fbpx
NewsTech

Kaspersky realizza un tool in grado di rilevare gli stalkerware

In Italia il fenomeno è molto diffuso

Kaspersky ha sviluppato uno speciale tool di rilevazione di stalkerware e spyware. Il nuovo tool arriva in occasione del primo anniversario della fondazione della Coalition Against Stalkerware e della celebrazione della Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza Contro le Donne. In Italia, il fenomeno dello stalkerware è molto diffuso. Il nostro Paese, infatti, è secondo in Europa per numero di stalkerware installati su dispositivi.

Kaspersky crea un tool per rilevare stalkerware

L’Italia è il secondo Paese in Europa (e ottavo a livello mondiale) più interessato dal fenomeno stalkerware. Tale fenomeno, come rilevato da Kaspersky, ha registrato nel 2019 un incremento del 67% su base annua in relazione al suo utilizzo su dispositivi mobili. Nei primi 10 mesi del 2020, inoltre, sono state rilevate quasi 48.500 installazioni di stalkerware in tutto il mondo.

Rachel Gibson, Senior Technology Safety Specialist del National Network to End Domestic Violence, dichiara: “Dobbiamo assicurarci che le vittime possano utilizzare internet, telefoni e dispositivi in tutta sicurezza, affinché siano in grado di rimanere connessi, chiedere aiuto e, soprattutto, decidere liberamente“,

TinyCheck

Per proteggere gli utenti da questa minaccia informatica, Kaspersky ha sviluppato il tool TinyCheck. Si tratta di un tool in grado di rilevare la presenza di stalkerware e spyware installati su dispositivi mobili come smartphone e tablet. Da notare, inoltre, che il tool non consente all’autore del reato di accorgersi di essere stato scoperto.

TinyCheck è un tool open source e facile da usare. Il tool si basa su Raspberry Pi. Questa soluzione scansione il traffico dati in uscita da un dispositivo mobile, identificando le interazioni con fonti malevoli note, come ad esempio i server legati allo spyware. In questo modo, TinyCheck è in grado di individuare, con rapidità ed efficiacia, la presenza di software spia nel proprio dispositivo.

La prima versione di TinyCheck è disponibile su Github.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button