fbpx

Samsung e Niantic avrebbero concluso un accordo da 40 milioni per portare dei giochi in esclusiva sugli smartphone della linea Galaxy. I giochi dovrebbero venire pre-caricati sui dispositivi Samsung, ma la conferma ufficiale e tutti i dettagli arriveranno solo nelle prossime settimane.

L’accordo tra Samsung e Niantic

Al centro dell’accordo c’è un esclusivo gioco di Harry Potter, all’interno del quale dovrebbe essere possibile usare la S-Pen della linea Note come una bacchetta magica. La Niantic è però già a lavoro su un gioco di realtà aumentata chiamato “Harry Potter: Wizards Unite“, previsto per il 2019. Data la cifra relativamente piccola, potrebbe trattarsi solo di una aggiunta di funzionalità esclusive per i telefoni Galaxy e di un’esclusiva a tempo limitato, come già avvenuto con Fortnite.

Un altro gioco che dovrebbe essere incluso nell’accordo è Ingress, mentre a quanto pare Niantic ha tenuto categoricamente fuori dal tavolo delle trattative Pokémon Go. L’investimento da parte di Samsung servirà alla compagnia per raccogliere denaro in vista della futura IPO (l’offerta pubblica iniziale, il primo passo per quotarsi in borsa).

Samsung, d’altro canto, prima con Epic Games e ora Niantic, con queste esclusive punta a rendere più appetibili e unici i propri prodotti. Ma se già l’anteprima esclusiva di Fortnite non ha portato i risultati sperati, non sembra plausibile che l’accordo con Niantic possa fare di più.

[amazon_link asins=’B06Y5BTX8L,B07G4D47P3,B00RP7VE2Y’ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’6d9c4507-f2ff-11e8-b8f3-ed69686e8d0a’]

Condividi la tua reazione

Rabbia Rabbia
0
Rabbia
Confusione Confusione
0
Confusione
Felicità Felicità
0
Felicità
Amore Amore
0
Amore
Paura Paura
0
Paura
Tristezza Tristezza
0
Tristezza
Wow Wow
0
Wow
WTF WTF
0
WTF
Giovanni Natalini

author-publish-post-icon
Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.