fbpx
lo squalo blockbuster cinema

Come Lo Squalo ha cambiato per sempre l’industria del cinema
La fortunata quanto travagliata storia di un cult all'ultimo morso.


Lo squalo è un film fondamentale per la storia del cinema e la sua uscita (avvenuta 45 anni fa) costituì un vero e proprio punto di svolta. Non si tratta solo di una questione di qualità artistica, sebbene abbia i suoi meriti anche in quel campo. L’impatto di questa pellicola fu fortissimo soprattutto per l’industria cinematografica, creando un nuovo modello che ancora oggi caratterizza il settore.

Una produzione molto travagliata

lo squalo blockbuster cinemaA volte è questione di (s)fortuna. La storia produttiva de Lo squalo fu parecchio complicata, aggravata da tantissimi problemi sul set, per mille motivi. Dietro la macchina da presa si trovava un giovanissimo Steven Spielberg, alla sua prima vera esperienza alla guida di un grande film per il cinema. Fu una grande occasione per lui, il che lo rese molto ambizioso, ma anche avventato.

Fra i problemi principali c’era lo squalo meccanico che ‘interpretava’ la minaccia principale del film, amorevolmente soprannominato Bruce. Spielberg prese la rischiosa decisione di girare le scene che lo coinvolgevano direttamente in mare e non in una piscina su un set chiuso e questo causò guasti ai meccanismi del modello. Di conseguenza, tutta la produzione subì enormi ritardi e quindi uno sforamento consistente del budget.

Questi ostacoli però comportarono anche una modifica importante alla pellicola. Lo script originale prevedeva tantissime apparizioni della violenta creatura, ma le difficoltà tecniche costrinsero Spielberg a trovare soluzioni alternative. La minaccia divenne così meno palese, sempre più suggerita, creando una situazione di tensione elevatissima, che fu uno degli aspetti più apprezzati del film.

Il più grande cambiamento causato dai ritardi produttivi però fu un altro: la data di release. Nei piani iniziali infatti Lo squalo avrebbe dovuto debuttare nel dicembre del 1974, ma fu necessario spostare il lancio al giugno dell’anno successivo. Una decisione presa con scetticismo, che però cambiò per sempre il mondo del cinema soprattutto nel suo lato più commerciale.

Il debito dei blockbuster nei confronti de Lo squalo

lo squalo blockbuster cinemaL’estate tradizionalmente era un periodo morto. I film su cui gli studios puntavano uscivano infatti in inverno quando era più facile attrarre pubblico, soprattutto quello più adulto. La scelta di rilasciare la pellicola all’inizio del periodo estivo (per quanto adatto all’ambientazione e ai temi trattati) fu quindi un rischio. Universal però stravinse quella scommessa.

Lo squalo fu il primo film a superare i 100 milioni di dollari al box office americano e arrivò a essere il migliore incasso della storia (prima di essere scalzato da Star Wars, due anni dopo). Il suo impatto fu fortissimo anche sulla popolazione. I turisti in spiaggia quell’anno furono meno del solito, mentre aumentarono i cacciatori di squali in giro per il mondo. Una conseguenza questa che le associazioni animaliste ancora oggi contestano e di cui l’autore del libro si è molto dispiaciuto.

Questo film quindi ebbe il grande merito di aver sdoganato il periodo di uscita estivo, che diventerà uno dei più importanti per i blockbuster oltreoceano. La sua influenza non si limita solo a questo però. Lo squalo fu uno dei primi film a lavorare attentamente nel creare l’attesa per il suo debutto. Il marketing fu imponente per l’epoca, con tour stampa, promozione del libro di Benchley e una grande campagna in TV (in un periodo in cui tanti studios vedevano questo mezzo come ‘il nemico’).

Altrettanto fondamentale e rivoluzionaria fu la scelta di debuttare in tantissimi cinema contemporaneamente. La tradizione all’epoca era proiettare per qualche giorno i film di nuova uscita in selezionati centri principali e solo piano piano estendersi a tutto il Paese. Lo squalo invece arrivò in oltre 400 schermi lo stesso giorno, creando un evento enorme intorno al suo debutto.

L’eredità de Lo squalo

lo squalo blockbuster cinemaTutti questi elementi sarebbero diventati fondamentali per i blockbuster successivi. Nel tempo sempre più grandi film sarebbero arrivati in sala nel periodo estivo, a partire dal sopracitato Star Wars. Non solo, ma sarebbero stati accompagnati da sempre più grandi campagne marketing, su tutti i media possibili per creare l’attesa, il desiderio puro nel pubblico di scoprirli. E se il risultato è particolarmente impressionante, si aprono le porte anche a uno o più sequel, un altro aspetto in cui Lo squalo fu apripista (lasciamo decidere a voi se si tratti di un aspetto positivo).

Il significato di quest’opera nella storia del cinema poi non si limita a questo. Da un punto di vista stilistico la sua influenza fu fortissima, ispirando generazioni di autori successivi. Inoltre ebbe il grande merito di aver dato lo slancio alla carriera di Steven Spielberg, che diventerà uno dei più grandi filmmaker dell’epoca moderna.

A volte ci sono eventi, magari aiutati da imprevisti, che riescono a cambiare per sempre la storia, dividendola in un prima e in un dopo. Il successo de Lo squalo è sicuramente uno di questi, soprattutto per quanto riguarda la settima arte.

E voi, avete visto questo film? Quali sono i vostri ricordi legati a esso?


Mattia Chiappani

author-publish-post-icon
Ama il cinema in ogni sua forma e cova in segreto il sogno di vincere un Premio Oscar per la Miglior Sceneggiatura. Nel frattempo assaggia ogni pietanza disponibile sulla grande tavolata dell'intrattenimento dalle serie TV ai fumetti, passando per musica e libri. Un riflesso condizionato lo porta a scattare un selfie ogni volta che ha una fotocamera per le mani. Gli scienziati stanno ancora cercando una spiegazione a questo fenomeno.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link