fbpx
Cina Asiatici Cellulare

Arriva in Cina un’app per identificare e sorvegliare i debitori


Dalla settimana scorsa, come conseguenza del sistema di punteggio sociale, ormai in sperimentazioni in molte parti della Cina, è disponibile una nuova app per identificare e sorvegliare i debitori presenti nelle immediate vicinanze, con lo scopo di coinvolgere i cittadini nel sistema di sorveglianza e di segnalazione.

Un’app per identificare i debitori

Qualche tempo fa vi abbiamo parlato del sistema di “punteggio sociale” adottato in alcune regioni e città della Cina. Questo punteggio, simile in parte al punteggio creditizio statunitense, ma esteso anche ai comportamenti socialimorali, può determinare agevolazioni, come sconti e una maggiore facilità nel chiedere prestiti, ma anche svantaggi, a seconda del suo valore. Oltre allo stigma sociale dovuto ad un basso punteggio, parliamo per esempio dell’impossibilità di acquistare un biglietto aereo o ferroviario o di alcune limitazioni finanziarie, conseguenze con quindi un impatto reale sulla vita delle persone.

Un nuovo esempio di applicazione del punteggio sociale è stato riportato la settimana scorsa dal giornale cinese China DailySembra infatti che sia ora disponibile, attraverso la popolarissima piattaforma WeChat, una nuova applicazione per identificare la presenza di debitori in un raggio di 500m dall’utente. La posizione precisa del moroso apparirebbe precisamente su una mappa, ma non è chiaro se sono disponibili anche altre informazioni, come nome, foto l’entità della somma dovuta.

app debitori WeChat punteggio sociale

Lo scopo di questa applicazione è quello di incoraggiare i cittadini a “fare la spia” su quegli inadempienti capaci di pagare i loro debiti, nonostante abbiano magari dichiarato il contrario. Un’altra teoria è che l’esposizione e la marginalizzazione sociale conseguente a questa misura scoraggerebbe i morosi dal non onorare il debito. In entrambi i casi, si tratta sicuramente di uno scenario in parte lontano dalla nostra esperienza quotidiana, quasi distopico, ma che dall’altra è anche molto reale, e legato ad una delle più importanti nazioni del mondo.

L’introduzione del programma a livello nazionale è per ora prevista per il 2020, e notizie come questa non fanno che confermare l’intenzione del governo a procedere in questa direzione.

[amazon_link asins=’B00R1MMO3G,8889508833,8894898199′ template=’ProductCarousel’ store=’gamspri02-21′ marketplace=’IT’ link_id=’5f85516e-58c6-4f19-b88b-a74c6431fdf5′]

Giovanni Natalini

author-publish-post-icon
Ingegnere Elettronico prestato a tempo indeterminato alla comunicazione. Mi entusiasmo facilmente e mi interessa un po' di tutto: scienza, tecnologia, ma anche fumetti, podcast, meme, Youtube e videogiochi.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link