fbpx
AutoElettricoMotoriNews

Mercedes-Benz accelera ancora: entro il 2030 produrrà solo modelli elettrici

Mercedes-Benz dal 2030 sarà totalmente elettrica, anche AMG e Classe G

Dal 2030, Mercedes-Benz promette di produrre solo modelli elettrici dove le condizioni del mercato lo consentiranno. Un’accelerazione importantissima rispetto ai già ambiziosi piani della Stella, annunciati al Mercedes-Benz Strategy Update di oggi. La data di svolta sarà la fine di questo decennio, con il 2030 spartiacque in cui nei mercati più importanti e sviluppati Mercedes diventerà un brand totalmente elettrico. In più, entro il 2025 i modelli elettrificati raggiungeranno il 50% delle vendite, arriveranno nuove piattaforme, tante tecnologie innovative e investimenti enormi. Facciamo un po’ di ordine e capiamo dove sia Mercedes oggi e dove voglia arrivare in un decennio.

Dal 2025, i nuovi modelli saranno EV Only: almeno un modello totalmente elettrico per ogni segmento

Durante il Mercedes-Benz Strategy Update la Casa ha dichiarato che entro il 2030 farà un cambio epocale per il suo futuro. Da Casa che si è proposta come innovatrice e una delle prime a credere nell’evoluzione e nella rivoluzione elettrica, Mercedes-Benz ha deciso di fare prima del previsto uno step in più. Da EV-First, ovvero pioniere nel mondo dell’elettrico, ad EV-Only, ovvero avere un’offerta esclusivamente elettrica.

Il progetto originale prevedeva la presenza nella gamma Mercedes di modelli ibridi ancora per un po’, fino esattamente al 2039, come spiegato dal precedente piano, Ambition 2039. Ma come sicuramente vi aspetterete non sarà una rivoluzione repentina e violenta, quanto un progressivo, per quanto veloce, sviluppo verso la mobilità 100% elettrica. Da oggi, infatti, Mercedes-Benz rallenterà le sue ricerche su modelli esclusivamente termici, riducendola quasi allo zero già entro il 2025.

Mercedes 2030 gamma elettrificata

Tra quattro anni, infatti, Mercedes prevede che il 50% delle sue vendite sarà caratterizzato da modelli elettrificati. Questo non significa che entro il 2025 metà delle Mercedes vendute saranno elettriche, quanto che il mix tra elettriche pure e ibride plug-in peserà per la metà delle vendite totali. Come abbiamo visto infatti Mercedes-Benz spinge tantissimo sulla tecnologia plug-in hybrid, vista come una transizione tra il mondo termico e quello elettrico. Tutte le plug-in Mercedes, infatti, sono caratterizzate da un’autonomia davvero importante, dai 70 agli oltre 100 km, in modo da portare l’esperienza elettrica su modelli ancora dotati di motore termico.

mercedes-2030-EQS

E proprio per questo, Mercedes ha in programma entro il 2025 di avere almeno un modello interamente elettrico per ogni segmento del mercato che presidia, dalla Classe A alla Classe S. Il tutto senza dimenticare i sub-brand. Entro il 2025 infatti anche Maybach e AMG avranno un modello elettrico per ogni segmento, ed entrambe diventeranno full electric entro il 2030. In più, anche il terzo sub-brand, Classe G, svolterà verso le batterie. Nel 2024 arriverà infatti la prima Classe G totalmente elettrica, che affiancherà l’iconico fuoristrada tedesco termico. Concentriamoci invece per un attimo sui modelli prossimi al lancio di Mercedes. Debutteranno molto presto la EQE, la berlina elettrica sorella di Classe E, e l’EQV, il van “fratello” del Classe V. Arriveranno poi la EQB, il piccolo SUV su base GLB, e le versioni SUV di EQE ed EQS.

Mercedes 2030 piano di transizione

Infine, c’è da fare una precisazione. Per Mercedes il 2030 sarà l’anno in cui ci sarà lo shift verso una gamma totalmente elettrica, ma questa svolta non sarà uguale in tutto il mondo. Il CEO di Mercedes-Benz, Ola Kallenius, ha infatti specificato che nel 2030 Mercedes passerà al 100% elettrico “dove il mercato lo renderà possibile”. Questo significa che nei mercati dove l’elettrificazione sarà più lenta si potrà attendere ancora qualche anno prima della svolta totale, mentre in altri mercati molto avanzati il cambiamento potrebbe addirittura arrivare prima. In ogni caso, comunque, Mercedes vuole chiarire che la strada è già segnata, e che non è più possibile tornare indietro.

