fbpx
Tech

NGL, l’App di messaggi anonimi che spopola su Instagram

Perchè l'applicazione sta riscuotendo tanto successo?

Le App di messaggi anonimi hanno sempre affascinato gli utenti più giovani – noi inclusi -. E non c’è affatto bisogno di spiegare il perchè. L’aspettativa che qualcuno possa confessarvi i propri sentimenti o la sola idea di ricevere complimenti, seppur anonimi, hanno alimentato per molto tempo il successo di queste App. Ed ora, dopo un breve periodo di silenzio, eccole tornate alla ribalta. Se passate molto tempo su Instagram, infatti, vi sarete accorti dell’incredibile ascesa di NGL, l’App di messaggi anonimi più in voga al momento. Cerchiamo allora di capire insieme come l’applicazione è riuscita a riscuotere tanto successo.

NGL, l’App che riporta i messaggi anonimi al successo

NGL – acronimo per “Not Gonna Lie” – è l’App di messaggi anonimi che sta spopolando su Instagram, riportando alla ribalta il format “Ask me anything” che tanto era piaciuto agli utenti più giovani anni fa. Dopo aver debutatto a Novembre 2021, infatti, l’applicazione ha raggiunto circa 7.3 milioni di download globali in meno di dieci mesi. E, a metà dello scorso mese, ha ottenuto il primo posto tra le applicazioni dell’App Store statunitense – primato che detiene tuttora nella classifica “Lifestyle” -. Ma come funziona davvero NGL? In modo assolutamente semplice ed intuitivo. Basta scaricarla per ricevere un link da incollare nella biografia o nella Storia di Instagram, invitando i vostri follower ad inviarvi messaggi anonimi.

NGL App

Una volta condiviso il link, dovete soltanto aspettare di leggere le risposte, che compariranno in una casella di posta all’interno dell’App NGL. Cliccando su “Rispondi”, potete poi condividere i messaggi anonimi nella vostra Storia di Instagram, magari aggiungendo un commento su quello che vi è stato detto. Insomma, l’applicazione ha proprio il funzionamento che si aspetta da una piattaforma di scambio di messaggi anonimi. D’altronde, non è certo la prima volta che l’anonimato conquista gli utenti più giovani. In passato App simili, come Ask.fm, Curious Cat, YikYak, Yolo e LMK hanno riscosso un successo enorme, pur scatenando reazioni alquanto contrastanti. Il legame tra anonimato e cyberbullismo è sempre stato un problema per queste piattaforme, tanto da portarle alla dismissione. Ma sarà lo stesso per l’App di NGL?

Anonimato e cyberbullismo, una combinazione pericolosa

Le App di messaggi anonimi hanno avuto reazioni alquanto contrastanti fino ad ora. Se da un lato hanno conquistato il pubblico più giovane, dall’altro hanno sollevato non poche critiche per via degli insulti contenuti in molti dei messaggi. Lo scorso anno, ad esempio, Snap ha sospeso Yolo e LMK dopo che la società ha dovuto affrontare una causa che coinvolgeva un adolescente vittima di bullismo sulle piattaforme, poi morto suicida. Ask.fm e Yik Yak, invece, sono state più volte criticate proprio per alimentare il cyberbullismo, tanto da costringere Yik Yak a chiudere definitivamente nel 2017. In questo senso, il successo riscosso di recente da NGL non fa altro che tornare allo scoperto vecchie preoccupazioni.

Eppure, dal canto suo, l’applicazione si dice ben convinta di voler tutelare i suoi utenti. “Riteniamo che l’anonimato debba essere un luogo divertente ma sicuro per esprimere i vostri sentimenti e le vostre opinioni senza vergogna – si legge sul sito web di NGL -. I giovani non hanno uno spazio per condividere i propri sentimenti senza il giudizio degli amici o le pressioni della società. NGL offre questo spazio sicuro agli adolescenti“. Proprio per questo, l’applicazione ammette di utilizzare “algoritmi di deep learning e di corrispondenza dei modelli di caratteri basati su regole per filtrare il linguaggio dannoso e il bullismo“. Questo significa che l’App ha una serie di filtri linguistici atti a prevenire le molestie, per quanto possibile.

Per verificarne il funzionamento, NBC News ha testato l’applicazione. Ed ha riferito che i messaggi contenenti insulti e termini come “KIS” – “ucciditi” – sono stati eliminati, mentre i filtri linguistici non sembrano aver funzionato con frase più semplici come “Sei grasso” o “Tutti ti odiano”. E anzi, agli utenti segnalati per l’invio di un messaggio inappropriato non è stato affatto impedito di continuare a scrivere. Il che significa che, forse, anche l’App di NGL ha ragione di destare non poche preoccupazioni riguardo all’aumento degli episodi di cyberbullismo. Nonostante questo, finora l’applicazione di messaggi anonimi sembra aver regalato solo buone esperienze ai suoi utenti sparsi in tutto il mondo. Restiamo allora a vedere cosa succederà. Magari NGL riuscirà davvero a ribaltare il settore dei messaggi anonimi, chissà.

Offerta
Apple iPhone 12 (128GB) - bianco
  • Display Super Retina XDR da 6,1"
  • Ceramic Shield, più duro di qualsiasi vetro per smartphone
  • 5G per download velocissimi e streaming ad alta qualità

Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button