fbpx
AutoElettricoMotori

La prima Nissan col nuovo logo è il van Townstar: l’anteprima della tuttofare giapponese

Dal van compatto parte l'offensiva di Nissan nei veicoli commerciali, ma senza diesel

È stata descritta come la stellina della galassia di Casa Nissan. Di cosa si tratta? Di una nuova sportiva? Dell’attesissima elettrica Ariya? In realtà, è un modello che non vi aspettereste. Siamo stati infatti all’anteprima statica del nuovo Nissan Townstar 2021, il van compatto della Casa nipponica. Tecnologico, completo e declinato per la prima volta sia in versione vettura che van, il nuovo Townstar continua con coerenza la strada dell’elettrificazione di Nissan, offrendo un motore termico e una versione elettrica, ed è anche la prima a portare una grande novità per la Casa. Quale? Scopriamo tutto nel dettaglio.

La nuova offensiva di Nissan tra i veicoli commerciali leggeri: obiettivo 2,5% all’interno della rivoluzione della Casa

Potrebbe sembrare esagerato da parte di Nissan definire il nuovo Townstar come una stellina, soprattutto quando la Casa giapponese è pronta a lanciare modelli molto interessanti come la nuova full electric Ariya, la nuova generazione di Qashqai e altro ancora. In realtà, però, Nissan Townstar è un tassello importante all’interno della rivoluzione che Nissan sta affrontando.

Il 2021, con Nissan Townstar e Qashqai in testa, ha segnato il debutto di una nuova generazione di vetture della Casa nipponica. Modelli tecnologici, completi dal punto di vista del confort e della sicurezza, e che puntano tanto sull’elettrificazione, ma in maniera diversa. Mild Hybrid e con l’innovativo sistema e-POWER per Qashqai, benzina ed elettrico per il Townstar. Ma prima di parlare di meccanica, dobbiamo inserire nella discussione anche la nuova offensiva di Nissan tra i veicoli commerciali. Mercato in cui un tempo la Casa era molto forte, soprattutto tra i van compatti come il mitico Serena, Nissan ha deciso di tornare con forza nel mercato dei veicoli commerciali leggeri, i cosiddetti LCV.

Perchè ritornare in un mercato dove Nissan, nonostante fosse presente, non aveva mai rivestito un ruolo da protagonista? “Al contrario del mercato dell’auto, i veicoli commerciali stanno crescendo: rispetto al 2019, le vendite quest’anno sono aumentate del 2%.”, spiega Marco Toro, Presidente e CEO di Nissan Italia. “Il merito di questa crescita è da ricercare nell’aumento dell’e-commerce: durante e dopo la pandemia, tutti hanno cominciato ad acquistare online. Sono cresciuti gli acquisti online, e con loro le consegne a domicilio. Rispetto al 2020, quest’anno gli acquisti online sono cresciuti del 65%: maggiori sono state quindi le consegne dell’ultimo miglio, spesso in ZTL e nelle città. Per questo essere in questo mercato è diventato importante: abbiamo deciso all’interno della nostra strategia NissanNext di puntare sui veicoli commerciali”.

Modelli tecnologici ma il più possibile elettrificati, coerenti con le auto Nissan

Con queste nuove necessità, quindi, il mercato degli LCV è cresciuto e cambiato, è più dinamico e desideroso voglioso di modelli moderni e tecnologici, ma soprattutto elettrificati per poter consegnare in libertà anche in centro. Per un mercato così moderno e differente, anche Nissan doveva fare una piccola rivoluzione interna. Addio quindi ai vecchi nomi un po’ astratti come NV250 o NV300, e bentornati i nomi della precedente generazione di van Nissan: Townstar, Primastar e Interstar. Tutti sviluppati con strategiche alleanze con Renault (e non solo), anche qui la parola d’ordine sarà elettrificazione. “Non potevamo lanciare il nuovo Nissan Townstar nel 2021 con un motore a gasolio. Sarebbe stato incoerente e non in continuità con la nostra decisione di offrire solo modelli elettrificati entro il 2030.”, puntualizza Toro.