Entro il 2030 Mercedes-Benz lancerà tre nuove piattaforme, e nuove tecnologie su batterie e motori

Come sarà quindi la nuova Mercedes totalmente elettrica? Per la sua rivoluzione a zero emissioni, la Casa della Stella ha in cantiere ben 5 piattaforme su cui costruire la sua gamma elettrificata. Da EQA ad EQS, Mercedes comincerà presto a rivoluzionarsi partendo dalla piattaforma MMA, in arrivo nei prossimi mesi. Questa è una piattaforma pensata con in mente l’ottimizzazione degli spazi e dell’efficienza necessari per il powetrain elettrico, ma ancora adatta all’utilizzo di motori termici.

Entro il 2025, invece, tutte le nuove Mercedes-Benz verranno costruite su piattaforme elettriche totalmente nuove. Saranno tutte raggruppate sotto la dicitura .EA, ovvero Electric Architecture, ed entro 4 anni arriveranno 3 basi meccaniche inedite. La prima è la MB.EA, pensata per i modelli Mercedes-Benz tradizionali, dai più piccoli ai più grandi. Poi ci sarà la piattaforma AMG.EA, che già dal nome si identifica come la piattaforma per le vetture ad alte prestazioni con brand AMG. Infine, Mercedes non dimentica la sua divisione di veicoli commerciali con la VAN.EA, ovvero la piattaforma dedicata ai veicoli commerciali leggeri a zero emissioni.

Mercedes 2030 batterie

In più, Mercedes vuole arrivare al 2030 con una tecnologia allo stato dell’arte nel cambio dei motori e delle batterie. Tutte le piattaforme, soprattutto la MB.EA, saranno totalmente modulari, con componenti intercambiabili e montabili senza modifiche alla catena di montaggio. In più, anche le batterie saranno modulari, e verranno completamente rivoluzionate. Di tutte le batterie prodotte e montate sui prodotti Mercedes-Benz, il 90% delle componenti sarà comune su tutti i modelli e tagli di batteria. Questo porta ad una gestione software più facile, una migliore standardizzazione della produzione e, soprattutto, a un taglio dei costi molto importante. In più, con le batterie modulari si possono concentrare le risorse di ricerca e sviluppo su nuove tecnologie e idee per migliorarne l’efficienza.

Mercedes ha infatti annunciato che le batterie agli ioni di litio attuali verranno migliorate con una nuova struttura, una chimica delle singole celle differente e celle più alte, per una migliore efficienza e capacità. In più, verrà aggiunta un’innovazione tecnologica realizzata con il partner SilaNano. Si tratta dell’introduzione di un anodo di silicio-carbonio, più efficiente e più resistente a caldo e all’usura. L’obiettivo è quello di arrivare ad una densità di 900 Wh per litro, e ottenere tempi di ricarica ancora più corti. Lo step finale sarà ovviamente l’arrivo delle batterie allo stato solido, che porteranno una riduzione del peso, tempi di ricarica più veloci, migliore sicurezza e prestazioni. Quando arriveranno? Mercedes non si è sbilanciata, ma pensiamo che vedremo qualcosa nei prossimi 5 anni.

Mercedes 2030 Yasa

Infine, Mercedes si concentrerà anche sulla realizzazione in house dei suoi motori elettrici. Un lavoro che non tutte le Case fanno, e che Mercedes-Benz ha già messo in piedi con la sua EQS. Un motore sviluppato in casa porta maggiore efficienza, una migliore gestione dell’energia e vantaggi su tutti i fronti. Per le future AMG tutte elettriche, poi, la Stella ha acquisito la YASA, giovane costruttore inglese che ha creato un motore elettrico a flusso assiale, non cilindrico come al solito ma sottile e piatto. Compatto, piccolo e super efficiente, questo motore sarà montato su tutte le AMG elettriche del futuro.

Nuovi partner, nuove fabbriche, nuove assunzioni: il rinnovamento fino al 2030 di Mercedes

Ma non ci sono ovviamente solo motori, nuovi modelli e batterie. Una Casa non può prescindere dalle fabbriche, dai suoi dipendenti e dal loro miglioramento. Nel progetto per il 2030 di Mercedes gli stabilimenti sono uno dei pilastri della strategia sostenibile. Come migliorarli? Riducendone l’impatto ambientale, creando delle Gigafactories e, sfortunatamente, riducendo il personale ma rendendolo più specializzato.

