto, la band riconosce la fase di sonno e impedisce che il display si illumini con movimenti involontari, accecandoci improvvisamente e magari svegliandoci.

Un altro vanto di questa band è la presenza del GPS: sarà un ottimo compagno delle vostre attività fisiche, mantenendo traccia dei vostri percorsi e spostamenti con alta precisione.

Huawei Band 4 Pro recensione: l’applicazione

Per poter collegare la Huawei Band 4 Pro al vostro smartphone, avrete bisogno della suite di app Huawei Mobile Services ed Health. Sarà proprio tramite Health che potrete aggiungere il vostro device e sincronizzarlo. Tuttavia l’app non è esclusiva di questo modello, ma è un’applicazione cumulativa di tutti i wearable Huawei ed Honor.

Tramite l’applicazione potrete monitorare i record dei vostri esercizi ed attività fisiche: Corsa outdoor / indoor, Ciclismo outdoor/indoor, Camminata outdoor/indoor, Allenamento libero, Macchina ellittica, Vogatore e persino Nuoto in piscina o in acque aperte.

Sempre in health ritroverete dei grafici sulla vostra frequenza cardiaca media, e relativi ai vostri cicli del sonno.

Nella sezione di personalizzazione della band, invece, potrete modificare le sue impostazioni, dai quadranti, all’attivazione di notifiche, sveglie, promemoria e menu.

 

INSTALLARE HUAWEI HEALTH
Avete provato ad installare Huawei Health sul vostro smartphone android ma venite respinti poiché mancano i Huawei Mobile Services? È successo anche a noi! Niente panico. Al momento, la versione di HMS presente sul Play Store non è aggiornata. Vi sarà sufficiente cercare l’apk più recente sulle librerie online – come ApkPure – per risolvere il problema.

Huawei Band 4 Pro recensione: il software 

Il software interno alla band, attualmente non presente in italiano, è invece gestibile tramite touchscreen, ma è forse la nota dolente del device. Si tratta di un mini sistema operativo abbastanza chiuso, più di visualizzazione. Scorrendo verso l’alto o il basso ci alterneremo tra le varie voci del menu, come la misurazione del battito cardiaco, non proprio immediata. Non potremo attivare l’assistente vocale, e nemmeno rispondere alle notifiche.

Queste ultime appariranno tutte graficamente uguali, senza nemmeno l’icona distintiva dell’applicazione di provenienza. Non avremo il colpo d’occhio che ci fa decidere se leggerle o posticiparle, per capire di che si tratta dovremo necessariamente concentrarci e perdere qualche secondo in più.

Comoda invece la vibrazione, anche in caso di chiamate in entrata o sveglia, mai fastidiosa e utile in caso di disattenzione.

Huawei Band 4 Pro riconosce automaticamente se abbiamo intrapreso un’attività fisica. Quando frequenza cardiaca e calorie bruciate aumentano e rimangono costanti, in automatico verrà tutto registrato.

È affidabile? GPS e True Sleep

La presenza del GPS è una garanzia nella precisione dei dati raccolti durante le nostre sessioni di allenamento, anche senza il nostro telefono a fare da tramite. Mal che vada, saranno una decina i passi sovrastimati. La stessa affidabilità non si può invece trovare nel monitoraggio del sonno.

Huawei True Sleep tiene monitorata la frequenza del battito cardiaco durante il sonno, per riconoscere le quattro fasi e analizzare la qualità del riposo. L’obiettivo è quello di individuare 6 tipi di problematiche del sonno e fornire consigli su base scientifica per un riposo migliore. Tuttavia, grazie al confronto effettuato con altri smartwatch/band indossati in contemporanea, mi sono accorto che a fatica riconosce le fasi di veglia. Se durante la veglia non vengono effettuati movimenti abbastanza importanti, la band continuerà a registrare quei momenti come “sonno leggero”.

Offerta
HUAWEI Band 4 Pro Smart Band Fitness Tracker, Touchscreen...
  • HUAWEI Band 4 Pro ha un display touch AMOLED da 0.95”, che rende questo smart band facilmente leggibile anche sotto...
  • Con Il Monitoraggio Preciso Del Battito Cardiaco Di Huawei Truseen 3.5, Sei In Grado Di Conoscere In Tempo Reale Il...
  • Dormi con HUAWEI Band 4 Pro al polso, traccia il tuo sonno tutta la notte in modo scientifico, e migliora la qualità...

Autonomia

Il device ha un’autonomia variabile, a seconda delle funzionalità attive. Con True Sleep disattivo, e il rilevamento della frequenza cardiaca ad intervalli non troppo vicini, riusciamo anche a raggiungere i 5/6 giorni (contando anche un paio di allenamenti con GPS). Attivando True Sleep passiamo a 3/4 giorni, con allenamenti prolungati e ripetuti invece l’autonomia scende drasticamente (il GPS è davvero energivoro) .

HUAWEI Band 4 Pro - Braccialetto fitness con cinturino rosa...
  • per i "runners" con GPS integrato
  • Controlla il tuo riposo. HUAWEI TruSeen
  • 5 ATM, nuoto con riconoscimento delle modalità.

Huawei Band 4 Pro recensione: acquistarlo oppure no?

Huawei Band 4 Pro ha tutti i vantaggi di una smartband (soprattutto per gli sportivi): è pratica, leggera, a volte nemmeno vi renderete conto di averla al polso. Il GPS affidabile è una garanzia per chi ama tener traccia dei propri percorsi durante gli allenamenti, e per chi vuole precisione nelle misurazioni.

Tuttavia la parte “smart” rimane un po’ acerba e fa storcere il naso, soprattutto per le notifiche. E la misurazione del sonno imperfetta mi ha lasciato un po’ perplesso. Per considerare un eventuale acquisto non ci resta che conoscere il prezzo: per portaci a casa Huawei Band 4 Pro servono 79€.  Huawei forse poteva limare qualcosina, essento questa band una “concorrente in casa” della Honor Band 5 (da noi provata poco tempo fa) con cui condivide quasi tutto, ad eccezione del prezzo, di gran lunga inferiore per la sorella più giovane. 

Pro Pros Icon
  • GPS affidabile
  • materiali e fattura
  • schermo
Contro Cons Icon
  • prezzo
  • monitoraggio sonno
  • notifiche-software acerbo


Condividi la tua reazione

Confusione Confusione
5
Confusione
Felicità Felicità
7
Felicità
Amore Amore
10
Amore
Tristezza Tristezza
2
Tristezza
Wow Wow
1
Wow
WTF WTF
10
WTF
Livio Marino

author-publish-post-icon
Sangue siciliano, milanese d'adozione, mi piace essere immerso in tutto ciò che è tech. Passo le giornate dando ordini ad Alexa, Google ed al mio cane, Maverick.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link