fbpx
AttualitàCulturaNews

Gli italiani sono il popolo più stressato

La conferma arriva da una ricerca commissionata da N26

Un nuovo studio commissionato da N26 punta a individuare le situazioni più stressanti per il cervello umano. La “Mobile Bank” ha diffuso oggi i risultati della ricerca condotta dal neuroscienziato Jack Lewis su di un campione di 1.000 uomini e donne in Europa e negli Stati Uniti. Le perone che hanno partecipato alla ricerca sono state sottoposte ad un test di reazione implicita che ha permesso di determinare il livello di stress in base ad una serie di circostanze comuni.

Secondo una ricerca di N26 gli italiani sono in cima alla classifica dello stress

L’Italia è il Paese in cima alla classifica dello stress. Gli scenari più ansiogeni per gli utenti italiani sono quelli legati a problemi finanziari come il mancato pagamento del mutuo (96%) o una multa inaspettata (96%). Da notare, però, che gli italiani sono anche i migliori per quanto riguarda la riduzione dei livelli di ansia.

Lo scenario che consente una migliore riduzione dello stress è l’ascolto della musica (96%) seguito dall’ottenimento di uno sconto (95%) e dal ricevere un complimento (94%). Utili per ridurre lo stress sono anche un bonus a lavoro (92%) e un regalo del denaro contante (91%).

Le differenze tra uomini e donne

Per gli uomini, tra le cause di stress principali, c’è al primo posto il mancato pagamento del mutuo evidenziato dal 97% degli intervistati. In seconda posizione troviamo la perdita del lavoro. Successivamente c’è il test del COVID e l’essere scoperti a mentire. Situazione decisamente differente per le donne.

Secondo i dati della ricerca, infatti, il pensiero di una caldaia rotta rappresenta lo scenario più angosciante perle donne con il 98%. A seguire troviamo una multa inaspettata, il mancato pagamento del mutuo, un divorzio o la fine di un rapporto.

Offerta
Il lato positivo dello stress
  • McGonigal, Kelly (Author)

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button