fbpx
CulturaSpettacoli

Jolt: com’è il film Amazon con protagonista Kate Beckinsale

Il film con Kate Beckinsale è disponibile nel catalogo di Amazon Prime Video.

Sulla carta, Jolt è il film giusto al momento giusto. La storia di un’antieroina energica ed emancipata (Kate Beckinsale) che si fa strada a suon di calci e pugni fra antagonisti e spalle maschili, diretta da una regista di talento come Tanya Wexler, è quanto di meglio si possa proporre oggi alle case di distribuzione e in particolare ad Amazon, che pochi giorni fa ha infatti inserito Jolt nel catalogo di Prime Video. Questo mix di commedia e azione, chiaramente ispirato a John Wick e i suoi coevi, ha il merito di intrattenere senza fronzoli, ma anche evidenti criticità che lo rendono un progetto molto meno incendiario di quanto saremmo portati a pensare e soprattutto datato sotto diversi punti di vista.

Kate Beckinsale antieroina action sulla scia di John Wick e Atomica bionda

La protagonista della storia è Lindy, che fin da bambina è affetta da un grave disturbo nervoso. L’eccesso di cortisolo nel suo corpo le provoca infatti improvvisi e immotivati attacchi di rabbia, che sfociano in azioni estremamente violente contro il prossimo. Questa particolare condizione ha portato Lindy a isolarsi socialmente, ma la donna finalmente intravede una luce in fondo al tunnel, grazie a una terapia sperimentale che consiste nell’indossare uno speciale giubbotto in grado di darle una scossa (jolt in inglese) quando la rabbia sale, forzandola così a calmarsi. In cerca di una parvenza di normalità e spronata dal suo stesso terapista (Stanley Tucci), Lindy accetta di uscire con Justin (Jai Courtney). La donna si ritrova però invischiata in un giro di violenza e criminalità, che la costringe a ricorrere alle sue capacità nascoste.

Fra la furia vendicativa della Matilda Lutz di Revenge, il manifesto sociale e politico della Carey Mulligan di Una donna promettente e la violenza pura di Charlize Theron in Atomica bionda, Jolt sceglie una strada intermedia, puntando più sull’umorismo e su un erotismo appena accennato che su una riflessione capace di inserire la storia di Lindy nel contemporaneo dibattito sul patriarcato. Se da un lato l’opera di Tanya Wexler funziona proprio per questa sua leggerezza quasi ostentata, non si può fare a meno di notare che l’arco narrativo della protagonista presenta diverse criticità, come il suo passato solo abbozzato e mai problematizzato o il fatto che la possibile relazione con un uomo appaia per lunghi tratti della storia l’unica speranza della protagonista per una vita felice e serena, in barba a tutte le riflessioni sull’indipendenza e sull’autodeterminazione.

Jolt: ci sarà un sequel?

La forza principale di Jolt è Kate Beckinsale, che lontana dalla saga di Underworld (ben 5 film in 13 anni) si conferma un’interprete di carisma e talento, capace di spaziare con naturalezza fra diversi registri. La sua Lindy è al tempo stesso top model e serial killer, smaliziata donna moderna e pericolosa sociopatica, amante e picchiatrice. Insieme al solito efficace Stanley Tucci, è lei a caricarsi sulle spalle un’opera che non brilla per la solidità dei personaggi secondari, e in particolare per quella dei due poliziotti Bobby Cannavale e Laverne Cox, troppo passivi e macchiettistici per essere credibili.

Il potenziale di Kate Beckinsale non è però pienamente sfruttato da Tanya Wexler, che dopo il convincente Hysteria dimostra qualche difficoltà nell’approccio all’azione sia dal punto di vista della coreografia delle sequenze più concitate (si distingue chiaramente per più volte la controfigura della protagonista), sia nella caratterizzazione di Lindy, che ci appare sempre troppo perfetta e in ordine per essere vera, lontana anni luce dalla sporca e livida Charlize Theron del già citato Atomica bionda, vero e proprio modello per il personaggio di Kate Beckinsale.

Un finale affrettato e con guest star d’eccezione lascia presagire un sequel, con tanto di costruzione di un universo narrativo più ampio e approfondito. Come sempre, sarà il riscontro del pubblico a stabilire se la storia di Jolt proseguirà o si fermerà a questo primo non indimenticabile capitolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button