Mercedes 2030 factory 56

Partiamo dalla riduzione delle emissioni di ogni fabbrica. Il fiore all’occhiello di Casa Mercedes è senza dubbio la Factory 56 di Sindelfingen. Qui, la Casa della Stella produce diversi modelli, tra cui la Classe S e la EQS, ma soprattutto è già riuscita a creare una fabbrica carbon neutral. Cosa significa? Che a Sindelfingen le emissioni di CO2 sono molto basse, e sono compensate dall’utilizzo di energie rinnovabili per quasi tutti i processi. Infatti, ad esempio, EQS utilizza il 100% di acciai riciclati, per emissioni più basse del 60%. Anche le batterie sono prodotte con emissioni neutrali di anidride carbonica, e dal 2025 tutto l’acciaio usato da Mercedes-Benz sarà CO2 free.

Entro il 2022, tutte le fabbriche mondiali di Mercedes-Benz saranno carbon neutral, e l’economia di queste linee sarà circolare e sostenibile. In più, entro il 2023 Mercedes aprirà una fabbrica di riciclo delle batterie a Kuppenheim, in Germania. E, non per ultimo, sta lavorando ovviamente alla nascita di diverse Gigafactory. Per chi non fosse pratico di questo termine, le Gigafactory sono stabilimenti dove si producono esclusivamente batterie. Mercedes-Benz ha grandi piani, con ben 8 Gigafactories previste in tutto il mondo, dal Nord America all’Australia alla Cina, con ben 4 Gigafactories in Germania. Nonostante la globalizzazione, infatti, Mercedes vuole rimanere legata alla Germania e all’Europa, mantenendo l’Unione il cuore dell’industria automobilistica mondiale. Tornando alle Gigafactory, Mercedes prevede di produrre ben 260 GW di capacità di batterie nelle sue fabbriche in tutto il mondo.

Per fare ciò c’è bisogno di investimenti, decisioni e di qualche sacrificio. Mercedes-Benz entro il 2030 investirà ben 4 miliardi di euro per la transizione elettrica tra modelli, piattaforme, fabbriche e nuovi partner commerciali. In più, gli investimenti per i modelli termici e ibridi diminuiranno dell’80% tra il 2019 e il 2026. Un impegno importante, che passerà anche dagli impiegati di Mercedes, che cambieranno drasticamente. La Casa di Stoccarda si è infatti detta pronta per un sacrificio doloroso, mettendo in campo misure previdenziali per permettere pensionamenti anticipati e accordi personali con diversi dipendenti. Al contempo, però, oltre 20.000 dipendenti sono stati istruiti e qualificati sulla costruzione di veicoli elettrici, aumentandone la competenza nella costruzione di veicoli elettrificati. In più, Mercedes ha in programma di assumere ben 3.000 nuovi ingegneri elettronici e informatici per curare il software MB.OS, sempre più centrale nel futuro di Mercedes.

La rete di ricarica Mercedes me e i software, il fulcro della mobilità del futuro

Mercedes-Benz punta infatti tantissimo sulla gestione software e, non dimentichiamolo, sulla rete di ricarica Mercedes me Charge. Queste due componenti, secondo i vertici Mercedes, saranno il fulcro della strategia per il 2030. In che modo saranno così importanti?

Mercedes 2030 ricarica

Il software MB.OS sarà il cervello dell’auto non solo per quanto riguarda l’intrattenimento, ma anche per la gestione della carica e della ricarica. Il sistema di management della batteria sarà totalmente nuovo, e governato da un algoritmo basato sull’intelligenza artificiale. Questo uso della AI porterà le automobili Mercedes ad ottenere migliore autonomia, migliori prestazioni e un’esperienza lussuosa e piacevole. L’assunzione di ben 3.000 specialisti non fa altro che rendere ancor più chiaro questo intento.

Come diciamo sempre, però, per l’esplosione della mobilità elettrica sarà imprescindibile la nascita di un’infrastruttura di ricarica capillare e veloce. Al momento in quasi tutto il mondo siamo ancora molto, molto indietro. Mercedes però non può farsi carico dei problemi delle infrastrutture dei singoli Paesi. A Stoccarda si concentreranno sulla produzione di modelli quanto più perfetti. Per le infrastrutture, però, se la dovranno vedere i singoli Paesi. Mercedes lo sa bene, e per questo anche in questa occasione ha spronato i governi locali per spingere sulle infrastrutture di ricarica.