Nissan presenta la nueva furgoneta Townstar: un cambio de juego

Anche Townstar quindi non sarà lanciato con motori diesel, così come è successo per tutti i modelli Nissan di nuova generazione da Juke in poi. A listino ci saranno solo un motore turbobenzina e una versione 100% elettrica, sia per la versione passeggeri che per quella trasporto cose. Lo stesso accadrà poi per le nuove generazioni dei van più grandi, Primastar e Interstar, che comunque per i prossimi anni sono e saranno ancora disponibili unicamente con motorizzazione endotermica a gasolio.

Nissan però non starà con le mani in mano. In cantiere infatti ci sono anche per i più grandi Primastar e Intestar diverse scelte per affiancare, e a lungo termine sostituire, la classica motorizzazione diesel. Una tra tutte in discussione c’è la possibilità di adottare anche su questi modelli il sistema e-POWER presentato su Qashqai. Questo passo si inserisce molto bene nella strategia a lungo termine, parecchio coraggiosa, di Nissan. La Casa nipponica infatti vuole diventare un punto di riferimento per coloro che vogliono trasformare la propria azienda ed essere più sostenibile.

Per questo si è deciso per l’addio ai diesel, un provvedimento drastico ma coerente, e che non sarà senza conseguenze. Se da una parte Nissan ha mantenuto la motorizzazione benzina per rassicurare il cliente tradizionalista (il mercato dei van elettrici in Italia è ancora molto piccolo: conta per il 7% del totale), l’assenza della motorizzazione a gasolio non aiuterà a vendere quanto potrebbe nel breve termine. La Casa nipponica questo lo sa bene, e infatti ha delle pretese piuttosto abbordabili. Noi puntiamo ad ottenere il 2,5% del mercato dei veicoli commerciali leggeri. Offrendo una motorizzazione gasolio, probabilmente avremmo potuto puntare anche a numeri 3 volte superiori. Abbiamo però scelto la strada della coerenza, e vogliamo diventare il riferimento per i van elettrici.”, ha chiarito Toro.

Townstar è la prima Nissan con il nuovo logo: da fuori tradisce la parentela con Kangoo, con un frontale ispirato ad Ariya

Ma dopo aver parlato a lungo della strategia di Nissan per i veicoli commerciali, ecco che il nostro protagonista, Nissan Townstar, si mostra all’interno della sala al Salone Novecento, in zona EUR a Roma. Presentato sia in versione vettura che in versione van, Townstar segna un debutto quasi sorprendente. Si tratta infatti della prima vettura Nissan sul mercato europeo dotata del nuovo logo, presentato qualche mese fa. Una scelta molto particolare, che rende ancora più interessante il nuovo van giapponese. In realtà, però, sotto il nuovo logo Nissan si nasconde una nostra (neanche troppo) vecchia conoscenza: Renault Kangoo, che abbiamo provato pochi mesi fa.

Non è infatti un segreto che Nissan Townstar 2021 sia realizzato sulla stessa base di Renault Kangoo e di Mercedes Citan. In più, è anche costruito nella stessa fabbrica di Maubeuge, nel nord della Francia. I designer Nissan però sono riusciti a personalizzare con cura e gusto il frontale. Rispetto al simpatico sguardo di Kangoo, infatti, Townstar è più elegante e affilato, con dei fari (full LED di serie) più sottili e allungati. Spicca poi sul frontale l’ormai mitica mascherina V-Shape, segno distintivo di tutte le Nissan. Cambia anche il paraurti anteriore, con fari fendinebbia differenti e un disegno più dinamico, mentre lateralmente e al posteriore le differenze sono pochine. Questo però non è un difetto, anzi. Avevamo apprezzato Renault Kangoo proprio per l’estetica raffinata e moderna, che la differenzia parecchio dai classici Van di medie dimensioni.

