fbpx
revolut australia

Revolut, Croce Rossa e WWF uniti per dare supporto durante l’emergenza incendi in Australia


Revolut sta lavorando con la Croce Rossa e WWF per lanciare un appello relativo all’emergenza incendi in Australia, causa di una devastazione senza precedenti.

Revolut WWF e Croce Rossa insieme per supportare l’Australia

Revolut annuncia oggi la collaborazione con Croce Rossa e WWF volta a supportare migliaia di persone e animali coinvolti nell’emergenza incendi in Australia.  Gli utenti Revolut possono donare a Croce Rossa e WWF attraverso la funzione Donazioni all’interno dell’app, che consente agli utenti di arrotondare i propri pagamenti e donare la differenza in beneficenza. Gli utenti possono anche donare impostando dei pagamenti ricorrenti o effettuando una donazione singola.

Tutte le donazioni degli utenti Revolut indirizzate alla Croce Rossa andranno direttamente all’Australian Red Cross Disaster Relief and Recovery Fund, che fornisce cibo e acqua, supporto psicologico, servizi, controlli medici, telefoni satellitari e altro.

Le donazioni destinate a WWF verranno destinate per gestire l’impatto che gli incendi hanno sulla fauna e sulle comunità. Una volta domati gli incendi, i fondi verranno utilizzati per ripristinare l’habitat dei koala, in particolare della piantumazione dei primi 10.000 alberi necessari alla sopravvivenza di questi animali, e di altre specie. Ciò sarà anche utile per fare pressione sulle istituzioni e prevenire il disboscamento prima che sia troppo tardi.

Una tragedia senza precedenti

L’Australia sta affrontando una delle più pericolose e catastrofiche stagioni di incendi mai viste. La maggior parte dell’attenzione è concentrata sulla drammatica situazione del Nuovo Galles del Sud ma tutti gli stati sono coinvolti. Oltre 1200 case sono state distrutte, più di 10 milioni di ettari di terra sono bruciati e si stima che fino a 1,25 miliardi di animali possano essere stati uccisi direttamente o indirettamente.

Gli incendi sono devastanti e la crisi ancora in atto. Decine di migliaia di case negli stati di Victoria e del Nuovo Galles del Sud sono attualmente senza elettricità e migliaia di persone hanno dovuto evacuare la propria abitazione

Il 100% delle donazioni verrà devoluto all’ente scelto e Revolut non tratterrá alcuna commissione. Non esiste una soglia minima per le donazioni e la funzione può essere attivata e disattivata dall’utente in qualsiasi momento.

Le dichiarazioni dei tre enti

Tom Hambrett, Global Head of Legal di Revolut, afferma: “Il supporto dell’intero team di Revolut in questa difficile situazione è stato prezioso e sono certo che la nostra generosa community apprezzerà l’opportunità di donare e aiutare chi è stato coinvolto in questi incendi catastrofici”.

Belinda Dimovski, Head of Engagement and Support della Croce Rossa australiana Australian aggiunge “Stiamo assistendo a un fenomeno senza precedenti. E lo stesso è per l’ondata di aiuti che stiamo ricevendo da persone e aziende di tutto il Paese e da oltreoceano. I fondi che raccoglieremo assicureranno al nostro staff e ai volontari la possibilità di supportare per un lungo periodo tutte le persone coinvolte a rialzarsi e riprendere in mano le proprie vite. Offriremo loro anche un aiuto economico per coprire le spese essenziali per la ricostruzione. Ringraziamo Revolut e gli utenti per questa incredibile iniziativa e per la generosità nei confronti dei team d’emergenza e delle persone che aiutiamo”. 

Paul De Ornellas, Chief Wildlife Adviser di WWF, conclude: “L’Australia sta bruciando e l’impatto è enorme. Sono state perse vite umane e abitazioni, e anche la fauna selvatica sta soffrendo. Si stima che oltre un miliardo di mammiferi, uccelli e rettili siano coinvolti, incluso il 30% dell’intera popolazione di koala di quest’area. Una volta domati gli incendi dovremo lavorare per ripristinare quanto è stato perso. I cambiamenti climatici non sono la causa degli incendi ma li rendono più probabili e forti. Le intense ondate di caldo e l’estrema siccità dell’ultimo anno hanno alimentato le fiamme e causato questo stato di emergenza. Dobbiamo tutti fare qualcosa per proteggere il pianeta dai disastri climatici: se ciò non avviene tali eventi diventeranno la normalitá, con conseguenze letali per le persone e per la natura. “ 


Livio Marino

author-publish-post-icon
Sangue siciliano, milanese d'adozione, mi piace essere immerso in tutto ciò che è tech. Passo le giornate dando ordini ad Alexa, Google ed al mio cane, Maverick.
                   










 
Sì, iscrivimi alla newsletter!
close-link