Mercedes 2030 EQA ricarica

Per il 2030 però la Stella ha in programma di mettere in campo una sua arma segreta: Mercedes me Charge. La Casa vuole creare una rete di “Premium Charging”, ovvero una infrastruttura di ricarica lussuosa, curata. Come fare? Cercando di essere il più diffusa possibile. In America, ad esempio, Mercedes-Benz ha unito le forze con Chargepoint, e presto arriverà a ben 120.000 punti di ricarica nel Paese. Saranno 60.000 le colonnine pubbliche e altre 60.000 semi-pubbliche in centri commerciali, posti di lavoro e simili.

In Europa, invece, si è accordata con Ionity e con Shell. Con la multinazionale petrolifera, infatti, Mercedes punta a creare 30.000 punti di ricarica in Europa, Cina e USA entro il 2025. Di questi, ben 10.000 saranno ad alta potenza. Il risultato è già oggi importantissimo, con la rete Mercedes me Charge che risulta una delle più importanti a livello mondiale, con oltre 530.000 punti di ricarica già presenti nel globo.

Infine, già quest’anno Mercedes vuole lanciare i primi Premium Chargers, luoghi dove attendere la ricarica con lusso e cura, e il sistema Plug&Charge. Al debutto già ora sulla nuova EQS, Plug&Charge punta ad eliminare ogni difficoltà nella ricarica di auto elettriche. Nessuna autenticazione, nessuna iscrizione a servizi, nessun pagamento da processare. Basta collegare l’auto, e la ricarica partirà. L’auto si autenticherà da sola, e processerà automaticamente il pagamento.

Entro il 2030, Mercedes cambierà totalmente per rimanere al top. Sarà la scelta giusta?

Chiudiamo con una brevissima preview della Vision EQXX, la vettura elettrica realizzata dal Mercedes-AMG F1 Team. I ragazzi di Brackley hanno lavorato attorno ad una normale batteria di produzione, con l’obiettivo di ottenere un’autonomia di 1.000 km. Come fare? Con la batteria di serie, il dominante Team di Formula 1 ha ottimizzato tutte le componenti, dal motore alla carrozzeria ai materiali. L’obiettivo? Limare peso e efficienza pezzo per pezzo, per ottenere così un marginale miglioramento da ogni parte dell’auto. Non abbiamo ancora dettagli precisi su di lei, tranne la data della presentazione: 2022. Per lei, il Direttore Operativo di Merdedes, Markus Schäfer, ha utilizzato uno slogan che riassume benissimo il futuro della Casa. Efficiency is the new currency. L’efficienza è la nuova moneta.

Mercedes ha infatti sposato la causa della riduzione delle emissioni delle sue auto, il matrimonio con l’efficienza e la sostenibilità. Un cambio epocale, che però non verrà fatto perdendo ciò che rende Mercedes speciale. Qualità, cura, ingegnerizzazione, blasone, piacere di guida e confort. Tutte caratteristiche proprie di ogni Mercedes-Benz che si rispetti, e che la Casa della Stella vuole mettere dentro le auto del suo futuro, totalmente elettrico. Sarà la strada giusta? Sicuramente, il mondo si muove verso la mobilità sostenibile, elettrica e non. Mercedes-Benz non ha perso tempo, e nel 2030 sposerà la causa delle auto elettriche a batterie, diventando il primo Costruttore Premium totalmente elettrico. Sarà la mossa che farà tornare Mercedes al top della produzione automobilistica mondiale? Lo scopriremo solo vivendo, e guidando tutte le prossime novità della Casa.

Mercedes-AMG Petronas - Merce Ufficiale di Formula 1 2021...
  • Lewis Hamilton: 7 volte Campionato Piloti di F1 stampa
  • Lanciata per celebrare la vittoria di Lewis Hamilton nel Campionato Piloti di F1 2028
  • Collo a collo rotondo
Mercedes-Benz Man - Spray Edt 48,2 g
  • Per tutti i tipi di pelle
  • Profumo di lunga durata
  • Aumentare l'attrazione

Non perderti gli ultimi articoli sul mondo Mercedes-Benz!

Lo sapevi? È nato il canale di Telegram di Tech Princess con le migliori offerte della giornata. Iscriviti qui!

Giulio Verdiraimo

Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button