!function(f,b,e,v,n,t,s){if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)};if(!f._fbq)f._fbq=n; n.push=n;n.loaded=!0;n.version='2.0';n.queue=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0];s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,'script','https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js');
Pokémon Go Luglio 2020

Pokémon Go non sarà più disponibile per vecchi dispositivi iOS e Android
Niantic si prepara ad un nuovo aggiornamento del gioco, eliminando così il supporto per vecchi dispositivi


Cari giocatori di Pokémon Go, questa potrebbe non essere una buona notizia per voi. Con il nuovo aggiornamento in programma ad ottobre, Niantic renderà impossibile avviare il gioco da dispositivi che utilizzano Android 5.0 “Lollipop” o iOS 10 e 11.  Ma non è tutto. La compagnia fa sapere che verranno esclusi dai giochi anche due telefoni popolari come l’iPhone 5S e l’iPhone 6, nonostante possano garantire un aggiornamento ad iOS 12.

Il motivo? Questi dispositivi “hanno appena 1 GB di RAM, e non vogliamo limitare lo sviluppo e l’implementazione di funzionalità per la maggioranza dei giocatori che hanno telefoni più performanti”. Così Niantic ha spiegato la sua decisione. D’altronde, Pokémon Go fa molto affidamento sulle fotocamere del telefono, sulla localizzazione tramite GPS e su altri piccoli dettagli funzionali alla resa delle immagini 3D. E per di più, il gioco va ad incidere non poco sulla batteria, il che non è propriamente ideale per un telefono che ha già qualche anno di età.

Pokémon Go, addio ai vecchi smartphone e tablet

Stando a quanto riferito da Niantic, il nuovo aggiornamento avrà un impatto soltanto su “una percentuale molto piccola di giocatori attivi quotidianamente”. Eppure siamo certi che l’impossibilità di avviare il gioco sarà vista come una grande perdita da parte di questi utenti. In ogni caso, se avete un telefono recente di fascia media non dovete preoccuparvi. Potete stare certi che l’aggiornamento non vi riguarderà in alcun modo.

Anche Niantic sembra non essere affatto preoccupata, soprattutto considerando che i dati dimostrano che il 2019 è stato l’anno più redditizio dal lancio del gioco. Anzi, sembrerebbe che neppure il Covid-19 sia riuscito a scalfire il successo di Pokémon Go, che ha incrementato il suo fatturato in maniera notevole. D’altronde, la quarantena è stata triste, e catturare Pokémon è stata una delle nostre attività preferite. Senza pensare al successo del Pokémon Go Fest o alle numerose possibilità di giocare da remoto. Insomma, il gioco va forte. Ed eliminare una minima percentuale di giocatori potrebbe non essere affatto un problema. Anzi, potrebbe aiutare Niantic a migliorare ancora di più le sue prestazioni e acquisire così nuovi giocatori.


Chiara Crescenzi

Editor compulsiva, amante delle serie tv e del cibo spazzatura. Condivido la mia vita con un Bulldog Inglese, fonte di ispirazione delle cose che scrivo.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link