Rimangono, per la nostra gioia, le bombature a livello dei passaruota posteriore, che rendono la vista posteriore meno quadrata e più automobilistica, così come il profilo laterale piuttosto slanciato per il tipo di auto e le barre portatutto sul tetto. In definitiva, nonostante la parentela sia ben avvertibile, Nissan Townstar è molto piacevole da vedere, sia davanti che dietro. Un piccolo dettaglio arriva poi sulla versione elettrica, Townstar EV. La bocchetta per la ricarica è infatti posizionata dietro il logo Nissan frontale, che sull’elettrica è anche retroilluminato. Per differenziare ancora di più la versione a zero emissioni, poi, Townstar EV ha una mascherina concava, molto particolare.

Dentro Nissan Townstar 2021 offre spazio e praticità, e la tecnologia è ottima

Dopo aver apprezzato le linee esterne di Nissan Townstar, all’interno ci troviamo di fronte ad un piccolo deja-vù. A livello interno, infatti, la condivisione con Renault Kangoo è stata molto ampia. La plancia e la disposizione degli interni infatti, è pressoché la stessa del van francese, sia nella versione van che in quella passeggeri. Troviamo quindi la leva del cambio manuale a 6 marce, unica trasmissione disponibile con il motore termico, in posizione rialzata, lo schermo dell’infotainment a sbalzo e un cruscotto elegante e ben disegnato, molto più simile ad un’auto che ad un veicolo commerciale. Rimangono poi alcune piccole genialate derivate da Kangoo.

Quali? Ad esempio il cassettone sopra il parabrezza, il portaoggetti sopra il quadro strumenti con porta-smartphone integrato e montabile a destra o a sinistra, e una cura nei dettagli sorprendente. Anche dietro le differenze sono minime, con un divano spazioso e facilmente accessibile grazie alle porte posteriori scorrevoli con la bocca d’accesso più grande della categoria, larga 82,8 cm. Il bagagliaio è lungo un metro, e misura quasi 800 litri di capacità con i 5 posti in posizione, e può salire fino a quasi 1800 abbattendo il divano. La versione Cargo, invece, è disponibile in due misure, a passo corto L1 con lunghezza di 4,48 metri (la stessa della versione passeggeri) o a passo lungo L2, con una lunghezza di quasi 5 metri. La portata arriva a 3,3 m3 per la versione a passo corto, e a 4,9 m3 per la versione a passo lungo.

Ci sono però alcune differenze, che riguardano soprattutto la versione elettrica. A livello tecnologico, infatti Nissan Townstar equipaggiato con il 1.3 benzina ha il quadro strumenti analogico e lo schermo dell’infotainment da 8 pollici (lo stesso di Kangoo). La versione elettrica invece sfoggia uno schermo multimediale più piccolo, da 7 pollici, ma compensa con un quadro strumenti digitale da 10 pollici. In più, la dotazione tech è di ottimo livello non solo per un veicolo commerciale, ma in generale per un’automobile di queste dimensioni. Sono disponibili infatti il sistema di telecamera a 360 gradi, la frenata automatica di emergenza, due sistemi per l’assistenza in caso di vento laterale o di sbandamento del rimorchio. Anche il Cruise Control Adattivo con sistema ProPilot è presente, e Android Auto ed Apple CarPlay sono di serie e wireless.

Benzina o elettrico, cargo o passeggeri: c’è una Nissan Townstar 2021 per ogni esigenze sulla piattaforma CMF-C

Concludiamo con una breve disamina della meccanica di Nissan Townstar 2021. ormai non vi sorprenderà scoprire che la meccanica è condivisa con Renault Kangoo. Quindi anche Townstar è basato sulla piattaforma CMF-C di Renault. Condivisa anche con Nissan Qashqai e Renault Mégane e Scenic, tra le altre, questa condivisione fa parte della strategia del Gruppo Renault-Nissan di passare dall’attuale 9% dei modelli realizzati su piattaforme condivise ad una quota del 50% entro il 2025. Si tratta quindi di una base meccanica automobilistica, che consente di avere confort e guidabilità da automobile ma con la praticità che si conviene ad un modello commerciale.

Le versioni Combi e Cargo non hanno differenze dal punto di vista tecnico. Per entrambe sono disponibili due motorizzazioni, una termica ed una elettrica. La versione termica conta su un motore 1.3 turbobenzina 4 cilindri TCe da 130 CV e 240 Nm di coppia, omologato secondo le normative Euro 6D-Full, ed accoppiato al solo cambio manuale a 6 marce. Non poteva poi mancare un Townstar elettrico. Se infatti Nissan Leaf è stata la prima automobile elettrica di grande serie, e fino a pochi mesi fa l’EV più venduta di sempre, anche tra i van Nissan ha avuto un primato. Il modello precedente, l’eNV-200, infatti, è stato il primo van medio a zero emissioni di grande serie, e uno dei più venduti di qesto segmento.

Oggi, Townstar EV, è dotato di un motore elettrico, sempre anteriore, da 122CV e 245 Nm di coppia. Il cambio è, ovviamente, assente, mentre la batteria alloggiata sotto al pianale è da 44 kWh. L’autonomia omologata in ciclo misto WLTP è di 285 km, mentre la ricarica arriva fino a 22 kW con corrente alternata e 70 kW con corrente diretta. La ricarica completa con corrente alternata richiede 4 ore e mezza con caricatore da 11 kW e sole 2 ore con caricatore da 22 kW. Se invece si sarà in corrispondenza di una colonnina Fast DC, basteranno 42 minuti per passare dallo 0 all’80%.

Con Nissan Townstar nasce una rete Business, e in più 5 anni di garanzia e wallbox inclusa nel prezzo

Ci sono ancora alcuni dettagli molto interessanti da discutere. Innanzitutto, Nissan ha deciso di lanciare un nuovo servizio per tutta la sua rete di concessionari. Tutti i concessionari italiani ufficiali Nissan saranno in grado di vendere e manutenere anche gli LCV della Casa, ma in più il brand nipponico ha presentato i Business Center. Questi saranno 45 veri e propri centri dedicati ai veicoli commerciali Nissan, con un venditore dedicato e formato, tutti i modelli in esposizione e la disponibilità di van di cortesia, una soluzioni davvero gradita ai professionisti.

In più non mancheranno ben 5 anni di garanzia su tutti i van Nissan, e in più anche ai veicoli commerciali si estende la possibilità di scegliere l’EV Care. Di cosa si tratta? In poche parole, Nissan si impegna a installare e allacciare una wallbox gratuitamente quando si acquista un’auto, e da oggi un van, elettrico. Una ottima iniziativa che rende ancora più facile abbracciare la mobilità elettrica a casa o sul posto di lavoro.

Ma quanto costerà Nissan Townstar 2021? La Casa giapponese sta ultimando in queste settimane i listini, ma indicativamente ci hanno detto che non saranno distanti da quelli del cugino Kangoo. Parliamo quindi di un prezzo di partenza di circa 25.000 euro per la 1.3 trasporto passeggeri, mentre la versione elettrica è ancora inedita anche sul modello Renault, ma si parla di circa 35.000 euro. Nissan Townstar è un van completo e molto moderno, che si propone come ottimo alleato per un’azienda ma anche come automobile versatile e diversa dal solito. Noi speriamo di provarlo presto, magari nella sempre più gettonata versione elettrica.

Offerta
LEGO Speed Champions Nissan GT-R NISMO, Giocattolo...
  • Un'occasione per possedere una replica LEGO dettagliata della leggendaria Nissan GT-R NISMO
  • Include una Nissan GT-R NISMO costruibile e 1 minifigure collezionabile in tuta da corsa Nissan
  • La mini-versione della Nissan GT-R NISMO può essere costruita ed esposta o utilizzata per partecipare ad avvincenti...

Non perderti le ultime notizie sul mondo Nissan!

Lo sapevi? È nato il canale di Telegram di Tech Princess con le migliori offerte della giornata. Iscriviti qui!

Giulio Verdiraimo

Ho 22 anni, studio Ingegneria e sono malato di auto. Di ogni tipo, forma, dimensione. Basta che abbia quattro ruote e riesce ad emozionarmi, meglio se analogiche! Al contempo, amo molto la tecnologia, la musica rock e i viaggi, soprattutto culinari!

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button